Domenica, 19  Settembre  2021  16:29:53


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Insieme anche sul web

 

Vescovo Mauro Parmeggiani

XXXIII Domenica T.O. /A

talenti bose1. Abbiamo appena sentito la parabola che Gesù ha inventato per illuminarci sul rapporto che esiste fra la nostra vita e Dio nostro Creatore e Padre. La nostra vita è come un “capitale”, un “patrimonio” che ci è stato affidato in amministrazione. Vi è un gesto che sta all’origine di tutto il racconto, il padrone “consegnò loro i suoi beni”. Anche all’inizio della nostra vita sta una “consegna”. C’è un testo della Sacra Scrittura che dice: “Egli [il Signore] da principio creò l’uomo e lo consegnò in mano del suo proprio volere” (Sir 15,14). Dunque, ciascuno di noi è stato “consegnato” a se stesso: alla sua libertà. La propria persona è come un “capitale” che può essere messo a frutto. È il punto di partenza fondamentale per capire tutto ciò che il Signore ci sta insegnando. Nessuno può dirsi padrone di se stesso: noi non apparteniamo a noi stessi, poiché siamo di Dio. La vita che viviamo è dono che ci è stato fatto dal Signore. Ci è stata donata appunto perché noi l’amministrassimo. 

 Ora che cosa distingue l’amministratore dal padrone? Due cose: compito dell’amministratore è di fare fruttare il capitale ricevuto: non deve essere in perdita. In secondo luogo, egli dovrà rendere conto della sua amministrazione a chi di dovere. La stessa cosa accade anche nel nostro rapporto col Signore: dobbiamo “far fruttare” (amministrare bene) quel capitale che è la nostra vita; verrà un momento in cui Dio nostro Signore ci chiamerà a rendere conto. (Se la parabola delle 10 vergini sottolinea la vigilanza, qui si converge verso questo momento irrevocabile che è il “rendere conto”).

 

Soffermiamoci un momento su questi due insegnamenti di Gesù.

 

A)- Amministrare bene la propria vita. Che cosa significa? Non vogliamo essere “servi inutili”. Non vogliamo seppellire i nostri talenti, ossia vivere da morti. Di che cosa è fatto questo “capitale” da amministrare? Delle ricchezze proprie della nostra umanità. È la ricchezza della nostra intelligenza; è la ricchezza della nostra capacità di amare; è la ricchezza della nostra capacità di lavorare. Forze messe a disposizione della nostra libertà. Ma il cristiano è stato arricchito in un modo infinitamente superiore: la vita stessa di Dio ci è stata donata.

Il talento dell’intelligenza, che metto a frutto quando non mi restringo alla sola realtà sensibile, ma voglio capire fino in fondo il significato della vita (mi “consegno" alla Verità), lo sotterro quando … riduco tutto alla realtà sensibile.

Il talento della capacità di amare, che metto a frutto quando mi realizzo attraverso il dono sincero di me stesso agli altri (mi “consegno” agli altri), lo sotterro quando confondo amore e piacere e mi lascio trascinare dalle emozioni e dalle passioni.

Il tesoro sublime della nostra vita in Cristo. È l’apostolo Paolo che nella seconda lettura ci insegna come mettere a frutto la nostra vita in Cristo.

È una pagina straordinaria questa! Essa mostra alla persona umana la sua vera grandezza, la sua dignità incomparabile, la guarisce da ogni falsa (s)valutazione e mancanza di autostima. Essa consiste nella sua libertà, nella sua capacità cioè di far giungere alla pienezza dell’essere la propria persona sviluppando la propria umanità in Cristo. Essa consiste nel fatto che poi ognuno di noi deve rendere conto di se stesso davanti al tribunale di Dio per tutto quello che avrà fatto.

 

B)- Rendere conto della propria vita. Poiché la nostra vita non ci appartiene, giunge il momento in cui ciascuno di noi sarà chiamato a renderne conto. Che cosa significa? Significa che noi saremo giudicati dal Signore. È una grande verità questa che oggi si cerca di lasciare in ombra. Il momento della nostra morte non sarà una sorta di caduta nel niente eterno, bensì l’incontro di ciascuno di noi col Signore. Questo incontro ha il carattere di una “resa dei conti” fatta a chi ci ha dato la vita in amministrazione. Ci sarà chiesto “come hai vissuto? Che ne hai fatto dei talenti che ti ho donato?” e come ogni giudizio, può finire in due modi. O sentiremo dirci queste parole: “prendi parte alla gioia del tuo padrone”; oppure ci sentiremo dire queste parole terribili: “il servo inutile gettatelo fuori”. 

 Ecco, vedete qui è descritta tutta la nostra vicenda, tutta la nostra vita: il tempo (altro talento) - tanto breve quanto veloce – che ci è stato donato è un tempo per guadagnare l’eternità.

 

2. Se allora siamo persone sagge, potremmo chiederci “quando sarà il momento in cui dovremo rendere conto della nostra vita?”. Quando sarà? A questa domanda risponde san Paolo: “riguardo ai tempi ... il giorno del Signore verrà come un ladro di notte”.

 Dunque. Il momento è a noi del tutto sconosciuto. Ed allora che cosa dobbiamo fare, quale attitudine assumere nei suoi confronti? 

 Molti, la maggior parte degli uomini, hanno assunto al riguardo l’attitudine più stolta. Essi ragionano in questo modo: “poiché non sappiamo esattamente quando verrà quel momento, noi viviamo come se non venisse mai”. Ben diverso invece è l’atteggiamento dell’uomo saggio: “poiché non sappiamo esattamente quando verrà quel momento, viviamo come se ogni momento potesse essere l’ultimo”. Questa attitudine viene chiamata dalla parola di Dio vigilanza. Ecco perché l’Apostolo ci dice: “Non dormiamo dunque come gli altri, ma vigiliamo e siamo sobri”. Se adotteremo infatti questa attitudine, quel momento non giungerà come una sorpresa: era atteso. 

 

Se fossi chiamato oggi a rendere conto, …non imitiamo Pinocchio che sotterra le monete nel campo dei miracoli, salvo essere preso in giro dal pappagallo; facciamo, invece nostri questi due consigli di san Giuseppe Cafasso:

1) Fare le nostre azioni a quel modo che vorremmo averle fatte quando ce ne sarà domandato conto al tribunale di Dio.

2) Fare ogni cosa come se fosse l'ultima della nostra vita.

 

Don Loris Rodella,

Santa Maria Assunta e Visitazione e Santo Stefano, Cave

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).