Domenica, 19  Settembre  2021  16:23:59


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Insieme anche sul web

 

Vescovo Mauro Parmeggiani

Assunzione B.V.M e XX Domenica T.O. /A

assunzione bvmariaAssunzione della Beata Vergine Maria - 15.08.2020

 

Il ferragosto è tempo nel quale quasi tutti prendono un meritato riposo dopo un anno di impegni e fatica. Un tempo di maggiore rilassamento, liberi dalla routine giornaliera. Per tanti è un’opportunità solo per questo periodo, ma per alcuni sembra lo stile caratterizzante della propria esistenza: una vita “rilassata”, senza una meta ben definita. In altre parole un continuo ferragosto. È bello e utile che proprio in questo tempo di vacanza, la festa dell’Assunzione di Maria al cielo ci ricordi la meta e lo stile del nostro andare. Veniamo da Dio e la nostra destinazione ultima è il Cielo, cioè la pienezza della nostra vita in Dio. In Maria tutto ciò è mirabilmente chiaro. Con la sua vita non ci indica solo la meta ma anche la strada da compiere.

 

Ella fu pellegrina del Cielo in tutti i giorni della sua vita sulla terra.

In Lei troviamo compiuto quello che Dio vuole realizzare in ciascuno di noi.
In Lei Dio ha fatto risplendere per noi, pellegrini sulla terra, un segno di consolazione e di sicura speranza. In lei cogliamo l’immagine di un Dio sempre fedele alle sue promesse. Una verità che ci consola nell’affrontare le “sfide” quotidiane e alimenta in noi la certezza della speranza che con Dio, comunque vadano le cose, saremo sempre vincenti! Dio compirà in noi il suo sogno perché… Dio mantiene le sue promesse!

 

All’inizio del racconto della Visitazione c’è una parola a cui non si dà sufficiente importanza: “in fretta”. “In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda”. Invece di restare in meditazione delle parole dell’Angelo Gabriele e di attendere il compimento dell’annuncio in casa sua, Maria “in fretta” andò dalla cugina anziana, che era rimasta finalmente incinta. Era spinta dall’amore per Dio. Non c’è ritardo tra l’accoglienza di Gesù in Lei e la presenza di Gesù in mezzo agli altri che in lei si fa servizio.

Due atteggiamenti particolari di Maria che ci indicano lo stile del nostro andare: l’accoglienza e il servizio.

Maria è stata donna accogliente discepola e madre del Verbo. Discepola, perché si mise in ascolto della Parola, e la conservò per sempre nel cuore. Madre, perché offrì il suo grembo alla Parola, e la custodì per nove mesi nel suo corpo. È il “sì” che porta il cielo sulla terra. Un’accoglienza che si fa più tangibile nell’accogliere nella sua vita il “corpo” del figlio, cioè l’affamato, l’assetato, il malato... i più piccoli: il servizio.

Per ben due volte, infatti, nel Vangelo di Luca, Maria si autodefinisce “serva”. La prima volta, quando, rispondendo all’angelo, gli offre il suo biglietto da visita: “Eccomi, sono la serva del Signore”. La seconda, quando nel Magnificat afferma che Dio “ha guardato l’umiltà della sua serva”. Tanto da meritarsi il titolo di “donna di servizio”. Ecco il segreto di Maria, lo spendersi, e il farlo senza attendersi nulla in cambio. È la gratuità la parola d’ordine dell’amore: dono di se stessi “a fondo perduto”, decentrandosi da sé, mettendo l’altro al centro, senza mai presentare il conto.

Un servizio chiamato a diventare anche il nostro stile di vita.

Solo così sarà portato in cielo il nostro essere terra.

 

Padre Antonio Coppola,

passionista, Santa Maria di Pugliano, Paliano

 


 

XX domenica del tempo ordinario A - 16.08.2020

 

La liturgia della Parola di questa domenica ci fa dare uno sguardo alla misericordia di Dio, che come sempre si attua in modo inaspettato. Fin dalla prima lettura ascoltiamo come si parli di un diritto da osservare e di una giustizia da praticare, cioè della fedeltà del Popolo di Dio all’Alleanza con il Signore, a cui possono aderire anche gli stranieri che non sono nativi del Popolo. Essi saranno innestati sui rami del vero ulivo, a causa della disobbedienza di coloro che per primi dovevano accogliere la Parola di salvezza (cfr Rm 11). Dunque, Dio ha permesso la disobbedienza per “essere misericordioso verso tutti” (Rm 11,32). A questo punto è bene riflettere sul nostro modo semplicistico di giudicare la realtà e le persone, mancandoci un quadro di riferimento completo. Quando osserviamo la storia, siamo soliti emettere dei giudizi, non tenendo conto che ciò che conosciamo non è mai completo, né per quanto riguarda i fatti accaduti né per quanto riguarda le intenzioni profonde delle persone o di un popolo e di sicuro non sappiamo perché Dio abbia permesso una cosa o l’altra. Ci vuole forse un po’ di umiltà per poter osservare in silenzio più che con la foga della parola, non per giudicare ma per comprendere come Dio ha deciso di operare, affinché la sua misericordia potesse raggiungere sia gli attori della storia sia noi oggi. Chissà se i discepoli sono riusciti a comprendere il gesto compiuto da Gesù nel vangelo, in favore della donna cananea e di sua figlia. Essi percepiscono il fastidio di una donna che grida e li imbarazza seguendoli o forse sono turbati dalla sua grande sofferenza, ma non agiscono per le stesse ragioni di Cristo, che è accondiscendente in quanto mite e umile di cuore (cfr. preghiera colletta). Gesù nega la guarigione perché la donna possa crescere nella fede, non solo appellandolo “Signore” e “figlio di Davide”, ma credendo profondamente in quei titoli pronunciati. Il Signore non agisce a motivo di un fastidio, ma solo dopo che la donna è cresciuta nell’umiltà di chi è pronto a raccogliere le briciole. Quante volte capita che chiediamo a Dio tutto, non siamo mai contenti, pretendiamo, supponiamo che Egli debba darci ciò che chiediamo, anche se nella nostra vita non c’è molto spazio per le decisioni ispirate alla fede... Il Signore usa misericordia, come in tutta la storia del suo Popolo, perché ognuno possa entrare in quella “casa di preghiera per tutti i popoli” (Is 56,7) e non ne rimanga escluso. Se Egli non risponde subito è perché la nostra vita deve avere il tempo di allinearsi al suo sentire, affinché siamo capaci di ricevere più dello stesso dono che chiediamo. Davanti a Lui, lo straniero trova il posto che gli spetta, non come uno di passaggio, ma come un familiare conosciuto da sempre ed amato alla pari di ogni altro figlio.

 

Don Ciro Vespoli,

San Pietro Apostolo, Zagarolo

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).