Lunedi, 13  Luglio  2020  00:01:09


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


V Domenica di Quaresima B

Gesu-nel-campo-di-granodi Don Giovanni Tangorra

 

Il tema del giorno è nell’apertura del Vangelo. Gesù ha appena compiuto il suo ingresso nel tempio, circondato dai discepoli che lo proclamavano messia. Ecco però giungere alcuni “greci” che lo cercano. Nella mentalità di allora erano i pagani, esclusi dall’alleanza. Loro pure vogliono vedere il maestro, cioè avere fede in lui, e riposare all’ombra della sua presenza. Il racconto si snoda attraverso uno strano passaggio di consegne: Filippo lo dice ad Andrea, poi Andrea e Filippo vanno a dirlo a Gesù. Sembra che la cosa si stia facendo difficile. Alla fine non sappiamo neanche se la richiesta fu esaudita, conta sapere che l’ora è giunta perché tutti diventino un popolo solo. Per far capire il come, Gesù paragona se stesso al chicco di grano.

 

L’alleanza scritta nel cuore

L’alleanza è un tema fondamentale, che attraversa tutta la Scrittura. È il patto con cui Dio crea un vincolo di amicizia e che, di riflesso, stringe gli uomini tra loro, facendoli sentire un popolo. Nell’Antico Testamento si parla dell’alleanza con Noè, con Abramo e sul Sinai, con Mosè. I profeti, però, si accorgono che la spinta iniziale si è esaurita. L’alleanza è diventata un puro formalismo, il popolo si limita a seguire alcune regole esteriori, ma il suo orecchio interiore è sordo alle richieste della giustizia. Fanno quindi un sogno potente, intravedendo la venuta di un Messia che avrebbe stipulato un’alleanza nuova, eterna, riportandola al centro, che è l’amore.

Il brano di Geremia (31,34-34) ne dà l’annuncio. Il profeta, piuttosto deluso per i propri fallimenti, proclama la sua fiducia in Dio. Trasforma quindi lo sconforto in speranza, predicendo un intervento futuro che descrive in termini appassionati. Se il popolo ha infranto il patto, Dio non ha smarrito la sua amicizia, dimentica le iniquità e stabilisce un’alleanza nuova, non paragonabile a quella del Sinai, perché non scritta su tavole di pietra bensì nel cuore di carne. Non ci sarà nemmeno bisogno di essere istruiti, ma ciascuno saprà trovare da sé il vero e il giusto. Dio e popolo saranno una cosa sola: «Allora io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo».

 

La seconda lettura, tratta dalla lettera agli Ebrei (5,7-9), fa eco all’annuncio profetico, dichiarando la fede della Chiesa, che ha riconosciuto in Cristo il Messia promesso. Il brano si sofferma sulla natura sacerdotale del suo messianismo. Il compito del sacerdote è fare da mediatore tra il cielo e la terra, dare voce alla parola di Dio, e offrire la propria vita a salvezza degli altri. Per l’autore della lettera solo Cristo ha potuto assolvere questi compiti, perché lui è il Figlio, e, pur essendo tale, ha accettato di diventare come noi, dando così origine alla nuova umanità. Egli è dunque l’unico vero sacerdote, e nessuno può proclamarsi tale fuori di lui.

Gesù ha raggiunto questo traguardo percorrendo due strade: l’obbedienza e la solidarietà. La prima si intende in riferimento alla volontà del Padre, cui è rimasto fedele anche nella lotta del venerdì santo. La sua vita terrena non è stata una passeggiata e chi pensa che la fede lo sia ha sbagliato l’indirizzo di Dio. Per dire la misura della solidarietà, il testo parla di condivisione dei dolori. Sceglie parole forti, riferendo di “grida e lacrime”, che hanno sullo sfondo la scena del Getsemani. Persino le sue preghiere, che potevano essere esaudite, sono rimaste mute, ma la risposta di Dio non si è fatta attendere: ed è la risurrezione.

 

Storia di un chicco di grano

Può capitarci di restare incantati dinanzi allo spettacolo estivo di un campo di grano. Le sue spighe senza numero, che si alzano nell’aria e che coprono il terreno dandogli il colore dell’oro. Spighe che si agitano nel vento e che catturano la luce del sole o del tramonto. Dopo il raccolto, il loro frutto sarà macinato per diventare farina, che le mani pazienti dell’uomo trasformeranno in pane. Eccolo sulla nostra tavola: il pane che profuma di terra e di cielo, e che ci riempie l’anima. Il pane che nutre gli affamati e sostiene il nostro viaggio, dandoci il calore necessario per attraversare le strade del tempo. Pane che a volte si paga caro, mentre è il regalo della terra!

Pochi però pensano agli inizi di questa grande storia, a quel piccolo seme, che una mano calda gettò nella terra fredda di un giorno di autunno. Seme troppo piccolo perché sia notato, ma che ha in sé il segreto della vita. Seme che sogna di arricchire la terra, ma che sa attendere, per diventare fiore, poi stelo e poi spiga. Seme che deve attraversare il mistero della morte per generare un intero universo. Questo spettacolo nascosto non sfugge agli occhi attenti di Gesù, che contempla la terra con amore, dando a quel piccolo seme la dignità di metafora cristologica: «Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto».

Con questa frase il maestro sintetizza il senso della sua missione. Essa è introdotta dalla consapevolezza che è giunta l’ora. «Gesù rispose loro: È venuta l’ora». Si avverte la tensione del momento. La passione è prossima. Nel linguaggio di Giovanni “l’ora” indica il culmine dell’attività messianica. Ma che ora è questa? È l’ora della salvezza, dell’incontro dei popoli, in cui anche quei greci che lo cercano potranno vederlo. È l’ora del chicco di grano che si moltiplica. E tutto non sarà più come prima. Proprio nel momento della sua maggiore sconfitta, che è la croce, Gesù chiamerà tutti a sé: «E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me».

Il maestro non spinge il nostro sguardo verso i suoi dolori, ma verso l’amore che non rifiuta di diventare dolore. È ciò che contempliamo in un crocefisso. Gesù non parla solo di sé ma di noi. Infatti, dice: «Dove sono io, là sarà anche il mio servitore». Siamo cercatori di vita, se non riusciamo a trovarla forse è perché siamo troppo concentrati su noi stessi. Il piccolo seme ci insegna che c’è un altro modo: donarla. Lo vediamo in un grembo di madre e lo leggiamo sulle mani di un operaio. Piaghe che parlano di amore, storia di un seme di grano che ha sconfitto la solitudine. Sì, «solo l’amore donato rende la vita degna di essere vissuta» (Emmanuel Mounier).

L’ascolto della parola, apertosi con i greci che cercano Gesù, ci ha portati a mescolarci con loro, formando il popolo dei cercatori di Dio. Vogliamo vedere Gesù. Lo chiediamo a Filippo e poi ad Andrea, cioè alla Chiesa, che ha questo solo compito sulla terra: condurci ai piedi di una croce luminosa, per imparare l’avventura del seme di grano.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).