Lunedi, 06  Aprile  2020  04:47:26


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanaAccount Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


II Domenica di Pasqua /C

tommasoLa fede di Tommaso, la nostra fede, di Don Roberto Sisi

La liturgia della domenica odierna, chiamata anche domenica della Divina Misericordia, è un invito alla fede in Gesù Cristo, morto crocifisso e risorto. Il modello di questa fede oggi è san Tommaso, una figura tanto controversa e additata come esempio di fede dubbiosa.

Conviene subito individuare nella figura di Tommaso due profili: il Tommaso che chiede prove per credere, quel profilo sul quale tutti noi siamo abituati a fissare la nostra attenzione, e il Tommaso che, dopo aver visto il Risorto, professa la propria fede in modo unico, come mai nessun altro aveva fatto prima: «Mio Signore e mio Dio!».

Non è un caso che questo racconto intervenga alla fine del Vangelo di Giovanni. È sicuramente per indicare la conclusione e lo scopo di tutto il percorso e il procedimento del racconto che fa Giovanni della vita, delle opere di Gesù e di tutta la riflessione teologica che ne viene fuori: credere in Gesù Cristo. In altri termini, l’Evangelista ha scritto e organizzato il suo testo con l’intento di condurre pian piano i suoi lettori alla fede. E quella fede “ultima” la mette in bocca a Tommaso attraverso questa dichiarazione profonda: “Mio Signore e mio Dio!”.

Il passaggio dal primo al secondo Tommaso indica il cammino di fede che ognuno di noi è chiamato a percorrere, un cammino che può anche essere fatto di alti e bassi, di salite e discese, di certezze e dubbi. L'essenziale è che dai dubbi arriviamo ad una certezza e che questa certezza orienti tutta la nostra vita. Infatti, il contrario della fede non è il dubbio, bensì l'idolatria.

Il primo Tommaso, cioè quello che vuole vedere prima di credere, evoca la fede dell’uomo scientifico. Questo ci permette di sfiorare il rapporto fede e scienza, che, senza opporsi mai, sono come due ali per chi è in cerca della Verità. La ragione è un valore aggiunto, perché permette alla fede di liberarsi dalla superstizione e da ogni credenza magica o ingenua.

La Verità non è sempre in quello che si vede. Non tutto nella vita ha bisogno di essere materialmente dimostrato per essere creduto. Il rimprovero di Gesù a Tommaso che vuole vedere e toccare prima di credere è un invito a capire la fede in quello che essa ha di specifico, ovvero l’abbandono fiducioso.

La fiducia precede qualunque dimostrazione. Notiamo che non è la prima volta che Gesù rimprovera il desiderio di prove o segni. “Questa generazione mi chiede un segno…”! Così oggi rimprovera alla nostra fede l'eccessiva ricerca di prove.

La nostra fede è spesso in cerca di miracoli e segni eclatanti. Basta vedere con quale motivazione ci rechiamo nei vari santuari. «Beato chi crede anche senza aver visto».

Tutta la liturgia pasquale è un invito a credere nel Risorto, ad incontrare il Risorto, a diventare testimoni e messaggeri della Risurrezione, e, infine, a vivere da risorti, «a ricercare le cose di lassù».

Non abbiamo bisogno di prove materiali per tutto ciò. Quando Giovanni e Pietro arrivano alla tomba, credono dopo aver visto la tomba vuota. Hanno visto il sepolcro vuoto come le donne lo avevano descritto e hanno creduto. È davanti a questa «prova negativa», chiamata anche prova oggettiva, che i discepoli credono. Poi la «prova positiva» o soggettiva, ovvero le apparizioni di Gesù stesso, arriveranno solo per confermare quello che, anche senza averlo visto, avevano già creduto. Il racconto dell’apparizione del Risorto ai discepoli sulla via di Emmaus mette in evidenza il fatto che sia le donne, prime testimoni della Risurrezione, sia i discepoli recatisi al sepolcro, hanno visto solo “la tomba vuota, ma Lui non l’hanno visto”. Pertanto hanno creduto.

Come dicevo prima, quello che ci serve di modello è il secondo profilo che assume Tommaso con questa esclamazione: «Mio Signore e mio Dio!». Se il Vangelo di Giovanni è un itinerario il cui scopo è quello di portare alla fede, l'autore del quarto Vangelo fa giungere questo traguardo con la figura di Tommaso. Ecco allora giustificata l'affermazione con la quale abbiamo aperto questa nostra riflessione, cioè Tommaso, il nostro modello di fede.

Dal 30 aprile 2000, giorno della canonizzazione di suor Faustina Kowalska, promotrice della devozione per la Divina Misecordi le rivelazioni ricevute da Gesù stesso durante le varie apparizioni, la seconda domenica di Pasqua è stata istituita da Giovanni Paolo II “domenica della Divina Misericordia”. Questa misericordia è la caratteristica dell’amore viscerale di Dio. La Croce, le piaghe di Gesù ne sono il simbolo evidente e eloquente.

Letta in quest’ottica, l’interazione tra il Risorto e Tommaso è un grande momento di misericordia. È questa stessa misericordia che Gesù ha avuto nei confronti di ogni discepolo per il suo tradimento o rinnegamento.

Molto suggestivo è il quadro di Caravaggio che narra questo episodio. Nel dito di Tommaso che si avvicina alla ferita del costato di Gesù, nella mano "sporca", grossolana, si vede la "miseria", l'incapacità di fidarsi appieno. Invece nel gesto di Gesù che si scopre il petto per far vedere la ferita e afferra il polso del discepolo, si può leggere la grande misericordia, l'amore spropositato. Gesù si abbassa ancora, come se dovesse dimostrare una volta di più lo smisurato gesto d'amore già compiuto con la morte in croce.

In questo modo due sono i concetti che la domenica di oggi ci consegna: fede e misericordia.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).