Sabato, 04  Luglio  2020  07:49:55


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


II Domenica Pasqua /A

tommasodi Don Primo Martinuzzi - L’ Orazione di Colletta di questa domenica introduce e riassume già tutti i significati più importanti della celebrazione di questa giornata. Proviamo ad analizzarne le singole parole: “Dio di eterna misericordia, che nella ricorrenza pasquale ravvivi la fede del tuo popolo, accresci in noi la grazia che ci hai dato, perché tutti comprendiamo l'inestimabile ricchezza del Battesimo che ci ha purificati, dello Spirito che ci ha rigenerati, del Sangue che ci ha redenti”.

Innanzitutto siamo invitati a riflettere e a comprendere “l’inestimabile ricchezza del Battesimo che ci ha purificati”.

Si parla della necessità della Nuova Evangelizzazione. Infatti, la nostra società occidentale è caratterizzata da una stragrande maggioranza di persone che hanno ricevuto il Battesimo e gli altri sacramenti della Iniziazione cristiana ma ormai hanno perduto la consapevolezza della propria identità di battezzati: “di essere figli di Dio, di essere perciò partecipi della Natura Divina, di avere un organismo soprannaturale fondato sui sette doni dello Spirito Santo e sulle sette virtù ( Fede, Speranza, Carità, Prudenza, Giustizia, Fortezza e Temperanza), di essere membra vive del Corpo mistico di Cristo che è la Chiesa, di essere i templi viventi dello Spirito Santo…” (cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 1262-1274).

Ebbene, la liturgia di questa Seconda Domenica di Pasqua ci invita a riflettere su come la Chiesa, guidata dallo Spirito Santo, ci prende per mano e, dopo averci accompagnato per i quaranta giorni del tempo di Quaresima, per riflettere sul nostro Battesimo, del quale, nella solenne Veglia Pasquale si rinnovano le Promesse, per altri 50 giorni, costituenti il Tempo Pasquale, fino a Pentecoste, ci fa rivivere la nostra Pasqua, cioè il nostro passaggio dalla morte alla vita, con Cristo, avvenuto proprio il giorno del nostro Battesimo.

Questa Seconda Domenica del T. P. è chiamata anche “Domenica in Albis” poiché, coloro che avevano ricevuto il Battesimo, nella Veglia Pasquale, e avevano in quel momento indossato la veste bianca, simbolo della loro anima purificata dal peccato originale, e che portavano per tutti i giorni dell’Ottava, in questa celebrazione deponevano la veste bianca; ma erano invitati dalle parole della liturgia ad essere consapevoli del grande dono del Battesimo ricevuto. Dice infatti sant’Agostino, in un famoso discorso in questa circostanza:

“Rivolgo la mia parola a voi, bambini appena nati, fanciulli in Cristo, nuova prole della Chiesa… le parole stesse dell'apostolo: «Rivestitevi del Signore Gesù Cristo e non seguite la carne nei suoi desideri» (Rm 13, 14), perché vi rivestiate, anche nella vita, di Colui del quale vi siete rivestiti per mezzo del sacramento. «Poiché quanti siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo».

Oggi ricorre l'ottavo giorno della vostra nascita, oggi trova in voi la sua completezza il segno della fede, quel segno che presso gli antichi patriarchi si verificava nella circoncisione, otto giorni dopo la nascita al mondo. Voi partecipate del medesimo Mistero (la Risurrezione di Cristo) non ancora nella piena realtà, ma nella sicura speranza, perché avete un pegno sicuro, lo Spirito Santo. «Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio…» (cfr. Col 3, 1-4)”. (Disc. 8 nell'ottava di Pasqua 1, 4; Pl 46, 838. 841).

Anche la Prima Lettura ci parla di quelli che erano stati battezzati “…e che erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere…” (cfr. At 2,42-47).

La Seconda Lettura, tratta dalla prima lettera di san Pietro apostolo, ci parla pure della realtà del Battesimo che ci ha rigenerati per una speranza viva, mediante la risurrezione di Gesù Cristo dai morti: “Sia benedetto Dio e Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha rigenerati, mediante la risurrezione di Gesù Cristo dai morti, per una speranza viva, per un’eredità che non si corrompe, non si macchia e non marcisce” (1Pt 1,3-5).

Nell’ Orazione sulle offerte ugualmente si fa menzione del Battesimo:: “Accogli con bontà, Signore, l'offerta del tuo popolo [e dei nuovi battezzati]: tu che ci hai chiamati alla fede e rigenerati nel Battesimo, guidaci alla felicità eterna…”

La Chiesa celebra oggi anche la festa della Divina Misericordia, istituita da san Giovanni Paolo II il 18/04/2000, il giorno in cui ha canonizzato santa Faustina Kowalska, l’Apostola della Divina Misericordia. Il primo richiamo al “Dio dell’eterna misericordia” lo troviamo all’inizio dell’Orazione di Colletta. Un’altra sottolineatura sta nel Salmo Responsoriale : “Celebrate il Signore, perché è buono, perché eterna è la sua misericordia. Dica Israele che egli è buono: eterna è la sua misericordia. La pietra scartata dai costruttori è divenuta la pietra d’angolo. Questo è stato fatto dal Signore: una meraviglia ai nostri occhi…”(Cfr. Salmo 117).

Nella II lettura, già citata sopra, troviamo un altro importante riferimento, alla misericordia: “Sia benedetto Dio …che nella sua grande misericordia ci ha rigenerati...” ( cfr. 1 Pt 1, 3). Infine, nel Vangelo si descrive la seconda apparizione di Gesù nel Cenacolo, otto giorni dopo la Sua Risurrezione: La sera di quel giorno, il primo della settimana… venne Gesù… e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco... Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! ... soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati» ( Cfr. Gv 20,19-31).

È l’istituzione del Sacramento della Confessione detto anche Sacramento della Conversione, del Perdono, della Riconciliazione, ( cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, nn.1423-1424) possiamo dire anche sacramento della Misericordia: la “seconda tavola della salvezza” dopo il Battesimo. Il brano del Vangelo, in questo gesto che Gesù Risorto fa di mostrare le mani ed il fianco, con i chiari segni delle ferite causate dai chiodi e dal colpo di lancia, invita gli apostoli, e tutti noi, a riflettere su ciò che già l’Orazione di Colletta aveva annunciato, e cioè: l’inestimabile ricchezza…oltre che del Battesimo che ci ha purificati ( togliendoci la macchia del peccato originale), anche dello Spirito Santo che ci ha rigenerati, facendoci diventare templi vivi della Sua Presenza; del Sangue Preziosissimo di Cristo che ci ha redenti, rivelandoci così l’Amore misericordioso del Padre Celeste.

Infatti: “ la Misericordia, nel suo aspetto femminile è il viscerale amore materno, che si commuove di fronte alla fragilità della sua creatura appena nata e la abbraccia, fornendole tutto quello che le manca perché possa vivere e crescere; e, nel suo aspetto propriamente maschile, è la fedeltà forte del padre che sempre sostiene, perdona e torna a rimettere in cammino i suoi figli” ( Papa Francesco, Catechesi ai sacerdoti, 2 giugno 2016).

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).