Domenica, 05  Luglio  2020  08:28:01


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Santo Natale 2018

nativitagiovannidi Don Giovanni Tangorra - Il Natale contiene il mistero della rinascita. L’istante sembra fermarsi e il tempo riprende fiato. La sua celebrazione annuale risveglia la memoria, e serve ad aprire una pagina su cui scrivere qualcosa di nuovo. Non siamo quelli dell’anno passato, e molte cose sono cambiate, alcune in bene, altre in peggio, in noi e nel mondo che ci circonda. La comunità avverte l’esigenza di raccogliersi e di restare in silenzio. Ascoltare il silenzio, nel frastuono di un mercato, dove ciascuno vende e compra un Dio fatto su misura. In questa celebrazione viene in soccorso la parola di Dio, che la liturgia distribuisce nelle messe della notte, dell’aurora e del giorno.

 

Un figlio ci è dato

 

Le prime letture sono tratte dal libro di Isaia. Le accomuna un senso struggente della promessa. Nel brano notturno (9,1-6), il profeta avverte il dolore del popolo e lascia intravedere all’orizzonte un bagliore, componendo il suo inno messianico: «Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce». Parla del popolo perché la speranza è un contagio collettivo. Alla luce si contrappongono però le tenebre. È il male, che trama sullo sfondo, e soffoca il grido di gioia. Il motivo del riverbero luminoso è detto poco più avanti: «Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio». La tradizione cristiana vi ha scorto l’immagine del Messia, figlio del cielo e della terra, quindi un po’ di tutti noi. Sì, ci è stato dato un figlio, e sulle sue spalle un nome che riassume le nostre attese: «Sarà principe della pace».

Il protagonista dell’aurora è il «Dio che viene» (Is 62,11-12). Il popolo è tornato dall’esilio, ma ha davanti a sé un futuro tutto da ricostruire. La gioia ha subito lasciato il posto all’amarezza, e solo una forte speranza può riaccendere la fiamma. Con parole accorate, il profeta si rivolge agli affitti, a chi ha solo Dio in cui confidare. «Dite alla figlia di Sion: Ecco, arriva il tuo salvatore». Forse la situazione dei nostri popoli è la stessa, e in molti c’è la voglia di fermarsi, di lasciarsi andare, di arrendersi. Un messaggio del Natale è credere che le cose possano essere cambiate. Non siamo soli. Dio non è chiuso in un’assoluta e distante trascendenza. Ecco ci dona un Salvatore, «e tu sarai chiamata Città non abbandonata». Questa è la buona notizia che non dovremmo stancarci di annunciare, anziché vaticinare sciagure.

Il brano del giorno si rivolge proprio ai messaggeri, scrutando i loro passi leggeri mentre proclamano la shalom: «Come sono belli sui monti i piedi del messaggero che annuncia la pace, del messaggero di buone notizie che annuncia la salvezza» (Is 52,7-10). Sono sentinelle che alzano la voce, sbirciando in lontananza la penombra che si dissolve nel chiarore del giorno. È un inno alla gioia, che tocca vertici di commozione, perché si rivolge a un popolo tra le macerie: «Prorompete insieme in canti di gioia, rovine di Gerusalemme, perché il Signore ha consolato il suo popolo». C’è un passaggio di voci: consolate, consolate! Ti consolerò così a lungo che troverai la fiducia. La promessa è una salvezza senza confini. «Dio regna», dice il profeta, e proprio non ci riesce vederlo come nemico dell’uomo.

 

Epifanie notturne

 

I testi delle seconde letture sono estratti dalle lettere a Tito (2,11-14; 3,4-7) e agli Ebrei (1,1-6). Li attraversa il termine epifania, cioè la manifestazione divina. Dio non può essere visto, ma riusciamo a scorgerlo nel volto umano di Cristo, nelle sue emozioni e in ciò che compie. Con lui «è apparsa (epephanê) la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini». Nel tempo che scorre, s’innesta il tempo della salvezza. Occorre comprendere l’importanza della grazia per non affondare nel fango. Essa è necessaria a un mondo che ha perso la sua innocenza, ma giunge come un dono che non possiamo darci da soli. La seconda lettura dalla lettera a Tito nella messa dell’aurora elenca altre epifanie: la bontà di Dio, il suo amore per gli uomini, la sua misericordia. Cristo è l’imago Dei, «il primogenito del mondo», dice la lettera agli Ebrei. E intanto si fa giorno, mentre i Vangeli ci riportano alla vertigine di un bambino che nasce.

A Luca è affidato il compito di raccontare l’epifania di Betlemme (2,1-14), e lo fa con la tecnica del contrasto. In una cittadina polverosa, sconosciuta alle mappe dell’impero, nasce Cristo, «pienezza del tempo» (Gal 4,4). Da una parte il nome macroscopico dell’imperatore Cesare Augusto, e dall’altra un salvator mundi che si presenta in una mangiatoia, in fasce, in un alloggio di fortuna. Forse l’avremmo immaginato diversamente questo giorno così importante; del tipo: un’incoronazione imponente, ma è nello stile di Dio lasciare le sue impronte senza accecare gli sguardi. Tanto basta però a Luca per provocare una «gioia grande», che gli angeli annunciano non nei palazzi del potere o tra le colonne del tempio, bensì «ad alcuni pastori che pernottavano». Che notte è questa? È quella di un fuoco che accende la fede: «Oggi è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore».

Anche nei pastori avviene un’epifania, quella dei destinatari della promessa (Lc 2,15-20). Sono i protagonisti dell’aurora: i poveri, gli ultimi, gli anonimi. Nel racconto lucano non ci sono i magi, non c’è oro o argento, né stelle che brillano, ma uomini ai margini, che neanche pensavano di ricevere un annuncio di salvezza. Essi costituiscono la prima corte del re senza corona. Da evangelizzati si fanno evangelizzatori: «Tutti si stupirono delle cose dette loro dai pastori». E poi c’è lei, Maria, la donna, la madre, con cui l’evangelista termina il racconto. Nel suo silenzio è passato il mistero, dal suo grembo ha preso carne il dominatore dell’universo. Nella tempesta degli avvenimenti poche parole e un’inquadratura di primo piano: «Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore».

Il giorno è ormai giunto, si sentono i rumori della città che si sveglia, ma la storia è ancora quella dell’incertezza, che intreccia tenebre e luce. La descrive il prologo del vangelo di Giovanni (1,1-18), trasportandoci in un viaggio che giunge all’eternità delle cose. Il suo proposito è di dire, finalmente, chi è questo figlio che nasce: «In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio». Lo chiama Logos, perché non porta solo “parole”, ma è la Parola che esce dal silenzio di Dio. Ne avvertiamo la mancanza, in questo tempo di parole urlate, esibite, messe in vetrina, lanciate come coriandoli, che non sanno più distinguere la verità dalla menzogna. «E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi». Noi che gli apparteniamo non siamo riusciti a riconoscerlo, ma la sua tenda ha fatto radici nella storia. La sfida della fede è ormai lanciata e i cercatori sapranno trovarla.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).