Domenica, 12  Luglio  2020  23:26:16


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


VI DOMENICA DI PASQUA

BUOCTHEOLa gioia del Vangelo e dal Vangelo, di Don Cyriaque Niyongabo - Un Dio per amico e confidente che insegna: amare è donare tutto fino a donare la propria vita! La confidenza di questa domenica è che solo un cuore aperto che sa donare, sa gioire realmente e pienamente. Doveva essere proprio una voce calda e dolcissima, da ascoltare tutto il tempo, voce che sgorgava da quel Sacratissimo Cuore che amò sino alla fine. Aveva appena affermato concludendo il discorso sulla vera vite: “vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena!

Quella voce calda e dolce cerca collaborazione corresponsabile da parte dell’uomo, proprio come fanno i veri amici: “io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto”. Come accadrà questo nella vita dei discepoli e nella vita della Chiesa? Il grande protagonista è quello Spirito Santo che non fa preferenze, quello Spirito che rende la Chiesa di Cristo “Cattolica”

 

“Cristo, tutti invita: ‘Siate miei amici’! Cristo, tutti invia: ‘Siate messaggeri’!”

 

Leggendo la parola di Dio che la Chiesa ci propone nella santa liturgia di questa domenica non ho potuto fare a meno di ricordare queste parole che abbiamo cantato a squarciagola nelle strade di Rio de Janeiro durante la GMG del 2013. Cristo invita tutti ad essergli amici. Dall’amicizia con Lui consegue la forza irresistibile di diventare missionari di quella intima gioia che va condivisa. Infatti ci sta una gioia piena e traboccante, donata con e per amore, non lesinata ma donata nella sua pienezza. È la gioia del Vangelo! Questa gioia nasce dal donare la propria vita pienamente per coloro che si ama. Un amore perfetto perché prende mosse ed ispirazione dall’Amore del Padre. Ascoltare la Parola e conformare la propria vita a quanto il Padre ha fatto conoscere attraverso il Figlio prediletto.

 

Questa gioia e questo amore li ha vissuti Simon Pietro, ormai abbandonato allo Spirito, liberato da ogni pregiudizio, da ogni amor proprio, dal “si è fatto sempre così”! È così capace dunque, in virtù di questo amore, di essere profetico, di tendere la mano a Cornelio, l’ospitante che lo venera quasi come un Dio. Cornelio riconosce in Simon Pietro quel tempo trascorso con il Signore; ormai profuma della Sua stessa bontà, sente che quest’uomo ha tanto ricevuto dal Santo Maestro! Pietro rialza Cornelio, gli riconosce pari dignità! Per questo ci tiene a precisare subito: “Alzati, anche io sono un uomo!

 

 

…anche io sono un uomo

 

Rimettere a posto tutte le cose, non usurpare il posto di un Altro, non usurpare il posto di Dio nella nostra missione soprattutto quando viviamo il successo missionario. Solo gli occhi pieni d’amore sono capaci di scorgere nelle pieghe della storia la novità delle cose. Ecco perché nella missione ci è richiesto continuamente uno sguardo convertito! Ricordare sempre che il discepolo viene dopo il Maestro. Il bene abbonda, lo Spirito scende laddove il cuore è aperto; il cuore si gonfia di gioia e i doni di Dio si diffondono. Battezzare, immergere nell’acqua coloro che hanno già ricevuto lo Spirito è dunque aprire la porta per una fede più consapevole.

 

Non basta amare, occorre anche muoversi, dare ali ai piedi

 

A Rio ancora si cantavano queste parole che nella nostra memoria riportano il mandato missionario accolto dalle mani di papa Francesco:


“A te diamo la nostra vita, passo per passo, fra i figli tuoi. Popolo nuovo, famiglia unita: noi con te, Tu Dio con noi. Annunziamo la tua Parola e la tua luce trasformerà la vita vecchia, in vita nuova nel mondo unito che qui è realtà!”

 

La missione di ogni credente consiste allora nel realizzare le opere di Dio in favore della vita e dell’uomo, sapendo però che non cammina da solo ma con lo stesso Dio suo che lo manda.

Una missione che impegnerà in modo particolare ogni cristiano confermato nella fede, dal momento in cui lo Spirito d’amore scende nella propria anima con i suoi sette doni. Nel brano evangelico infatti, è tutto un alternarsi di misura umana e di misura divina dell’amore. Gesù non dice semplicemente amate. Non basta amare, potrebbe essere solo sentimentalismo, una necessità biologica o storica, perché se non ci amiamo ci distruggiamo. Non dice neanche: amate gli altri con la misura con cui amate voi stessi. Tu non puoi essere misura a te stesso, con gli sbandamenti del cuore, con i testacoda della volontà. Ciò che è divino è l’aggiunta: amatevi come io vi ho amato; e Dio stesso diventa la misura di come amare.

 

Uno dei nomi di Dio: Amico

 

Un amico credibile e affidabile, che non tradisce e non trascura. Ha preso Lui il nostro modo di amare, si è vestito della misura umana dell’amicizia quando ha detto: “voi siete miei amici”, una musica per il cuore dell’uomo. E lo ha detto per mettersi alla pari, per essere dentro il gruppo e non al di sopra, per dire uguaglianza e affetto. Per meglio rivelarsi, perché l’amicizia va bene al di là dell’insegnamento. “Tutto… ho fatto conoscere a voi”: il tutto di una vita non si impara da lezioni o da comandi, ma solo per sintonia e comunione, per vicinanza e affinità, per empatia d’amico. E poi di nuovo a indicare la misura assoluta dell’amore, introducendo un verbo brevissimo, che spiega tutto: dare. Nel Vangelo amare è tradotto con dare, giacché non c’è amore più grande che dare la vita; non già sentire o emozionarsi, ma dare; quasi un affare di mani, di pane, di acqua, di veste, di tempo donato, di porte varcate, di polvere delle strade. E dare niente di meno che la vita, a indicare che l’unica misura dell’amore è amare senza misura, senza porre limiti. Ma a indicare anche che l’amore che ti assedia è un amore a sua volta assediato, come una lampada accesa nel buio, come un agnello tra i lupi. Minacciato amore, sottile come il respiro, possente come le grandi acque (cf Ct 8, 7), fragile, da me custodito, materia di cui è fatto Dio e la creatura, materia di luce di cui si compongono la gioia e la vita.

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).