Sabato, 04  Luglio  2020  14:53:09


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Natale del Signore

natalesignoredi Don Giovanni Tangorra - Una storia è fatta per essere raccontata. Anche la Bibbia è una storia, la grande storia del “Dio che viene” incontro agli uomini. Prima di essere impressa nei libri o insegnata nelle scuole, essa era raccontata. Ci si stringeva la sera intorno al fuoco, e l’uomo della memoria cominciava dicendo: «In principio Dio creò il cielo e la terra. La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque….» (Gen 1,1-2). Riusciamo a immaginare il calore del momento. Il crepitio lento e prolungato delle fascine nel focolare, i bambini che si addormentavano, gli sguardi muti rivolti verso il narratore che mimava con i gesti, facendosi egli stesso un racconto.

  

La parola di Dio è nata così: attraverso l’indecifrabile incrocio tra l’orecchio e una voce narrante, nel raduno notturno di una comunità che si fermava, dopo una dura giornata di lavoro. Non c’erano biblioteche, né scaffali, tutto era nella memoria, anche le preghiere, che si ripetevano, calme, tranquille, come il vento tra i rami degli alberi. È il mistero della conversazione divina. «Con la sua Rivelazione, infatti, Dio invisibile nel suo grande amore parla agli uomini come ad amici e si intrattiene con essi» (Dei Verbum 2).

 

Credo che un problema della fede oggi stia nel fatto che non sappiamo più raccontarla. I suoi grandi avvenimenti sono stilizzati, argomentati, attualizzati, il che è importante, ma non basta, soprattutto quando si parte da prospettive prestabilite, servendosi della Parola per comunicare le proprie idee. Dopo questo processo di scarnificazione, dell’originaria forma narrativa resta ben poco. La parola di Dio, invece, intreccia avvenimenti e parole, e ha un potere autonomo, parla da sé, si impone da sé. A noi è dato solo di esserne orecchio e voce, come l’uomo della memoria che dice: «Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta» (1Sam 3,9).

  

Ciò avviene anche per il Natale. Anziché narrare la sua storia, stiamo spesso a sottilizzare sui concetti, su cosa oggi rappresenta la stella nel cielo, chi sono i magi, i pastori, cosa possono significare la mangiatoia, la grotta, e intanto l’evocazione originaria si perde, come un fiume nel deserto. La comunità forse ne uscirà più istruita, più catechizzata, ma tutto continuerà come prima, perché non è riuscita a sentirsi parte di questa storia. Le spiegazioni possono convincere l’intelletto, ma il racconto parla al cuore, e ha un valore iniziatico. Non a caso Gesù parlava in parabole, e «senza parabole non parlava loro» (Mc 4,34). Il vero predicatore è dunque un buon narratore, che sa coinvolgere gli uditori nei fatti che racconta.

 

Che cosa è diventato il Natale? È stato trasformato al punto da non riuscire più a coglierne il mistero. È come quella rosa di cui tutti parlano, ma di cui nessuno ricorda più il profumo. Come ritrovarlo? Si può organizzare una lezione di botanica, visitare il museo dei fiori, regalare una rosa a ogni passante, oppure, semplicemente, raccontarlo, dando alle parole l’intonazione giusta, di chi sa di cosa sta parlando. Allora, non sappiamo come o perché, tutti faranno la fila dal fioraio, per comprarsi una rosa.

  

Nessuno mette in dubbio che il Natale trasmesso dai Vangeli abbia un impianto teologico molto esigente. Gli evangelisti comunicano verità profonde che servono a nutrire la fede dei credenti, ma lo fanno in forma narrativa, sincronizzando tutti gli elementi che compongono un racconto: i personaggi, i fatti, i luoghi, i tempi, i simboli, la rievocazione delle esperienze, la conclusione edificante. Il personaggio principale è Lui: il Dio che viene, questa volta nella sua espressione più alta, che è l’incarnazione, e al tempo stesso più umile, che è quella di un bambino che nasce. Tutto il mistero del Natale sta qui: «Ci è stato dato un figlio» (Is 9,5).

 

La circostanza particolare della liturgia, che raduna la comunità, dà forza ai racconti, riproducendo a distanza la loro situazione originaria.

 

Si comincia dalla messa di mezzanotte, con il Natale secondo Luca, che fa opera di artista, colorando la notte con strati di luce. «C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce» (2,8-9). La luce dichiara l’identità del nascituro, trasformando il Natale in un racconto di liberazione: «Oggi è nato per voi il salvatore» (2,11).

 

Luca è l’unico pagano degli scrittori sacri, e sa cosa vuol dire passare dall’esclusione all’inclusione, parla per esperienza e riesce a contagiare i suoi uditori. La colletta della messa riverbera la sua emozione e raccoglie gli animi dell’assemblea, facendo pregare: «O Dio, che hai illuminato questa santissima notte con lo splendore di Cristo, vera luce del mondo». Altra immagine del vangelo di mezzanotte è il “re della pace”, che Luca oppone alla potenza dell’imperatore Cesare Augusto. Nella notte rivestita di luce, risuona il grido dell’araldo: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

 

Tra i protagonisti del vangelo nella messa dell’aurora spicca Maria, la madre, colei che si è affidata al mistero, generandolo nel suo grembo. Luca sposta i riflettori su di lei, rappresentandola in un’immagine evocativa: «Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore» (2,19). Nella tempesta degli avvenimenti non dice una parola, ma la sua presenza è il racconto vivente di come la comunità vive e celebra il Natale. Si avverte lo stridio con il Natale banalizzato, consumista, che non è più un racconto ma un guscio vuoto, e che per questo non può essere vissuto, ma solo ripetuto con ossessiva fissità, finché non si va a dormire e tutto si chiude. Tristezza di una generazione priva di racconti, di padri che non hanno più nulla da raccontare ai figli!

 

La messa del giorno racconta il Natale secondo Giovanni. L’evangelista ci fa entrare in un’altra dimensione, lì dove avviene l’incontro tra l’eternità e la storia. L’inizio non è più nel tempo, ma oltre, nell’infinità divina. La voce narrante osa innalzarsi dove nessuno può arrivare: «In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio» (1,1-2). È inevitabile provare un senso di vertigine. Che cosa ha portato l’autore a formulare questa convinzione, facendoci sperimentare a un tempo il fascino e il tremore di un mistero così difficile da misurare?

 

Da questa origine eterna, il Verbo ha intrapreso un cammino di discesa nel tempo, che porta Giovanni a formulare l’affermazione centrale del Natale cristiano, compromettendosi con la sua testimonianza: «E il Verbo si fece carne (sarx) e venne ad abitare in mezzo a noi e noi abbiamo contemplato la sua gloria» (1,14). Dice sarx e non anthropos (uomo) per rimarcare la condizione di debolezza e di mortalità dell’incarnazione, che avrà il suo termine nella croce.

 

Non è una discesa indolore e senza scopo. In mezzo c’è la lotta tra le tenebre e la luce, simboli del male e della verità. Lo chiama Verbo (Logos), perché il male si serve della menzogna, mentre lui è venuto per dire il Vero: «Per questo sono venuto nel mondo, per rendere testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce» (18,37). Lo chiama Verbo anche perché non si limita a pronunciare “parole”, ma è la Parola personificata. Ne avvertiamo la mancanza, in questo tempo orfano di Parola ma stracolmo di parole urlate, esibite, messe in vetrina, lanciate come sassi.

 

Nel racconto si avverte la delusione di Giovanni, quando dice «Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto» (1,11), ma anche il suo conforto perché nonostante sia per il mondo uno sconosciuto, Cristo ha posto le sue radici nella storia. C’è pure tanta dolcezza. Dio non è lassù, perduto nello spazio, ma è venuto tra noi, ed è ovunque, anche nella notte. Incarnandosi, ha fatto suo il nostro tempo, e non ritira la sua presenza. Bisognerà forse cercarlo dove meno ci aspetteremmo di incontrarlo, persino dove le mani sono vuote.

 

Questo è il grande racconto del Natale.

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).