Giovedi, 02  Aprile  2020  20:23:16


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanaAccount Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


II Domenica Quaresima /C

Trasfigurazione-di-Cristo1Don Gerardo Battaglia - In un clima così austero, come quello che la Quaresima vuol creare, sorprende un poco il trovarsi di fronte il racconto della Trasfigurazione del Signore che, in ognuno dei tre cicli, la Liturgia ci presenta sempre nella seconda Domenica di Quaresima: è una scena di gloria e di manifestazione di potenza, che a prima vista sembra stonare con l'itinerario "penitenziale" e di "conversione" caratteristico di questo tempo liturgico.

A ben leggere il racconto evangelico, però, soprattutto quello di Luca propostoci per oggi, la verità è ben altra: infatti, proprio questo racconto ci aiuta a penetrare meglio il senso vasto e profondo del ciclo quaresimale.

 

E incominciamo da due caratteristiche del racconto lucano (9,28-36), che subito ci riportano in pieno clima quaresimale.

La prima è l'esplicito riferimento alla "preghiera", che costituisce come l'ambiente spirituale in cui si snoda quella meravigliosa e misteriosa manifestazione del divino in Cristo che avvenne sul "monte" (solo la tradizione posteriore parla del Tabor): "Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. E, mentre pregava, il suo volto cambiò d'aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante" (vv. 28-29). Il testo sembra quasi suggerirci, con la ripetuta insistenza sul "pregare" di Gesù, che è proprio questa preghiera intensa, solitaria e profonda a provocare la "trasfigurazione" della sua persona: l'uomo che prega profondamente, come faceva Cristo, si immerge talmente in Dio.

Sappiamo come il tema della preghiera sia caro all'evangelista Luca: ma il richiamarlo proprio in questo periodo liturgico sta a significare che la Quaresima assume il suo significato più vero sotto il segno della "preghiera". Il cristiano, che intraprende l'itinerario quaresimale, deve sapere che la "trasfigurazione" della sua vita è possibile solo alla luce fiammante della preghiera: solo da Dio viene la forza per camminare verso la "novità" della Pasqua.

E poi la seconda caratteristica del racconto lucano: ci dice qualcosa sul "contenuto" di quel misterioso dialogo di Gesù con i due più prestigiosi personaggi dell'antica alleanza: "Parlavano della sua dipartita, che avrebbe portato a compimento a Gerusalemme" (v. 31). Il termine greco, corrispondente a "dipartita", è "éxodos", cioè "esodo": è tutta la tematica dell'esodo perciò che viene qui riassunta, come tensione verso la liberazione definitiva e conquista della Terra promessa, la quale però giunge al termine di una infinita catena di sofferenza e di "tentazioni" nel deserto.

Proprio per questo il racconto della Trasfigurazione ci inserisce di nuovo nel clima della Quaresima, intesa come ripetizione, quasi "concentrata", sia del faticoso viaggio dell'esodo d'Israele dalla schiavitù egiziana, che del viaggio di Cristo verso Gerusalemme, dove egli consumerà il suo sacrificio. Quasi immediatamente dopo, infatti, Luca incomincerà a descriverci l'interminabile "viaggio" di Gesù verso la città santa: "Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato tolto dal mondo, si diresse decisamente verso Gerusalemme" (9,51). È la Quaresima che marcia verso la Pasqua!

 

L'evangelista, inoltre, descrive l'esperienza dei tre discepoli: agli occhi assonnati, ma pur tenuti faticosamente svegli, dei tre Apostoli, fortunati spettatori della scena, si manifestò la "gloria" (dóxa) di Dio rifulgente "sul volto di Cristo". Ecco infatti come si esprime Luca: "Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; tuttavia restarono svegli e videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui" (v. 32). La stessa "nuvola", che li avvolge e che li intimidisce, rimanda a una particolare presenza del divino: si pensi alla "nube" che si posa sull'arca dell'alleanza (Es 40,35) e sul tempio di Salomone (1 Re 8,10). Cristo dunque dà ai suoi Apostoli una manifestazione visiva, e anche uditiva, della "gloria" e della potenza di Dio che lo avvolge.

Il suo camminare verso la morte, di cui immediatamente prima e dopo la nostra scena egli dà l'amaro annuncio (cf 9,22; 9,43-44), non deve perciò velare agli occhi dei suoi Apostoli che egli, nonostante lo smacco della passione, è e rimarrà "il Figlio eletto" del Padre (v. 35). Questo dovranno ricordarselo soprattutto quei tre, che saranno egualmente testimoni della sua straziante agonia nell'orto (cf Mc 14,32-42): nel momento più buio dell'esistenza di Gesù dovranno ritornare allo splendore del Tabor per capire il "senso" di quelle sofferenze e di quello strazio!

In tal modo la Trasfigurazione è come un "anticipo" della gloria della Risurrezione e tende a dare significato e sbocco positivo alla stessa morte di croce: Gesù muore per entrare nella luce della Risurrezione. È precisamente questo il significato della Quaresima cristiana: un camminare sulla via della rinuncia e dell'inchiodamento a tutte le esigenze della nostra professione di fede in Gesù, "Figlio eletto" del Padre, per partecipare infine alla sua Risurrezione gloriosa.

Ma come avvenne per Gesù, così avviene anche per noi: nella intensità di adesione alla volontà del Padre c'è come un riflesso e un anticipo di quella trasformazione finale che ci collocherà totalmente nella luce di Dio. Per la fede, infatti, tutta la nostra vita viene come illuminata e "trasfigurata".

È significativo perciò il fatto che la "voce", che esplode dalla nube da cui furono avvolti gli Apostoli, alla quasi identica proclamazione che ebbe luogo in occasione del Battesimo di Gesù (cf Lc 3,22) aggiunga il comando di "ascoltarlo": "Questi è il Figlio mio, l'eletto; ascoltatelo" (v. 35). Per la "fede" il cristiano, pur essendo ancora in cammino verso la Terra promessa, già è illuminato dai suoi fulgori e gode in qualche modo del suo possesso: la "parola" di Dio non può né illuderci né deluderci.

Per questo il deserto, cioè la Quaresima, non ci fa paura; se mai, ci mette le ali per arrivare prima alla nostra destinazione!

 

 

 

In un clima così austero, come quello che la Quaresima vuol creare, sorprende un poco il trovarsi di fronte il racconto della Trasfigurazione del Signore che, in ognuno dei tre cicli, la Liturgia ci presenta sempre nella seconda Domenica di Quaresima: è una scena di gloria e di manifestazione di potenza, che a prima vista sembra stonare con l'itinerario "penitenziale" e di "conversione" caratteristico di questo tempo liturgico.

A ben leggere il racconto evangelico, però, soprattutto quello di Luca propostoci per oggi, la verità è ben altra: infatti, proprio questo racconto ci aiuta a penetrare meglio il senso vasto e profondo del ciclo quaresimale.

 

E incominciamo da due caratteristiche del racconto lucano (9,28-36), che subito ci riportano in pieno clima quaresimale.

La prima è l'esplicito riferimento alla "preghiera", che costituisce come l'ambiente spirituale in cui si snoda quella meravigliosa e misteriosa manifestazione del divino in Cristo che avvenne sul "monte" (solo la tradizione posteriore parla del Tabor): "Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. E, mentre pregava, il suo volto cambiò d'aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante" (vv. 28-29). Il testo sembra quasi suggerirci, con la ripetuta insistenza sul "pregare" di Gesù, che è proprio questa preghiera intensa, solitaria e profonda a provocare la "trasfigurazione" della sua persona: l'uomo che prega profondamente, come faceva Cristo, si immerge talmente in Dio.

Sappiamo come il tema della preghiera sia caro all'evangelista Luca: ma il richiamarlo proprio in questo periodo liturgico sta a significare che la Quaresima assume il suo significato più vero sotto il segno della "preghiera". Il cristiano, che intraprende l'itinerario quaresimale, deve sapere che la "trasfigurazione" della sua vita è possibile solo alla luce fiammante della preghiera: solo da Dio viene la forza per camminare verso la "novità" della Pasqua.

E poi la seconda caratteristica del racconto lucano: ci dice qualcosa sul "contenuto" di quel misterioso dialogo di Gesù con i due più prestigiosi personaggi dell'antica alleanza: "Parlavano della sua dipartita, che avrebbe portato a compimento a Gerusalemme" (v. 31). Il termine greco, corrispondente a "dipartita", è "éxodos", cioè "esodo": è tutta la tematica dell'esodo perciò che viene qui riassunta, come tensione verso la liberazione definitiva e conquista della Terra promessa, la quale però giunge al termine di una infinita catena di sofferenza e di "tentazioni" nel deserto.

Proprio per questo il racconto della Trasfigurazione ci inserisce di nuovo nel clima della Quaresima, intesa come ripetizione, quasi "concentrata", sia del faticoso viaggio dell'esodo d'Israele dalla schiavitù egiziana, che del viaggio di Cristo verso Gerusalemme, dove egli consumerà il suo sacrificio. Quasi immediatamente dopo, infatti, Luca incomincerà a descriverci l'interminabile "viaggio" di Gesù verso la città santa: "Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato tolto dal mondo, si diresse decisamente verso Gerusalemme" (9,51). È la Quaresima che marcia verso la Pasqua!

 

L'evangelista, inoltre, descrive l'esperienza dei tre discepoli: agli occhi assonnati, ma pur tenuti faticosamente svegli, dei tre Apostoli, fortunati spettatori della scena, si manifestò la "gloria" (dóxa) di Dio rifulgente "sul volto di Cristo". Ecco infatti come si esprime Luca: "Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; tuttavia restarono svegli e videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui" (v. 32). La stessa "nuvola", che li avvolge e che li intimidisce, rimanda a una particolare presenza del divino: si pensi alla "nube" che si posa sull'arca dell'alleanza (Es 40,35) e sul tempio di Salomone (1 Re 8,10). Cristo dunque dà ai suoi Apostoli una manifestazione visiva, e anche uditiva, della "gloria" e della potenza di Dio che lo avvolge.

Il suo camminare verso la morte, di cui immediatamente prima e dopo la nostra scena egli dà l'amaro annuncio (cf 9,22; 9,43-44), non deve perciò velare agli occhi dei suoi Apostoli che egli, nonostante lo smacco della passione, è e rimarrà "il Figlio eletto" del Padre (v. 35). Questo dovranno ricordarselo soprattutto quei tre, che saranno egualmente testimoni della sua straziante agonia nell'orto (cf Mc 14,32-42): nel momento più buio dell'esistenza di Gesù dovranno ritornare allo splendore del Tabor per capire il "senso" di quelle sofferenze e di quello strazio!

In tal modo la Trasfigurazione è come un "anticipo" della gloria della Risurrezione e tende a dare significato e sbocco positivo alla stessa morte di croce: Gesù muore per entrare nella luce della Risurrezione. È precisamente questo il significato della Quaresima cristiana: un camminare sulla via della rinuncia e dell'inchiodamento a tutte le esigenze della nostra professione di fede in Gesù, "Figlio eletto" del Padre, per partecipare infine alla sua Risurrezione gloriosa.

Ma come avvenne per Gesù, così avviene anche per noi: nella intensità di adesione alla volontà del Padre c'è come un riflesso e un anticipo di quella trasformazione finale che ci collocherà totalmente nella luce di Dio. Per la fede, infatti, tutta la nostra vita viene come illuminata e "trasfigurata".

È significativo perciò il fatto che la "voce", che esplode dalla nube da cui furono avvolti gli Apostoli, alla quasi identica proclamazione che ebbe luogo in occasione del Battesimo di Gesù (cf Lc 3,22) aggiunga il comando di "ascoltarlo": "Questi è il Figlio mio, l'eletto; ascoltatelo" (v. 35). Per la "fede" il cristiano, pur essendo ancora in cammino verso la Terra promessa, già è illuminato dai suoi fulgori e gode in qualche modo del suo possesso: la "parola" di Dio non può né illuderci né deluderci.

Per questo il deserto, cioè la Quaresima, non ci fa paura; se mai, ci mette le ali per arrivare prima alla nostra destinazione!

 

Don Gerardo Battaglia

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).