Sabato, 04  Luglio  2020  13:48:01


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


XIX Domenica T.O. /C

Gesu-parladi Nazzareno Tomassi - «Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno».

Nel brano del Vangelo di oggi troviamo due idee molto care a Luca: l’idea della piccolezza e l’idea del servizio.

Gesù vede dietro a sé una piccola realtà, una dozzina di uomini e alcune donne che lo seguono, e invita a non lasciarsi assalire dall’ansia e dalla paura perché Dio, nel suo amore, vuole dare a questa comunità il Regno.

Vengono alla mente le parole di Isaia: «Non temere, vermiciattolo di Giacobbe, larva di Israele; io vengo in tuo aiuto - oracolo del Signore - tuo redentore è il Santo di Israele» (Is 41,14).

È tempo di porre fine alla “ricerca inquieta” (Radermakers) che si concentra sulle preoccupazioni quotidiane perdendo di vista la priorità esistenziale che è data dal “regno dei cieli”. Il «piccolo gregge» (v.32) di Lc è chiamato a mutare prospettiva e a concentrarsi su ciò che è donato piuttosto che su ciò che manca.

Probabilmente quella del piccolo gregge è un’immagine distante da noi, dai nostri tempi, ma ciò che è decisivo è il carattere della piccolezza. È una Chiesa consapevolmente povera di potere, di influenza e di pretese salvifiche, quella che il testo dipinge. Sì, solo questa Chiesa può continuare ad essere credibile, evangelizzante e dialogante.

Il Regno non va immaginato secondo le nostre categorie mentali: non è un territorio, non è un complesso di realtà che si possono toccare, ma è l'azione salvifica sia presente che futura di Dio. Non è la Chiesa, ma la trascende; non è il Regno futuro di Dio, ma è la comunità che riconosce l'azione salvifica di Dio, che riconosce Dio come Signore e così partecipa della sua stessa vita dalla quale nessuno potrà mai strapparla.

Ma stiamo attenti. Per essere questo piccolo gregge a cui è dato il Regno non basta dirsi cristiani, potrebbe essere un inganno, allora Gesù ci indica la strada: «Vendete ciò che avete e condividetelo». Ognuno ha delle ricchezze: soldi, possessi, ma anche forza, tempo disponibile, doni personali. Ci viene chiesto di condividere con gli altri le nostre ricchezze. È così semplice, eppure tutto ciò richiede una conversione mai scontata ma che va rinnovata giorno dopo giorno alla sequela di Gesù.

«Dov'è il tuo tesoro lì è anche il tuo cuore». Il cuore dell’uomo deve trovare il tesoro giusto. Questo è il nostro tesoro: un Dio che ha fiducia in noi, al punto di affidarci, come a servi capaci, la casa grande che è il mondo, con tutte le sue meraviglie. Dio ti affida la casa, le persone, il mondo. E ti dice: tu puoi. Dio ha fede nell'uomo, Dio si fida di me. Se è vero che il nostro tesoro è un Dio così, è altrettanto vero che noi siamo il tesoro di Dio. Noi uomini, ogni persona, siamo il luogo dove Dio ha riposto il suo cuore.

Ciò che per me è più prezioso è ciò che più amo. «Ami la terra? Terra diventerai. Ami Dio? Diventerai come Dio», scrive Agostino. L'uomo diventa ciò che ama.

Per questo Gesù chiede grande vigilanza. Per tre volte risuona l'invito siate pronti, tenetevi pronti. Gesù chiede di restare nell’atteggiamento e nella tenuta dei servi, che per servire si cingevano la veste ai fianchi; chiede di tenere le lampade accese, di restare in attesa della venuta del Signore che bussa alla porta della nostra vita ogni giorno, ogni istante. Si attende così solo se si ama e si desidera, e non si vede l'ora che giunga il momento degli abbracci.

Servi in attesa del Signore che viene: ecco chi sono i cristiani, per i quali risuona la beatitudine: «Beati quei servi che il Signore al suo arrivo troverà vigilanti».

Dall'avvenire non viene qualcosa, bensì Qualcuno. Alla fine della notte sorge lo splendore di un incontro. Non con un Dio minaccioso, ladro di vita, che è la proiezione delle nostre paure e dei nostri moralismi violenti; ma con l'impensabile di Dio: un Dio che si fa servo dei suoi servi, che «li farà mettere a tavola e passerà a servirli». Che si china davanti all'uomo, con stima, rispetto, gratitudine. Luca ci presenta il capovolgimento dell'idea di un Dio padrone. Accade l'inconcepibile: il Signore si mette a fare il servo, si pone a servizio della mia vita, la allieta e la nutre. Il Signore, amante della vita, viene e si pone a servizio della mia felicità.

«Allora non chiamiamolo più padrone, mai più, il Dio di Gesù Cristo, chino davanti a noi, le mani colme di doni» (E. Ronchi).

Il Signore cerca un cuore attento. «Come un innamorato, desidera essere desiderato. Come l'amata io lo attenderò, ben sveglio: non voglio mancare l'appuntamento più bello della mia vita!» (M. Marcolini).

Ricordiamoci sempre che la fede avanza per scoperta di tesori, non per doveri. La vita cresce non per obblighi o divieti, ma per una passione, e la passione nasce da una bellezza. La bellezza di un Dio così fa crescere la mia fede.

Certamente non è facile vegliare, non dormire, non essere preda del sonnambulismo spirituale, tenere gli occhi aperti soprattutto quando è notte, quando la fatica è tanta, quando la disperazione fa pressione alla porta del cuore. La stanchezza del giorno, il lavoro, i molti servizi fatti, la lunghezza della vita cristiana, la monotonia del quotidiano, sono tutti attentati alla vigilanza. Ecco allora Gesù che ti invita a non mollare e continuare a lavorare con amore e attenzione per la tua famiglia, la tua comunità, il tuo Paese, la madre terra. Con quel poco che hai, come puoi, meglio che puoi. Vale molto di più accendere una piccola lampada nella notte che imprecare contro tutto il buio che ci circonda.

Concludiamo questa nostra riflessione con una perla preziosa con la quale Luca ci indica che cos’è l’eucaristia. «Li farà mettere a tavola e passerà a servirli». Ecco che cos’è l’eucaristia, il momento importante, prezioso, indispensabile, in cui la comunità di quanti, liberamente, hanno messo la propria vita a servizio del bene degli altri, vengono fatti riposare dal Signore, che passa lui stesso a servirli, comunicando loro vita.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).