Giovedi, 02  Aprile  2020  18:21:23


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanaAccount Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Natività di S. Giovanni Battista

nativitagiovannidi Don Roberto Sisi - È la terza natività che si festeggia nell’anno liturgico dopo il Natale di Nostro Signore e la natività della Vergine Maria. Sono tutte e tre nascite che rispondono ad un piano o ad un progetto di Dio, a una missione. Questo ci fa spostare l’attenzione dal momento stesso della nascita alla figura festeggiata e soprattutto alla sua missione. Il grande insegnamento che viene fuori è che ognuno di noi nasce in questo mondo come progetto di Dio e per una sua missione. Una missione che dobbiamo scoprire, capire e discernere in continuazione.


Figura e modello di vita cristiana perfetta

Si possono individuare in san Giovanni Battista tutte le sfaccettature di una vita cristiana autentica e perfetta; infatti egli è:

  • Un uomo secondo il cuore di Dio: Scelto fin dal grembo di sua madre. Basta pensare al racconto della visitazione quando, ancora nel ventre di Elisabetta, questo bambino si agita davanti al suo Signore, anche lui nel seno di Maria. È notevole il fatto che Giovanni non si conforma alle comodità e alla vita della sua epoca. Nasce per un progetto e una missione speciale. Non cerca di entrare nella “classe sociale” e religiosa di suo padre con tutti i privilegi che questo poteva riservargli. Farà una vita totalmente estranea, ritirandosi subito nel deserto, in ascolto e obbedienza allo Spirito. Già dal nome, si nota la netta distanza che questo bambino intende prendere da un “modo comune” di fare e di pensare.
  • Un profeta e un martire: “Voce che grida nel deserto”, che parla per Dio e di Dio, annuncia la verità, la giustizia e denuncia il male, la corruzione, il peccato… È una “spada tagliente”. La sua missione profetica si esprime anche in un richiamo “crudo” e sincero alla verità e alla giustizia, in un mondo spesso superficiale e crudele. Questo lo porta al martirio. È l’ultimo profeta che conclude l’Antico Testamento.
  • Battezzatore e messaggero della conversione: Giovanni vuole riportare i cuori a Dio. Amministra un Battesimo di conversione, chiedendo di preparare e raddrizzare le strade al Signore.
  • Il precursore, ovvero colui che “cammina davanti o che precede”. È lui che prepara la via al Signore che viene. Lo precede in tre modi: nella nascita, nella missione e nella morte. Ci sono tante similitudini tra la vita di Giovanni Battista e quella di Gesù in questi ambiti. In questo ruolo indica chiaramente, con tanta umiltà, che non è lui il Messia. È pronto a sparire purché emerga “Colui che deve venire”.
  • L’ascetico: Talmente sottomesso allo Spirito Santo, si ritira nel deserto, sicuramente anche per discernere sulla sua vocazione e capire il senso della sua missione (dalla storia straordinaria della sua nascita come gli avranno raccontato i suoi genitori) e si veste di peli di cammello, mangia le locuste ed il miele selvatico.
  • Il puntatore del futuro e indicatore della via: Il futuro e la via in questo caso è identificato in Gesù, l’Agnello di Dio. Con la sua vita e il suo stile di vita, Giovanni trasmette la speranza, l’ottimismo, in un mondo segnato da tante contradizioni, tanto male e tanta negatività.

 

Dio non finisce mai di stupire

La nascita di Giovanni Battista per i suoi genitori era sicuramente un evento inaspettato, una bella sorpresa. Erano avanzati negli anni, non potevano avere figli. In questo nostro contesto dove tanti paesi hanno legalizzato e legittimato l’aborto, la festa di oggi ci insegna che un figlio è sempre una buona notizia, un dono. Essa ci insegna anche che Dio, che sa stupire e sorprendere, ancora non ha detto l’ultima sua parola. Questo Dio, che ha fatto grazia a Zaccaria ed Elisabetta, è lo stesso che continua a fare grazia al suo popolo oggi. Dio ha ancora tante sorprese per la vita di ognuno. Nulla è perso, non c’è nessun motivo di scoraggiarsi.

Attraverso la figura di Giovanni Battista la liturgia ci mette di fronte molti aspetti della vita della fede, cominciando dal suo nome che significa “Dio fa grazia”. Giovanni si presenta anche come una risposta concreta al fatto che “Dio si ricorda” (significato del nome di Zaccaria) del suo popolo.

 

Cosa sarà mai questo bambino?

Domanda legittima per ogni figlio che nasce. Quanti sogni e desideri i genitori sviluppano circa ogni nascita. Ogni genitore sogna in grande per il proprio figlio. Ma in questo caso, lo stupore che circonda e accompagna il concepimento e poi la nascita di Giovanni Battista si verificherà durante tutta la sua vita e la caratterizzerà. Sarà grande, eccezionale ed unico. La grandezza e la particolarità della figura di Giovanni Battista emerge dal fatto che è l’unico santo, a parte la Beata Vergine Maria, di cui si celebra la natività. Per tanti motivi Giovanni è unico, a tale punto che lo stesso Gesù dichiara che tra i nati da donna non ce n’è uno più grande di lui. Di solito si festeggia il santo al giorno della morte o della nascita in cielo. Maria e Giovanni Battista sono gli unici per cui si festeggia la nascita. Questo significa in effetti che la vita di Maria e di Giovanni non hanno senso fuori di Gesù. Sono nati per Gesù. Maria per esserne madre e Giovanni per preparare la sua venuta.

Sul piano liturgico, il carattere unico e particolare di questo santo si dimostra nel fatto che questa festa ha precedenza anche sulla domenica.

 

L’ultimo dei profeti

Giovanni si definisce come la voce che grida nel deserto: “In mezzo a voi c’è qualcuno che non conoscete. Preparate la via al Signore. Raddrizzate i suoi sentieri…” Giovanni non attira verso di lui, ma ha la vocazione di orientare verso Gesù: “Ecco l’Agnello di Dio”. I primi discepoli di Gesù erano infatti i discepoli di Giovanni. Ma egli con umiltà indica la vera meta, il Cristo. Un personaggio così ha sicuramente tanto da insegnare a questa nostra cultura caratterizzata dalla ricerca del successo, della visibilità, dell’apparenza, dall’egocentrismo… Non cede alla trappola del successo. Attira, ma orienta verso l’essenziale e non verso se stesso.

Giovanni è come una cerniera tra l’Antico e il Nuovo Testamento. Come nessun altro profeta è l’unico che ha conosciuto il Messia.

 

Una voce

In un sermone sant’Agostino, facendo la differenza tra la voce e la Parola, dice: « Se Gesù è la Parola, il Verbo, Giovanni è la voce ». La Parola preesiste prima della voce. E una volta che è stata detta, la voce non ha più nessun motivo di essere. La Parola rimane, continua a risuonare nel cuore di chi la ascolta. Gesù stesso si è fatto eco di questa voce, elogiando la persona, la missione e la vita di Giovanni Battista.

 

Un cammino di fede nell’umiltà

Non è stato così semplice il cammino di Giovanni Battista. Addirittura gli è successo di dubitare: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettarne un altro?”. Giovanni segue un cammino di fede che per ognuno di noi è un modello. Un cammino segnato dalla ricerca di Dio, dal discernimento continuo. Chi non ha mai avuto dubbi in vita sua?

L’umiltà di Giovanni Battista ci dovrebbe illuminare. Spesso vogliamo essere non solo la voce, ma anche la Parola. Non ci accontentiamo di essere il dito che indica, ma vogliamo essere noi il punto di mira.

In questa domenica, chiediamo a Dio tutte le grazie che ci occorrono per una vita cristiana autentica. Tra queste, gli chiediamo soprattutto il dono della santità, il coraggio profetico, la fede e l’umiltà.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).