Domenica, 19  Settembre  2021  15:28:18


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Insieme anche sul web

 

Vescovo Mauro Parmeggiani

XXX Domenica T.O. /A

gesu discepoli 2Il Vangelo di Matteo di oggi ci offre l'insegnamento di Gesù sul più importante dei comandamenti: "Amare Dio con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutto il proprio essere". Gesù aggiunge che il secondo comandamento è simile: "Amare il prossimo come se stesso".

In realtà, il Signore conferma ciò che già aveva espresso l’Antico Testamento.

 

Matteo ci trasmette anche quattro controversie tra Gesù e i suoi avversari:

  • - la disputa con gli Erodiani sulla legittimità del tributo a Cesare;
  • - la disputa con i Sadducei sulla Risurrezione;
  • - la disputa con i Farisei sul comandamento più grande, che ci viene proposta dalla liturgia di oggi; e
  • - la disputa sul Messia, Figlio e Signore di Davide.

 

Alcuni studiosi contano cinque controversie perché vi includono quella con i Sommi Sacerdoti e gli Anziani sull'autorità di Gesù, che scacciò i trafficanti dal tempio.

La disputa sulle comandamento più importante era classica nell'ambiente giudaico. La casistica rabbinica aveva compilato una lista di ben 613 precetti della legge (riportati nella prima lettura), di cui 248 considerati gravi e tutti gli altri lievi. Era naturale che la coscienza religiosa si domandasse in tale selva di imposizioni quale fosse il comandamento veramente più importante. L'interrogativo aveva trovato una formula tecnica: "Qual è il primo comandamento?".

 

L'insegnamento profondo e di immensa attualità: non si può separare l'amore per Dio dall'amore per il prossimo, perché il Signore è compassionevole e ha cura di tutte le sue creature. Inoltre, prosegue la lettura della lettera ai Tessalonicesi, dove Paolo loda la fede di quella Chiesa nascente, dimostrando che la crescita spirituale si deve, in primo luogo, alla potenza dello spirito Santo. I Tessalonicesi sono tornati a Dio per servirlo, e vivono in attesa della venuta di Cristo, che Dio ha risuscitato dai morti (seconda lettura).

 

Gesù risponde citando il precetto dell'amore dato a Israele e il contenuto nello “Shemà Israel = ascolta Israele Dt 6,5: "Amerai il Signore Dio tuo, con tutto il cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente". È il comandamento di un amore che coinvolge la parte interiore dell'uomo (cuore… anima… mente).

 

L'uomo si domanda spesso: cosa è che dà unità alla mia vita? Tra tutti i diversi precetti che devo osservare, qual è il più importante? Cos'è che deve fondare la base delle certezze e del mio agire? Cos'è che resta immutabile, attraverso il continuo fluire del tempo e il mutare delle persone? Nel Vangelo di oggi troviamo la risposta, tratta dall'Antico Testamento e confermata da Cristo nel primo comandamento.

 

Il secondo comandamento tratto dal Levitico (19,18): "Amerai il prossimo tuo come te stesso", Gesù collega i due comandamenti mettendoli allo stesso piano, perché l'amore di Dio ha bisogno di una prova di autenticità e questa è l'amore del prossimo. Giovanni osserverà: "Se uno dice: io amo Dio, ma odio il fratello, è un bugiardo; perché chi non ama il fratello che vede, come può amare Dio che non vede"? Noi abbiamo ricevuto da lui in questo precetto: "Chi ama Dio, ami anche il fratello" (Gv 4,20-21).

 

Dall'amore di Dio e dei fratelli dipendono tutti i precetti divini contenuti nella Scrittura (cf 5,17). Paolo dirà: "Pieno compimento della legge è l'amore" (Rm 13,10).

 

Bene, fratelli miei, interrogate voi stessi, osservate e vedete bene se avete un po' di carità, fate attenzione ad un tale tesoro, perché siate ricchi dentro. Certamente, le altre cose che hanno un grande valore, vengono definite "care": "Questa cosa è più cara di quella! Che vuol dire è più cara, se non che è più preziosa? Se si dice più cara, cos'è più prezioso? Cosa è più caro della carità stessa? Carissimi il valore della carità siete voi stessi. Hai la Sapienza che ti dice qualcosa perché non ti spaventi quando ti viene detto: "Dona se stesso".

 

Cosa rimane del tuo cuore, per amare te stesso? Cosa della tua anima è causa della tua mente? Con tutto, Egli dice: “Colui che ti ha fatto, esige tutto te stesso”. Però, non essere triste quasi non ti resti nulla di che rallegrarti in te stesso.

Nella nostra vita ci sono due amori, dai quali derivano tutti i desideri, e questi sono così diversi per qualità, in quanto si distinguono per cause. L'anima razionale, infatti, che non può essere priva d'amore, o ama Dio o ama il mondo. Nell'amore di Dio nulla è eccessivo; nell'amore del mondo, invece, tutto è dannoso.

 

La ragione più alta della dignità umana, ci dice il Concilio Vaticano II, consiste nella vocazione dell'uomo all'unione con Dio. L'uomo è invitato al dialogo con Dio. Egli esiste solo e semplicemente per l'amore di Dio che lo ha creato, ed è l'amore di Dio che lo conserva. Dobbiamo, dunque, amare Dio con tutto il cuore, perché Egli è buono, e immensa è la sua misericordia. Egli è il datore di beni, è colui che ci ha inseriti nell'esistenza per amore, e ci ha redenti per amore. Egli è colui che, di fronte al peccato del mondo e dell'uomo, non si pente della propria creazione, ma offre all'uomo un mezzo mirabile di redenzione nel figlio suo.

 

Sant'Agostino ha scritto un testo stupendo, che è di corollario al vangelo di oggi: "L'amore per Dio è il primo comandamento, ma l'amore per il prossimo è il primo come attuazione pratica. Colui che ti dà il comandamento dell'amore con questi due precetti, non si istruisce prima sull'amore per il prossimo, e poi all'amore per Dio, piuttosto il contrario. Ma poiché Dio ancora non lo vediamo, amando il prossimo tuo acquisti il merito di vederlo; amando il prossimo purifichi i tuoi occhi per vedere Dio, come afferma San Giovanni: Se non ami tuo fratello che vedi, come potrai amare Dio, che non vedi? (1Gv 4,20).

Quando infatti Egli dice: "Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza" (Mc 12,30), Egli vuole che mai ci sciogliamo dai vincoli del suo amore. E quando con questo precetto del prossimo congiunge strettamente alla carità, ci prescrive l'imitazione della sua bontà, affinché amiamo ciò che egli ama, e ci occupiamo di ciò di cui egli si occupa.

 

Nella lettera di Giovanni (4,10. 19) dove troviamo che: "l'amore dell'uomo verso Dio è risposta all'amore di Dio verso l'uomo", non noi amiamo Dio per primi, ma Dio per primo ama noi. È Dio che con il suo amore chiama e suscita l'amore dell'uomo. L'amore di Dio è amore di amicizia: Dio giustifica il peccatore, lo riconcilia a sé, lo ricostituisce nella pace, lo trasforma interiormente, lo rigenera, lo rende capace del rapporto di amicizia con Dio stesso: "Vi ho chiamato amici" dice Gesù (Gv 15,15). L'amore di Dio è un amore responsabile e filiale, perché Dio chiama l'uomo ad un rapporto nuziale, ad una relazione di figliolanza, perché la giustificazione è rigenerazione e rinascita nel figlio. L'amore di Dio è l'amore per quello che Dio è in sé perché lui è: l'amore, la bontà, la bellezza, la misericordia, l'infinito, il tutto, perché lui è Padre, Figlio e Spirito. Dio è il padre provvidente, il redentore, la grazia, l'aiuto, la vita, il premio per ogni uomo. Perciò è giusto, bello e salutare "amare Dio con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutte le forze".

 

Allora preghiamo il Signore:

  • - Padre donaci un cuore libero da tutti gli idoli, per servire solo te e amare i fratelli secondo lo Spirito del tuo Figlio.
  • - Donaci, Padre, un cuore libero dagli affanni e dagli idoli terreni e fa che ogni giorno abbiamo te, sopra ogni cosa, e i fratelli per amore tuo.
  • - Signore, tu che sei l'amore e la fonte dell'amore, donaci un cuore puro e semplice, che sappia rispondere al tuo amore e sia capace di amarti senza misura, sia libero da pregiudizi etnici, religiosi, capaci di accogliere ogni uomo come un fratello.
  • - Donaci, Signore, occhi per vedere la necessità e la sofferenza dei fratelli; fa che ci impegniamo realmente al servizio dei poveri e dei sofferenti e la tua Chiesa sia testimonianza viva di verità e di libertà, di giustizia e di pace, perché tutti gli uomini si aprano alla speranza di un mondo nuovo.

 

Carletti Diacono Giancarlo,
Santa Margherita e San Rocco, Olevano Romano

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).