Domenica, 19  Settembre  2021  15:31:08


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Insieme anche sul web

 

Vescovo Mauro Parmeggiani

XXVI Domenica T.O. /A

parabola pubblicani“Ricordati, Signore, della tua misericordia”.

 

Così canteremo più volte, in questa XXVI domenica del Tempo Ordinario, nel salmo responsoriale.

Ci piace pensare che questo piccolo versetto può essere la chiave di lettura dei testi che la Liturgia domenicale della Parola ci presenta: la misericordia di Dio, della quale Egli ben si ricorda, viene in aiuto alla nostra debolezza umana ed è un pungolo salutare affinché noi ci convertiamo, “riflettendo ed allontanandoci da tutte le colpe commesse” (cfr. Ez 18, 28) come dice la prima lettura.

La parabola evangelica narrata da Gesù, infatti, sottolinea, evidenziandone la verità e la concretezza, come sia reale la debolezza dell’uomo che dice “no” alla chiamata di Dio a lavorare nella sua vigna (cfr. Mt 21, 29). Senza pensarci, il figlio chiude il dialogo col padre, opponendogli come un muro. È la pigrizia, il disimpegno, la eventuale scarsa stima del padre, la voglia di decidere da solo della propria vita e delle proprie giornate a farlo rispondere istintivamente così. Ma il suo cuore poi riflette, si calma, asseconda lo Spirito, ripensa all’amore del padre – che ha inizialmente disatteso –, in una parola, si converte, cambia. Lì, in quel mutamento di cuore, agisce, lavora, feconda la misericordia di Dio, che si fa conoscere, che scava le profondità dei cuori di chi, umile, sa e accetta il proprio errore per rimediarlo. In quel “poi” c’è la mano di Dio, il suo intervento, che, se sempre rispetta la libertà dell’uomo, è tuttavia un irresistibile richiamo, un dolce monito, un grande impulso per chi ha la capacità di accoglierne la portata salvifica

Così il primo figlio si sente perdonato, e in virtù di quel perdono va a lavorare nella vigna, diventa collaboratore di Dio, fa della propria vita un dono, si mette a disposizione dei fratelli.

Anche ciascuno di noi può vivere questa esperienza illuminante. Se inizialmente ci spaventa il servizio di Dio, se inizialmente ci atterrisce il dover pensare al bene degli altri più che al proprio, è la misericordia di Dio che allarga in noi gli orizzonti del cuore e, vincendo le nostre ritrosie, ci insegna a cambiare idea, a scegliere il meglio, a seguire la via buona, più con i fatti che con le parole. Le parole sono flatus vocis, come usavano dire i latini; sono i fatti di vita cristiana che contano. Certo, anche le parole hanno la loro importanza ma il Signore guarda in noi il risultato, non la debolezza. E in questo sguardo di Dio sul nostro vero io, c’è la vera vita dell’uomo (cfr. EZ 18, 27), come ancora sembra suggerire Ezechiele nella prima lettura.

Vista da questa angolatura, allora, anche la famosa frase: “i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio”, non ci scandalizza e non ci destabilizza, quasi che Gesù volesse giustificare il peccato o abbonare ogni comportamento disdicevole.

È la conversione dei pubblicani e il cambiar vita delle prostitute che è gradito agli occhi e al cuore di Dio. Il loro “No”, detto con scelte sbagliate della vita, si tramuta in un “Sì” di fede e di adesione al messaggio del Vangelo, a differenza di quei “Sì” tiepidi e abitudinari, detto controvoglia da tanti di noi che non ci accorgiamo neanche più di quanto sia buono e misericordioso Dio con la nostra vita.

Che il Signore ci insegni a scegliere sempre il “Sì”, anche magari da subito, nei suoi riguardi. Ma un “Sì” che cambi la nostra vita e che ogni giorno ci faccia creature, ai suoi occhi, amabili.

 

Don Ludovico Borzi,

Cattedrale di Sant'Agapito martire, Palestrina

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).