Giovedi, 02  Luglio  2020  12:09:21


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


XXVI Domenica T.O. /C

Lázarodi p. Tommaso Pio FATONE AJC - Se con la singolare e paradossale parabola dell'amministratore disonesto Gesù domenica scorsa ci esortava a far del bene con quanto ci rimane, con quella del ricco epulone oggi ci offre invece un esempio di come quell'invito possa essere, ahimè!, disatteso da chi vive nella ricchezza e si abbandona ai piaceri della vita.

La ricchezza in sé non è un male e le Scritture in fondo nemmeno la condannano tout court, ma il rischio è che essa può facilmente allontanare il cuore umano dalla giustizia e dall'amore. Così il profeta Amos è molto duro contro i ricchi spensierati che dimenticano i doveri di solidarietà. Chi è ricco dovrebbe piuttosto essere generoso e misericordioso verso chi versa nel bisogno, invece succede quasi sempre il contrario. Lo constatava anche il salmista affermando che "l'uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono" (Sal 48, 13.21): il cuore dell'uomo diventa duro quando vive nel benessere.

Il ricco epulone forse non era nemmeno una persona cattiva, ma il suo cuore era completamente intorpidito dal vizio, e pur vedendo fuori dalla sua porta un povero bisognoso languire, non se ne accorgeva. Tante volte le ingiustizie avvengono proprio per questo ottundimento. È proprio vero il detto che "il sazio non crede al digiuno"!

Di fronte alle urgenze e al grido dei poveri e dei sofferenti, non possiamo però chiudere il nostro cuore! Il Vangelo è chiaro: ci sarà un giudizio per tutti e chi ha goduto egoisticamente in questa vita, soffrirà eternamente nell'altra; chi, invece, ha sofferto quaggiù, lassù sarà ricompensato.

Guardiamo, però, al piccolo epulone che è dentro di noi: non saremo forse ricchi e crapuloni, ma il nostro cuore potrebbe essere ancora attaccato ai piccoli piaceri del mondo; non avremo magari un povero proprio dietro l'uscio, ma forse abbiamo dei fratelli mendicanti di compassione che ignoriamo; siamo magari più portati alla commozione passeggera che ad un perseverante impegno di solidarietà. E poi, quanta indifferenza! Siamo così abituati alle cattive notizie, che non ci scuote più il dolore altrui! Chi piange - ricordiamo tutti il grido di qualche anno fa lanciato da papa Francesco a Lampedusa! - per quei profughi che muoiono annegati nel nostro mare? E chi poi si preoccupa dei tanti malati, anziani e bisognosi di  cure e di affetto, ma che sono spesso abbandonati a loro stessi? Troppo facile voltare la faccia per non vedere la sofferenza e il bisogno altrui. Eppure alle volte basterebbe fermarsi e ascoltare, per donare un po' di luce e di conforto!

Alle volte si invoca, come chiede quel ricco ormai tra le fiamme dell'inferno, un intervento eclatante per scuotere le coscienze e convertire il mondo; ma il Signore ha parlato una volta per tutte e solo questa sua Parola, se creduta e accolta, può veramente convertire e riportare l'uomo sulla via della salvezza. Già, la Parola! Si fa tanto per combattere invano le ingiustizie, leggi manifestazioni e conferenze, quando invece basterebbe dare un po' più di ascolto alla Parola di Dio.

 

 

 

Se con la singolare e paradossale parabola dell’amministratore disonesto Gesù domenica scorsa ci esortava a far del bene con quanto ci rimane, con quella del ricco epulone oggi ci offre invece un esempio di come quell’invito possa essere, ahimè!, disatteso da chi vive nella ricchezza e si abbandona ai piaceri della vita.

La ricchezza in sé non è un male e le Scritture in fondo nemmeno la condannano tout court, ma il rischio è che essa può facilmente allontanare il cuore umano dalla giustizia e dall’amore. Così il profeta Amos è molto duro contro i ricchi spensierati che dimenticano i doveri di solidarietà. Chi è ricco dovrebbe piuttosto essere generoso e misericordioso verso chi versa nel bisogno, invece succede quasi sempre il contrario. Lo constatava anche il salmista affermando che “l’uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono” (Sal 48, 13.21): il cuore dell’uomo diventa duro quando vive nel benessere.

Il ricco epulone forse non era nemmeno una persona cattiva, ma il suo cuore era completamente intorpidito dal vizio, e pur vedendo fuori dalla sua porta un povero bisognoso languire, non se ne accorgeva. Tante volte le ingiustizie avvengono proprio per questo ottundimento. È proprio vero il detto che “il sazio non crede al digiuno”!

Di fronte alle urgenze e al grido dei poveri e dei sofferenti, non possiamo però chiudere il nostro cuore! Il Vangelo è chiaro: ci sarà un giudizio per tutti e chi ha goduto egoisticamente in questa vita, soffrirà eternamente nell’altra; chi, invece, ha sofferto quaggiù, lassù sarà ricompensato.

Guardiamo, però, al piccolo epulone che è dentro di noi: non saremo forse ricchi e crapuloni, ma il nostro cuore potrebbe essere ancora attaccato ai piccoli piaceri del mondo; non avremo magari un povero proprio dietro l’uscio, ma forse abbiamo dei fratelli mendicanti di compassione che ignoriamo; siamo magari più portati alla commozione passeggera che ad un perseverante impegno di solidarietà. E poi, quanta indifferenza! Siamo così abituati alle cattive notizie, che non ci scuote più il dolore altrui! Chi piange - ricordiamo tutti il grido di qualche anno fa lanciato da papa Francesco a Lampedusa! - per quei profughi che muoiono annegati nel nostro mare? E chi poi si preoccupa dei tanti malati, anziani e bisognosi di  cure e di affetto, ma che sono spesso abbandonati a loro stessi? Troppo facile voltare la faccia per non vedere la sofferenza e il bisogno altrui. Eppure alle volte basterebbe fermarsi e ascoltare, per donare un po’ di luce e di conforto!

Alle volte si invoca, come chiede quel ricco ormai tra le fiamme dell’inferno, un intervento eclatante per scuotere le coscienze e convertire il mondo; ma il Signore ha parlato una volta per tutte e solo questa sua Parola, se creduta e accolta, può veramente convertire e riportare l’uomo sulla via della salvezza. Già, la Parola! Si fa tanto per combattere invano le ingiustizie, leggi manifestazioni e conferenze, quando invece basterebbe dare un po’ più di ascolto alla Parola di Dio.

 

p. Tommaso Pio FATONE AJC

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).