Martedi, 20  Ottobre  2020  16:43:50


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Sabato Santo /C

PER LA CELEBRAZIONE

• La Veglia pasquale non gode certo della stessa popolarità della Messa di mezzanotte di Natale... Ciò non toglie che questa liturgia (sul piano della fede, se non su quello della tradizione) sia obiettivamente la più importante di tutto l’anno. Per questo essa richiede la massima cura nella preparazione e nella celebrazione, usando con intelligenza delle previste possibilità di adattamento alle singole assemblee.

La Veglia pa­squale deve essere presentata come l’inizio della festa di Pasqua e va celebrata nella notte (l’ideale è iniziare verso le ore 23; in ogni caso, non prima delle ore 21).

• Per l’inizio della celebrazione suggeriamo due soluzioni alternative.

a) Dove la cosa è possibile, ci si riunisca fuori della chiesa, in un luogo non troppo lontano, attorno al fuoco preparato in precedenza. Qui avverrà l’accensione del cero, dopo la monizione iniziale da parte del sacerdote e l’orazione che si trova nel Messale a p. 162. Di qui si muoverà la processione con le candele accese per recarsi in chiesa, cantando.

b) Dove questo non sia possibile, si può fare così:

– ci si riunisce in chiesa, lasciando però le luci al minimo, appena l’indispensabile per non inciampare. Qualcuno accoglie la gente alla porta, consegnando a ciascuno una candela (spenta);

– il sacerdote e i ministranti giungono dalla sacrestia con una candelina accesa; dopo la monizione introduttiva e l’orazione (come sopra), il sacerdote accende il cero - collocato già in precedenza nel presbiterio - cantando “Cristo, luce del mondo”, oppure un’altra acclamazione, come sopra;

– dal cero accendono la loro candela il sacerdote e i ministranti, comunicando poi la fiamma dagli uni agli altri a tutti i fedeli, mentre si canta l’annuncio pasquale; nello stesso tempo si accendono gradualmente tutte le luci nella chiesa.

• L’annuncio pasquale può essere cantato come si trova nel Messale a p. 1091ss; per alleggerirlo un po’ si può inserire, secondo l’indicazione del Messale stesso, il ritornello Tu sei la luce che troviamo anche nel repertorio diocesano.

• La Liturgia battesimale (augurandosi che sia reale e non solo... commemorativa; cf Rito del battesimo dei bambini, cap. V, p. 145) inizia con le litanie dei Santi; per quanto possibile è bene cantarle: cf Messale, pp. 1098-1100, anche nel repertorio diocesano (n 2700)

Si inviti tutta l’assemblea a unirsi alla rinunzia a Satana e alla professione di fede dei genitori e padrini (senza ripetere la “Rinnovazione delle promesse battesimali” dopo il battesimo).

Al termine del rito battesimale il sacerdote passa in mezzo all’assemblea aspergendo i presenti con l’acqua benedetta, mentre si esegue un canto adatto.

• Attenzione a non lasciar “cadere” il tono della celebrazione al momento della Liturgia eucaristica: si faccia la processione di presentazione dei doni, si curi la partecipazione intensa alla preghiera eucaristica con il canto del Santo, dell’acclamazione dopo la consacrazione e dell’Amen finale. Per quanto possibile, sia prevista (e ben organizzata) la comunione sotto le due specie (cf Paschalis sollemnitatis, n. 92).

 

VEGLIA PASQUALE NELLA NOTTE SANTA

I - LITURGIA DELLA LUCE

Il fuoco nuovo e la luce del cero sono simboli di Gesù risorto che vince le tenebre del male.

L’assemblea si raduna fuori della chiesa, attorno al fuoco che divampa.

Dove non si può accendere il fuoco, si adatta il rito alla situazione. Il sacerdote saluta, nel modo consueto, il popolo radunato e lo esorta a celebrare degnamente questa Veglia con una partecipazione piena e cosciente, nel modo che gli è proprio.

 

Fratelli,

in questa santissima notte, nella quale Gesù Cristo nostro Signore passò dalla morte alla vita, la Chiesa, diffusa su tutta la terra, chiama i suoi figli a vegliare in preghiera.

Rivivremo la Pasqua del Signore nell’ascolto della Parola e nella partecipazione ai Sacramenti; Cristo risorto confermerà in noi la speranza di partecipare alla sua vittoria sulla morte e di vivere con lui in Dio Padre.

 

ACCENSIONE DEL FUOCO E BENEDIZIONE

TU SEI VIVO FUOCO (Poma) – RD pag. 222

oppure

IL SIGNORE E’ LA LUCE (Giombini) – RD pag. 222

oppure

IN QUESTA OSCURITA’ (Taizé) – RD pag. 222

In: http://www.taize.fr/spip.php?page=chant&song=316&lang=it

oppure

O LUCE RADIOSA – (J. Gelineau) – RN 146

oppure

LITANIA (A. Parisi) – RN 362

oppure

SORGETE DAL SONNO (B.Huijbers) - CdP 730

 

BENEDIZIONE DEL FUOCO NUOVO

Preghiamo.

O Padre, che per mezzo del tuo Figlio

ci hai comunicato la fiamma viva della tua gloria,

benedici questo fuoco nuovo,

fa’ che le feste pasquali accendano in noi il desiderio del cielo,

e ci guidino, rinnovati nello spirito,

alla festa dello splendore eterno.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

PREPARAZIONE DEL CERO PASQUALE

Il sacerdote incide una croce sul cero pasquale per configurarlo a Gesù Cristo; poi incide l’alfa e l’omega, prima e ultima lettera dell’alfabeto greco, per indicare che Cristo è il principio e la fine di tutte le cose; infine incide le cifre dell’anno per significare che Gesù – Signore del tempo e della storia – vive oggi per noi. Nel compiere tali riti il sacerdote dice:

 

Il Cristo ieri e oggi:

Principio e Fine, Alfa e Omega.

A lui appartengono il tempo e i secoli.

A lui la gloria e il potere

per tutti i secoli in eterno. Amen.

Per mezzo delle sue sante piaghe gloriose,

ci protegga e ci custodisca il Cristo Signore. Amen.

 

Al fuoco nuovo il sacerdote accende il cero, dicendo:

La luce del Cristo che risorge glorioso

disperda le tenebre del cuore e dello spirito.

 

PROCESSIONE DI ENTRATA CON IL CERO

Il diacono porta in chiesa il cero acceso, simbolo di Gesù Cristo, mentre si canta tre volte:


PROCESSIONE DI ENTRATA IN CHIESA CON IL CERO

LUMEN CHRISTI (gregoriano)
oppure

CRISTO LUCE DEL MONDO (Messale Romano) – RN 145

 

Ad ogni sosta, si accendono al cero successivamente le candele del sacerdote, quelle dei ministri e poi quelle dei fedeli. In tal modo la chiesa è progressivamente illuminata, le tenebre sono vinte dalla luce.

 

ANNUNCIO PASQUALE

Il diacono o lo stesso sacerdote proclama il preconio pasquale: tutti i presenti stanno in piedi e tengono in mano la candela accesa. In caso di necessità un cantore può proclamare il preconio pasquale; in questo caso, egli tralascia il saluto e l’ultimo periodo dell’introduzione, collocati tra le parentesi [ ]. Per la forma breve si tralasciano le parti collocate tra le due parentesi ( ).

 

ANNUNCIO PASQUALE

ANNUNCIO PASQUALE – Messale Romano

oppure

ANNUNCIO PASQUALE (A. Parisi)

oppure

ESULTI IL CORO DEGLI ANGELI (M.Frisina) 

 

Esulti il coro degli angeli, esulti l’assemblea celeste:

un inno di gloria saluti il trionfo del Signore risorto.

Gioisca la terra inondata da così grande splendore;

la luce del Re eterno ha vinto le tenebre del mondo.

Gioisca la madre Chiesa,

splendente della gloria del suo Signore,

e questo tempio tutto risuoni

per le acclamazioni del popolo in festa.

[(E voi, fratelli carissimi,

qui radunati nella solare chiarezza di questa nuova luce,

invocate con me la misericordia di Dio onnipotente.

Egli che mi ha chiamato, senza alcun merito,

nel numero dei suoi ministri,

irradi il suo mirabile fulgore,

perché sia piena e perfetta la lode di questo cero.)]

[Il Signore sia con voi.

E con il tuo spirito.]

In alto i nostri cuori.

Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.

E cosa buona e giusta.

È veramente cosa buona e giusta

esprimere con il canto l’esultanza dello spirito,

e inneggiare a Dio invisibile, Padre onnipotente,

e al suo unico Figlio, Gesù Cristo nostro Signore.

Egli ha pagato per noi all’eterno Padre il debito di Adamo,

e con il sangue sparso per la nostra salvezza

ha cancellato la condanna della colpa antica.

Questa è la vera Pasqua, in cui è ucciso il vero Agnello,

che con il suo sangue consacra le case dei fedeli.

Questa è la notte in cui hai liberato i figli di Israele, nostri padri,

dalla schiavitù dell’Egitto,

e li hai fatti passare illesi attraverso il Mar Rosso.

Questa è la notte in cui hai vinto le tenebre del peccato

con lo splendore della colonna di fuoco.

Questa è la notte che salva su tutta la terra i credenti nel Cristo

dall’oscurità del peccato e dalla corruzione del mondo,

li consacra all’amore del Padre

e li unisce nella comunione dei santi.

Questa è la notte in cui Cristo, spezzando i vincoli della morte,

risorge vincitore dal sepolcro.

(Nessun vantaggio per noi essere nati,

se lui non ci avesse redenti.)

O immensità del tuo amore per noi!

O inestimabile segno di bontà:

per riscattare lo schiavo, hai sacrificato il tuo Figlio!

Davvero era necessario il peccato di Adamo,

che è stato distrutto con la morte del Cristo.

Felice colpa, che meritò di avere un così grande redentore!

(O notte beata, tu sola hai meritato di conoscere

il tempo e l’ora in cui Cristo è risorto dagli inferi.

Di questa notte è stato scritto:

la notte splenderà come il giorno,

e sarà fonte di luce per la mia delizia.)

Il santo mistero di questa notte sconfigge il male,

lava le colpe, restituisce l’innocenza ai peccatori,

la gioia agli afflitti.

(Dissipa l’odio, piega la durezza dei potenti,

promuove la concordia e la pace.)

O notte veramente gloriosa,

che ricongiunge la terra al cielo e l’uomo al suo creatore!

In questa notte di grazia accogli, Padre santo, il sacrificio di lode,

che la Chiesa ti offre per mano dei suoi ministri,

nella solenne liturgia del cero,

frutto del lavoro delle api, simbolo della nuova luce.

(Riconosciamo nella colonna dell’Esodo

gli antichi presagi di questo lume pasquale

che un fuoco ardente ha acceso in onore di Dio.

Pur diviso in tante fiammelle non estingue il suo vivo splendore,

ma si accresce nel consumarsi della cera

che l’ape madre ha prodotto

per alimentare questa preziosa lampada.)

Ti preghiamo dunque, Signore, che questo cero

offerto in onore del tuo nome

per illuminare l’oscurità di questa notte,

risplenda di luce che mai si spegne.

Salga a te come profumo soave,

si confonda con le stelle del cielo.

Lo trovi acceso la stella del mattino,

quella stella che non conosce tramonto:

Cristo, tuo Figlio, che risuscitato dai morti

fa risplendere sugli uomini la sua luce serena

e vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

 

II - LITURGIA DELLA PAROLA

Queste letture costituivano l’ultimo insegnamento ai catecumeni prima del Battesimo. A tutta la comunità cristiana che si prepara a rinnovare le promesse battesimali, ricordano i fatti salienti della storia della salvezza e i valori essenziali della nuova vita di figli di Dio. La lettura della parola di Dio è parte essenziale della Veglia pasquale; perciò solo per motivi pastoralmente validi è possibile ridurre il numero delle letture dell’Antico Testamento. La terza è sempre obbligatoria, perché ricorda la prima Pasqua.

Prima di iniziare la lettura della Parola di Dio, il sacerdote si rivolge all’assemblea con queste parole o con altre simili:

Fratelli carissimi,

dopo il solenne inizio della Veglia, ascoltiamo ora in devoto raccoglimento la Parola di Dio.

Meditiamo come nell’antica alleanza Dio salvò il suo popolo e, nella pienezza dei tempi, ha inviato il suo Figlio per la nostra redenzione.

Preghiamo perché Dio nostro Padre conduca a compimento quest’opera di salvezza incominciata con la Pasqua.

 

PRIMA LETTURA*

Dio vide tutto quello che aveva fatto: era cosa molto buona.

Dal libro della Gènesi (Gn 1,1–2,2)

[In principio Dio creò il cielo e la terra.] La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.

Dio disse: “Sia la luce!”. E la luce fu. Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno. Dio disse: “Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque”. Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento. E così avvenne. Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno.

Dio disse: “Le acque che sono sotto il cielo si raccolgano in un solo luogo e appaia l’asciutto”. E così avvenne. Dio chiamò l’asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona.

E Dio disse: “La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie”. E così avvenne: la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: terzo giorno.

Dio disse: “Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra”. E così avvenne: Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: quarto giorno.

Dio disse: “Le acque brùlichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo”. Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brùlicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. Dio li benedisse: “Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra”. E fu sera e fu mattina: quinto giorno.

Dio disse: “La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie”. E così avvenne: Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona.

[E Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e dòmini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra”.

Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: “Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra”.

E Dio disse: “Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde”. E così avvenne. Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona.] E fu sera e fu mattina: sesto giorno.

Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere. Allora Dio nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro.

Parola di Dio.

 

SALMI RESPONSORIALI DELLA VEGLIA 

in Sussidio Triduo Pasquale dell’Ufficio Liturgico nazionale:

https://liturgico.chiesacattolica.it/sussidio-quaresima-pasqua-2019/

oppure (solo ritornelli)

in Psallite: http://www.psallite.net/download.php?view.301

oppure in Rivista di Musica Liturgica On-line: http://new.psallite.net/a/Salmi_responsoriali_per_la_Veglia_di_Pasqua/8/17

 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 103)

Rit. Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra.

Benedici il Signore, anima mia:

Signore, mio Dio, quanto sei grande!

Rivestito di maestà e di splendore,

avvolto di luce come di un manto.

 

Hai fondato la terra sulle sue basi,

mai potrà vacillare.

L’oceano l’avvolgeva come un manto,

le acque coprivano le montagne.

 

Fai scaturire le sorgenti nelle valli

e scorrono tra i monti.

Al di sopra dimorano gli uccelli del cielo,

cantano tra le fronde.

 

Dalle tue alte dimore irrìghi i monti,

con il frutto delle tue opere sazi la terra.

Fai crescere il fieno per gli armenti

e l’erba al servizio dell’uomo.

 

Quanto sono grandi, Signore, le tue opere.

Tutto hai fatto con saggezza,

la terra è piena delle tue creature.

Benedici il Signore, anima mia.

 

Oppure: (Dal Salmo 32)

Rit. Della grazia del Signore è piena la terra.

Retta è la parola del Signore

e fedele ogni sua opera.

Egli ama il diritto e la giustizia,

della sua grazia è piena la terra.

 

Dalla parola del Signore furono fatti i cieli,

dal soffio della sua bocca ogni loro schiera.

Come in un otre raccoglie le acque del mare,

chiude in riserve gli abissi.

 

Beata la nazione il cui Dio è il Signore,

il popolo che si è scelto come erede.

Il Signore guarda dal cielo,

egli vede tutti gli uomini.

 

L’anima nostra attende il Signore,

egli è nostro aiuto e nostro scudo.

Signore, sia su di noi la tua grazia,

perché in te speriamo.

 

ORAZIONE

Dio onnipotente ed eterno,

ammirabile in tutte le opere del tuo amore,

illumina i figli da te redenti

perché comprendano che, se fu grande all’inizio

la creazione del mondo,

ben più grande, nella pienezza dei tempi,

fu l’opera della nostra redenzione,

nel sacrificio pasquale di Cristo Signore.

Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

 

Quando si fa la lettura breve, si dice la seguente orazione:

O Dio, che in modo mirabile ci hai creati a tua immagine

e in modo più mirabile ci hai rinnovati e redenti,

fa’ che resistiamo con la forza dello spirito

alle seduzioni del peccato, per giungere alla gioia eterna.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

SECONDA LETTURA*

Il sacrificio di Abramo, nostro padre nella fede.

Dal libro della Gènesi (Gn 22,1-18)

 

[In quei giorni, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: “Abramo, Abramo!”. Rispose: “Eccomi!”. Riprese: “Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, va’ nel territorio di Moria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò”.] Abramo si alzò di buon mattino, sellò l’asino, prese con sé due servi e il figlio Isacco, spaccò la legna per l’olocausto e si mise in viaggio verso il luogo che Dio gli aveva indicato.

Il terzo giorno Abramo alzò gli occhi e da lontano vide quel luogo. Allora Abramo disse ai suoi servi: “Fermatevi qui con l’asino; io e il ragazzo andremo fin lassù, ci prostreremo e poi ritorneremo da voi”. Abramo prese la legna dell’olocausto e la caricò sul figlio Isacco, prese in mano il fuoco e il coltello, poi proseguirono tutt’e due insieme.

Isacco si rivolse al padre Abramo e disse: “Padre mio!”. Rispose: “Eccomi, figlio mio”. Riprese: “Ecco qui il fuoco e la legna, ma dov’è l’agnello per l’olocausto?”. Abramo rispose: “Dio stesso provvederà l’agnello per l’olocausto, figlio mio!”. Proseguirono tutt’e due insieme; così [arrivarono al luogo che Dio gli aveva indicato; qui Abramo costruì l’altare, collocò la legna,] legò il figlio Isacco e lo depose sull’altare, sopra la legna. [Poi Abramo stese la mano e prese il coltello per immolare suo figlio.

Ma l’angelo del Signore lo chiamò dal cielo e gli disse: “Abramo, Abramo!”. Rispose: “Eccomi!”. L’angelo disse: “Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli alcun male! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio”.

Allora Abramo alzò gli occhi e vide un ariete impigliato con le corna in un cespuglio. Abramo andò a prendere l’ariete e lo offrì in olocausto invece del figlio.]

Abramo chiamò quel luogo: “Il Signore provvede”, perciò oggi si dice: “Sul monte il Signore provvede”.

[Poi l’angelo del Signore chiamò dal cielo Abramo per la seconda volta e disse: “Giuro per me stesso, oracolo del Signore: perché tu hai fatto questo e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio, io ti benedirò con ogni benedizione e renderò molto numerosa la tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia che è sul lido del mare; la tua discendenza si impadronirà delle città dei nemici. Saranno benedette per la tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce”.]

Parola di Dio.

 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 15)

Rit. Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.

Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:

nelle tue mani è la mia vita.

Io pongo sempre innanzi a me il Signore,

sta alla mia destra, non posso vacillare.

 

Di questo gioisce il mio cuore, esulta la mia anima;

anche il mio corpo riposa al sicuro,

perché non abbandonerai la mia vita nel sepolcro,

né lascerai che il tuo santo veda la corruzione.

 

Mi indicherai il sentiero della vita,

gioia piena nella tua presenza,

dolcezza senza fine alla tua destra.

 

ORAZIONE

O Dio, Padre dei credenti,

che estendendo a tutti gli uomini

il dono dell’adozione filiale,

moltiplichi in tutta la terra i tuoi figli,

e nel sacramento pasquale del Battesimo

adempi la promessa fatta ad Abramo

di renderlo padre di tutte le nazioni,

concedi al tuo popolo di rispondere degnamente

alla grazia della tua chiamata.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

TERZA LETTURA

Gli Israeliti camminarono sull’asciutto in mezzo al mare.

Dal libro dell’Esodo (Es 14,15–15,1)

 

In quei giorni, il Signore disse a Mosè: “Perché gridi verso di me? Ordina agli Israeliti di riprendere il cammino. Tu intanto alza il bastone, stendi la mano sul mare e dividilo, perché gli Israeliti entrino nel mare all’asciutto. Ecco io rendo ostinato il cuore degli Egiziani, così che entrino dietro di loro e io dimostri la mia gloria sul faraone e tutto il suo esercito, sui suoi carri e sui suoi cavalieri. Gli Egiziani sapranno che io sono il Signore, quando dimostrerò la mia gloria contro il faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri”.

L’angelo di Dio, che precedeva l’accampamento d’Israele, cambiò posto e passò indietro. Anche la colonna di nube si mosse e dal davanti passò indietro. Venne così a trovarsi tra l’accampamento degli Egiziani e quello d’Israele.

La nube era tenebrosa per gli uni, mentre per gli altri illuminava la notte; così gli uni non poterono avvicinarsi agli altri durante tutta la notte.

Allora Mosè stese la mano sul mare. E il Signore durante tutta la notte risospinse il mare con un forte vento d’oriente, rendendolo asciutto; le acque si divisero. Gli Israeliti entrarono nel mare sull’asciutto, mentre le acque erano per loro una muraglia a destra e a sinistra. Gli Egiziani li inseguirono con tutti i cavalli del faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri, entrando dietro di loro in mezzo al mare.

Ma alla veglia del mattino il Signore dalla colonna di fuoco e di nube gettò uno sguardo sul campo degli Egiziani e lo mise in rotta. Frenò le ruote dei loro carri, così che a stento riuscivano a spingerle. Allora gli Egiziani dissero: “Fuggiamo di fronte a Israele, perché il Signore combatte per loro contro gli Egiziani!”.

Il Signore disse a Mosè: “Stendi la mano sul mare: le acque si riversino sugli Egiziani, sui loro carri e i loro cavalieri”.

Mosè stese la mano sul mare e il mare, sul far del mattino, tornò al suo livello consueto, mentre gli Egiziani, fuggendo, gli si dirigevano contro. Il Signore li travolse così in mezzo al mare. Le acque ritornarono e sommersero i carri e i cavalieri di tutto l’esercito del faraone, che erano entrati nel mare dietro a Israele: non ne scampò neppure uno. Invece gli Israeliti avevano camminato sull’asciutto in mezzo al mare, mentre le acque erano per loro una muraglia a destra e a sinistra.

In quel giorno il Signore salvò Israele dalla mano degli Egiziani e Israele vide gli Egiziani morti sulla riva del mare; Israele vide la mano potente con la quale il Signore aveva agito contro l’Egitto e il popolo temette il Signore e credette in lui e nel suo servo Mosè.

Allora Mosè e gli Israeliti cantarono questo canto al Signore e dissero:

 

SALMO RESPONSORIALE (Es 15,1b-7a.17-18)

Rit. Cantiamo al Signore: stupenda è la sua vittoria!

“Voglio cantare in onore del Signore:

perché ha mirabilmente trionfato,

ha gettato in mare cavallo e cavaliere.

Mia forza e mio canto è il Signore, egli mi ha salvato.

È il mio Dio e lo voglio lodare,

è il Dio di mio padre e lo voglio esaltare!

 

Dio è prode in guerra, si chiama Signore.

I carri del faraone e il suo esercito

li ha gettati nel mare

e i suoi combattenti scelti furono sommersi nel Mare Rosso.

Gli abissi li ricoprirono, sprofondarono come pietra.

 

La tua destra, Signore, terribile per la potenza,

la tua destra, Signore, annienta il nemico,

con sublime grandezza abbatti i tuoi avversari.

 

Fai entrare il tuo popolo

e lo pianti sul monte della tua eredità,

luogo che per tua sede, Signore, hai preparato,

santuario che le tue mani, Signore, hanno fondato.

Il Signore regna in eterno e per sempre!”.

 

ORAZIONE

O Dio, anche ai nostri tempi

vediamo risplendere i tuoi antichi prodigi:

ciò che facesti con la tua mano potente

per liberare un solo popolo dall’oppressione del faraone,

ora lo compi attraverso l’acqua del Battesimo

per la salvezza di tutti i popoli;

concedi che l’umanità intera sia accolta tra i figli di Abramo

e partecipi alla dignità del popolo eletto.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Oppure:

O Dio, tu hai rivelato nella luce della nuova alleanza

il significato degli antichi prodigi:

il Mar Rosso è l’immagine del fonte battesimale

e il popolo liberato dalla schiavitù

è un simbolo del popolo cristiano.

Concedi che tutti gli uomini, mediante la fede,

siano fatti partecipi del privilegio del popolo eletto,

e rigenerati dal dono del tuo Spirito.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

QUARTA LETTURA

Con affetto perenne il Signore, tuo redentore, ha avuto pietà di te.

Dal libro del profeta Isaia (Is 54,5-14)

 

Tuo sposo è il tuo creatore,

Signore degli eserciti è il suo nome;

tuo redentore è il Santo di Israele,

è chiamato Dio di tutta la terra.

Come una donna abbandonata

e con l’animo afflitto, ti ha il Signore richiamata.

Viene forse ripudiata la donna sposata in gioventù?

Dice il tuo Dio.

Per un breve istante ti ho abbandonata,

ma ti riprenderò con immenso amore.

In un impeto di collera

ti ho nascosto per un poco il mio volto;

ma con affetto perenne ho avuto pietà di te,

dice il tuo redentore, il Signore.

Ora è per me come ai giorni di Noè,

quando giurai che non avrei più riversato

le acque di Noè sulla terra;

così ora giuro di non più adirarmi

con te e di non farti più minacce.

Anche se i monti si spostassero

e i colli vacillassero,

non si allontanerebbe da te il mio affetto,

né vacillerebbe la mia alleanza di pace;

dice il Signore che ti usa misericordia.

Afflitta, percossa dal turbine, sconsolata,

ecco io pongo sulla malachite le tue pietre

e sugli zaffiri le tue fondamenta.

Farò di rubini la tua merlatura,

le tue porte saranno di carbonchi,

tutta la tua cinta sarà di pietre preziose.

Tutti i tuoi figli saranno discepoli del Signore,

grande sarà la prosperità dei tuoi figli;

sarai fondata sulla giustizia.

Sta’ lontana dall’oppressione, perché non dovrai temere,

dallo spavento, perché non ti si accosterà.

Parola di Dio.

 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 29)

Rit. Ti esalto, Signore, perché mi hai liberato.

Signore Dio mio,

a te ho gridato e mi hai guarito.

Signore, mi hai fatto risalire dagli inferi,

mi hai dato vita perché non scendessi nella tomba.

 

Cantate inni al Signore, o suoi fedeli,

rendete grazie al suo santo nome,

perché la sua collera dura un istante,

la sua bontà per tutta la vita.

Alla sera sopraggiunge il pianto

e al mattino, ecco la gioia.

 

Ascolta, Signore, abbi misericordia,

Signore, vieni in mio aiuto.

Hai mutato il mio lamento in danza,

Signore, mio Dio, ti loderò per sempre.

 

ORAZIONE

O Dio, Padre di tutti gli uomini,

moltiplica a gloria del tuo nome

la discendenza promessa alla fede dei patriarchi,

e aumenta il numero dei tuoi figli,

perché la Chiesa veda pienamente adempiuto

il disegno universale di salvezza,

nel quale i nostri padri avevano fermamente sperato.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

QUINTA LETTURA

Venite a me, e vivrete; stabilirò per voi un’alleanza eterna.

Dal libro del profeta Isaia (Is 55,1-11)

 

Così dice il Signore:

O voi tutti assetati, venite all’acqua,

chi non ha denaro venga ugualmente;

comprate e mangiate senza denaro

e, senza spesa, vino e latte.

Perché spendete denaro per ciò che non è pane,

il vostro patrimonio per ciò che non sazia?

Su, ascoltatemi e mangerete cose buone

e gusterete cibi succulenti.

Porgete l’orecchio e venite a me,

ascoltate e voi vivrete.

Io stabilirò per voi un’alleanza eterna,

i favori assicurati a Davide.

Ecco l’ho costituito testimonio fra i popoli,

principe e sovrano sulle nazioni.

Ecco tu chiamerai gente che non conoscevi;

accorreranno a te popoli che non ti conoscevano

a causa del Signore, tuo Dio,

del Santo di Israele, perché egli ti ha onorato.

Cercate il Signore, mentre si fa trovare,

invocatelo, mentre è vicino.

L’empio abbandoni la sua via

e l’uomo iniquo i suoi pensieri;

ritorni al Signore che avrà misericordia di lui

e al nostro Dio che largamente perdona.

Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri,

le vostre vie non sono le mie vie – oracolo del Signore.

Quanto il cielo sovrasta la terra,

tanto le mie vie sovrastano le vostre vie,

i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri.

Come infatti la pioggia e la neve

scendono dal cielo e non vi ritornano

senza avere irrigato la terra,

senza averla fecondata e fatta germogliare,

perché dia il seme al seminatore e pane da mangiare,

così sarà della parola uscita dalla mia bocca:

non ritornerà a me senza effetto,

senza aver operato ciò che desidero

e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata.

Parola di Dio.

 

SALMO RESPONSORIALE (Is 12,2.4-6)

Rit. Attingeremo con gioia alle sorgenti della salvezza.

Ecco, Dio è la mia salvezza;

io confiderò, non avrò mai timore,

perché mia forza e mio canto è il Signore;

egli è stato la mia salvezza.

 

Lodate il Signore, invocate il suo nome;

manifestate tra i popoli le sue meraviglie,

proclamate che il suo nome è sublime.

 

Cantate inni al Signore, perché ha fatto opere grandi,

ciò sia noto in tutta la terra.

Gridate giulivi ed esultate, abitanti di Sion,

perché grande in mezzo a voi è il Santo di Israele.

 

ORAZIONE

Dio onnipotente ed eterno, unica speranza del mondo,

tu hai preannunziato con il messaggio dei profeti

i misteri che oggi si compiono;

ravviva la nostra sete di salvezza,

perché soltanto per l’azione del tuo Spirito

possiamo progredire nelle vie della tua giustizia.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

SESTA LETTURA

Cammina allo splendore della luce del Signore.

Dal libro del profeta Baruc (Bar 3,9-15.32–4,4)

 

Ascolta, Israele, i comandamenti della vita,

porgi l’orecchio per intender la prudenza.

Perché, Israele, perché ti trovi in terra nemica

e invecchi in terra straniera?

Perché ti contamini con i cadaveri

e sei annoverato fra coloro che scendono negli inferi?

Tu hai abbandonato la fonte della sapienza!

Se tu avessi camminato nei sentieri di Dio,

saresti vissuto sempre in pace.

Impara dov’è la prudenza,

dov’è la forza, dov’è l’intelligenza,

per comprendere anche dov’è la longevità e la vita,

dov’è la luce degli occhi e la pace.

Chi ha scoperto la sua dimora,

chi è penetrato nei suoi forzieri?

Ma colui che sa tutto, la conosce

e l’ha scrutata con l’intelligenza.

È lui che nel volger dei tempi ha stabilito la terra

e l’ha riempita d’animali;

lui che invia la luce ed essa va,

che la richiama ed essa obbedisce con tremore.

Le stelle brillano dalle loro vedette e gioiscono;

egli le chiama e rispondono: “Eccoci!”

e brillano di gioia per colui che le ha create.

Egli è il nostro Dio

e nessun altro può essergli paragonato.

Egli ha scrutato tutta la via della sapienza

e ne ha fatto dono a Giacobbe suo servo,

a Israele suo diletto.

Per questo è apparsa sulla terra

e ha vissuto fra gli uomini.

Essa è il libro dei decreti di Dio,

è la legge che sussiste nei secoli;

quanti si attengono ad essa avranno la vita,

quanti l’abbandonano moriranno.

Ritorna, Giacobbe, e accoglila,

cammina allo splendore della sua luce.

Non dare ad altri la tua gloria,

né i tuoi privilegi a gente straniera.

Beati noi, o Israele,

perché ciò che piace a Dio ci è stato rivelato.

Parola di Dio.

 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 18)

Rit. Signore, tu hai parole di vita eterna.

La legge del Signore è perfetta,

rinfranca l’anima;

la testimonianza del Signore è verace,

rende saggio il semplice.

 

Gli ordini del Signore sono giusti,

fanno gioire il cuore;

i comandi del Signore sono limpidi,

danno luce agli occhi.

 

Il timore del Signore è puro, dura sempre;

i giudizi del Signore sono tutti fedeli e giusti,

più preziosi dell’oro, di molto oro fino,

più dolci del miele e di un favo stillante.

 

ORAZIONE

O Dio, che accresci sempre la tua Chiesa

chiamando nuovi figli da tutte le genti,

custodisci nella tua protezione

coloro che fai rinascere dall’acqua del Battesimo.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

SETTIMA LETTURA

Vi aspergerò con acqua pura, e vi darò un cuore nuovo.

Dal libro del profeta Ezechiele (Ez 36,16-17a.18-28)

 

Mi fu rivolta questa parola del Signore: “Figlio dell’uomo, la casa d’Israele, quando abitava il suo paese, lo rese impuro con la sua condotta e le sue azioni. Perciò ho riversato su di loro la mia ira per il sangue che avevano sparso nel paese e per gli idoli con i quali l’avevano contaminato. Li ho dispersi fra le genti e sono stati dispersi in altri territori: li ho giudicati secondo la loro condotta e le loro azioni.

Giunsero fra le nazioni dove erano spinti e disonorarono il mio nome santo, perché di loro si diceva: Costoro sono il popolo del Signore e tuttavia sono stati scacciati dal suo paese.

Ma io ho avuto riguardo del mio nome santo, che gli Israeliti avevano disonorato fra le genti presso le quali sono andati. Annunzia alla casa d’Israele: Così dice il Signore Dio: Io agisco non per riguardo a voi, gente d’Israele, ma per amore del mio nome santo, che voi avete disonorato fra le genti presso le quali siete andati. Santificherò il mio nome grande, disonorato fra le genti, profanato da voi in mezzo a loro. Allora le genti sapranno che io sono il Signore – parola del Signore Dio – quando mostrerò la mia santità in voi davanti ai loro occhi.

Vi prenderò dalle genti, vi radunerò da ogni terra e vi condurrò sul vostro suolo. Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati; io vi purificherò da tutte le vostre sozzurre e da tutti i vostri idoli; vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne.

Porrò il mio spirito dentro di voi e vi farò vivere secondo i miei precetti e vi farò osservare e mettere in pratica le mie leggi. Abiterete nella terra che io diedi ai vostri padri; voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio”.

Parola di Dio.

 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 41)

Rit. Ha sete di te, Signore, l’anima mia.

L’anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente:

quando verrò e vedrò il volto di Dio?

 

Attraverso la folla avanzavo tra i primi

fino alla casa di Dio,

in mezzo ai canti di gioia

di una moltitudine in festa.

 

Manda la tua verità e la tua luce;

siano esse a guidarmi,

mi portino al tuo monte santo e alle tue dimore.

 

Verrò all’altare di Dio,

al Dio della mia gioia, del mio giubilo.

A te canterò con la cetra, Dio, Dio mio.

 

Oppure (quando si celebra il Battesimo) (Is 12,2.4-6)

Rit. Attingeremo con gioia alle sorgenti della salvezza.

Ecco, Dio è la mia salvezza;

io confiderò, non avrò mai timore,

perché mia forza e mio canto è il Signore;

egli è stato la mia salvezza.

 

Lodate il Signore, invocate il suo nome;

manifestate tra i popoli le sue meraviglie,

proclamate che il suo nome è sublime.

 

Cantate inni al Signore, perché ha fatto opere grandi,

ciò sia noto in tutta la terra.

Gridate giulivi ed esultate, abitanti di Sion,

perché grande in mezzo a voi è il Santo di Israele.

 

Oppure: (Dal Salmo 50)

Rit. Crea in me, o Dio, un cuore puro.

Rinnova in me, o Dio, uno spirito saldo;

non respingermi dalla tua presenza

e non privarmi del tuo santo spirito.

 

Rendimi la gioia di essere salvato,

sostieni in me un animo generoso.

Insegnerò agli erranti le tue vie

e i peccatori a te ritorneranno.

 

Tu non gradisci il sacrificio

e, se offro olocausti, non li accetti.

Uno spirito contrito è sacrificio a Dio,

un cuore affranto e umiliato,

tu, o Dio, non disprezzi.

 

ORAZIONE

O Dio, potenza immutabile e luce che non tramonta,

volgi lo sguardo alla tua Chiesa,

ammirabile sacramento di salvezza,

e compi l’opera predisposta nella tua misericordia:

tutto il mondo veda e riconosca

che ciò che è distrutto si ricostruisce,

ciò che è invecchiato si rinnova

e tutto ritorna alla sua integrità,

per mezzo del Cristo,

che è principio di tutte le cose.

Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

 

Oppure:

O Dio, che nelle pagine dell’Antico e Nuovo Testamento

ci hai preparati a celebrare il mistero pasquale,

fa’ che comprendiamo l’opera del tuo amore per gli uomini,

perché i doni che oggi riceviamo

confermino in noi la speranza dei beni futuri.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Il celebrante intona l’inno “Gloria a Dio”, che viene cantato da tutti.

 

INNO DI LODE

GLORIA (J. Berthier) – CdP 222

oppure

GLORIA IN EXCELSIS DEO (gregoriano) – RN 7

oppure

GLORIA (Parisi) – Agorà di Loreto

oppure

GLORIA (D. Branca) – in “Sorgente di salvezza”

oppure

GLORIA (F. Rainoldi) – RN 6

oppure

GLORIA (Picchi) – RN 5

oppure

GLORIA (Durighello) in Messa “Piccolo magnificat”

oppure

GLORIA (D. Branca)

oppure

GLORIA (T. Henderson) in raccolta “Mistero pasquale”

 

COLLETTA

O Dio, che illumini questa santissima notte

con la gloria della risurrezione del Signore,

ravviva nella tua famiglia lo spirito di adozione,

perché tutti i tuoi figli, rinnovati nel corpo e nell’anima.

siano sempre fedeli al tuo servizio.

Per il nostro Signore Gesù Cristo,

tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te,

nell’unità dello Spirito Santo,

per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

EPISTOLA

Cristo risuscitato dai morti non muore più.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani (Rm 6,3-11)

 

Fratelli, non sapete che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte?

Per mezzo del battesimo siamo stati sepolti insieme a lui nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova.

Se infatti siamo stati completamente uniti a lui con una morte simile alla sua, lo saremo anche con la sua risurrezione.

Sappiamo bene che il nostro uomo vecchio è stato crocifisso con lui, perché fosse distrutto il corpo del peccato, e noi non fossimo più schiavi del peccato. Infatti chi è morto, è ormai libero dal peccato.

Ma se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con lui, sapendo che Cristo risuscitato dai morti non muore più; la morte non ha più potere su di lui.

Per quanto riguarda la sua morte, egli morì al peccato una volta per tutte; ora invece per il fatto che egli vive, vive per Dio.

Così anche voi consideratevi morti al peccato, ma viventi per Dio, in Cristo Gesù.

Parola di Dio.

 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 117)

Rit. Alleluia, alleluia, alleluia.

Celebrate il Signore, perché è buono;

perché eterna è la sua misericordia.

Dica Israele che egli è buono:

eterna è la sua misericordia.

 

La destra del Signore si è alzata,

la destra del Signore ha fatto meraviglie.

Non morirò, resterò in vita

e annunzierò le opere del Signore.

 

La pietra scartata dai costruttori

è divenuta testata d’angolo;

ecco l’opera del Signore:

una meraviglia ai nostri occhi.

 

VANGELO

Perché cercate tra i morti colui che è vivo?

Dal vangelo secondo Luca (Lc 24,1-12)

 

Il primo giorno dopo il sabato, di buon mattino, [le donne] si recarono alla tomba, portando con sé gli aromi che avevano preparato. Trovarono la pietra rotolata via dal sepolcro; ma, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù.

Mentre erano ancora incerte, ecco due uomini apparire vicino a loro in vesti sfolgoranti. Essendosi le donne impaurite e avendo chinato il volto a terra, essi dissero loro: “Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risuscitato. Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea, dicendo che bisognava che il Figlio dell’uomo fosse consegnato in mano ai peccatori, che fosse crocifisso e risuscitasse il terzo giorno”.

Ed esse si ricordarono delle sue parole, e, tornate dal sepolcro, annunziarono tutto questo agli Undici e a tutti gli altri. Erano Maria di Màgdala, Giovanna e Maria di Giacomo. Anche le altre che erano insieme lo raccontarono agli apostoli. Quelle parole parvero loro come un vaneggiamento e non credettero ad esse. Pietro tuttavia corse al sepolcro e chinatosi vide solo le bende. E tornò a casa pieno di stupore per l’accaduto.

Parola del Signore.

 

III - LITURGIA BATTESIMALE

Il sacerdote con i ministri si reca al fonte battesimale se questo è in vista dei fedeli; altrimenti si pone nel presbiterio un bacile con l’acqua.

La Veglia pasquale è vissuta in pienezza quando la comunità può presentare degli adulti o dei bambini per la rinascita battesimale. Ma anche quando questo non è possibile, la comunità ha coscienza che il suo rinnovamento pasquale esige un impegno più grande nella attuazione delle proprie promesse battesimali.

 

Se ci sono dei battezzandi:

Carissimi, accompagniamo con la nostra unanime preghiera questi candidati al Battesimo [la gioiosa speranza dei nostri fratelli], perché Dio Padre onnipotente nella sua grande bontà li guidi al fonte della rigenerazione.

 

Se si benedice il fonte, ma non ci sono battezzandi:

Fratelli carissimi, invochiamo la benedizione di Dio Padre onnipotente su questo fonte battesimale, perché tutti quelli che nel Battesimo saranno rigenerati in Cristo, siano accolti nella famiglia di Dio.

 

LITANIE DEI SANTI

Nelle litanie si possono inserire alcuni nomi di Santi, in particolare del Titolare della chiesa o dei Patroni del luogo (e del Santo di cui i battezzandi porteranno il nome).

 

LITANIE DEI SANTI

LITANIE DEI SANTI (J. Gelineau) – RN 159

oppure

LITANIE DEI SANTI (Messale romano) – RN 160

 

Signore, pietà

Signore, pietà

Cristo, pietà

Cristo, pietà

Signore, pietà

Signore, pietà

Santa Maria, Madre di Dio

prega per noi

San Michele,

prega per noi

Santi angeli di Dio,

pregate per noi

San Giovanni Battista,

prega per noi

San Giuseppe,

prega per noi

Santi Pietro e Paolo,

pregate per noi

Sant’Andrea,

prega per noi

San Giovanni,

prega per noi

Santi Apostoli ed evangelisti,

pregate per noi

Santa Maria Maddalena,

prega per noi

Santi discepoli del Signore,

pregate per noi

Santo Stefano,

prega per noi

Sant’Ignazio d’Antiochia,

prega per noi

Sante Perpetua e Felicita,

pregate per noi

Sant’Agnese,

prega per noi

Santi martiri di Dio,

pregate per noi

San Gregorio,

prega per noi

Sant’Agostino,

prega per noi

Sant’Atanasio,

prega per noi

San Basilio,

prega per noi

San Martino,

prega per noi

Santi Cirillo e Metodio,

pregate per noi

San Benedetto,

prega per noi

San Francesco,

prega per noi

San Domenico,

prega per noi

San Francesco Saverio,

prega per noi

San Giovanni Maria Vianney,

prega per noi

Santa Teresa d’Avila,

prega per noi

Santi e sante di Dio,

pregate per noi

 

Noi, peccatori, ti preghiamo

ascoltaci, Signore

Nella tua misericordia

salvaci, Signore

Da ogni male

salvaci, Signore

Da ogni peccato

salvaci, Signore

Dalla morte eterna

salvaci, Signore

Per la tua incarnazione

salvaci, Signore

Per la tua morte e risurrezione

salvaci, Signore

Per il dono dello Spirito Santo

salvaci, Signore


Nella tua misericordia

salvaci, Signore

Se ci sono dei battezzandi:

Dona la grazia della vita nuova nel Battesimo a questi tuoi eletti

ascoltaci, Signore

Se non ci sono i battezzandi:

Benedici e santifica con la grazia del tuo Spirito questo fonte battesimale da cui nascono i tuoi figli

ascoltaci, Signore

Gesù, Figlio del Dio vivente, ascolta la nostra supplica

Gesù, Figlio del Dio vivente, ascolta la nostra supplica

 

Se vi sono dei battezzandi, il sacerdote dice la seguente orazione:

Dio onnipotente ed eterno,

manifesta la tua presenza nei sacramenti del tuo amore,

manda lo spirito di adozione a suscitare

un popolo nuovo dal fonte battesimale,

perché l’azione del nostro umile ministero

sia resa efficace dalla tua potenza.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

BENEDIZIONE DELL’ACQUA BATTESIMALE

Questa formula si usa quando ci sono dei battesimi o l’acqua sarà utilizzata per questo scopo.

 

O Dio, per mezzo dei segni sacramentali, tu operi con invisibile potenza le meraviglie della salvezza; e in molti modi, attraverso i tempi, hai preparato l’acqua, tua creatura, ad essere segno del Battesimo.

Fin dalle origini il tuo Spirito si librava sulle acque, perché contenessero in germe la forza di santificare; e anche nel diluvio hai prefigurato il Battesimo, perché, oggi come allora, l’acqua segnasse la fine del peccato e l’inizio della vita nuova. Tu hai liberato dalla schiavitù i figli di Abramo, facendoli passare illesi attraverso il Mar Rosso, perché fossero immagine del futuro popolo dei battezzati.

Infine, nella pienezza dei tempi, il tuo Figlio, battezzato da Giovanni nell’acqua del Giordano, fu consacrato dallo Spirito Santo; innalzato sulla croce, egli versò dal suo fianco sangue e acqua, e dopo la sua risurrezione comandò ai discepoli: “Andate, annunziate il Vangelo a tutti i popoli, e battezzateli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

Ora, Padre, guarda con amore la tua Chiesa e fa’ scaturire per lei la sorgente del Battesimo.

Infondi in quest’acqua, per opera dello Spirito Santo, la grazia del tuo unico Figlio, perché con il sacramento del Battesimo l’uomo, fatto a tua immagine, sia lavato dalla macchia del peccato, e dall’acqua e dallo Spirito Santo rinasca come nuova creatura.

 

Il sacerdote immerge il cero pasquale nell’acqua:

Discenda, Padre, in quest’acqua,

per opera del tuo Figlio, la potenza dello Spirito Santo.

Tutti coloro che in essa riceveranno il Battesimo,

sepolti insieme con Cristo nella morte,

con lui risorgano alla vita immortale.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

L’assemblea fa questa acclamazione o canto:

Sorgenti delle acque, benedite il Signore:

lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

 

BENEDIZIONE DELL’ACQUA

SORGENTI DELLE ACQUE (G. Durighello)

In: http://www.gianmartinodurighello.it/sorgenti-delle-acque/

oppure

SORGENTE D’ACQUA (N. Vitone) - RN 161

 

I battezzandi fanno la rinunzia a satana e la professione di fede; poi vengono battezzati. Mentre viene dato il Battesimo si può eseguire un canto adatto.

I catecumeni adulti, dopo il Battesimo, vengono confermati dal Vescovo o dal sacerdote celebrante.

 

Quando non ci sono battesimi e l’acqua non viene destinata a questo scopo, il celebrante usa quest’altra formula:

Fratelli carissimi, preghiamo umilmente il Signore Dio nostro, perché benedica quest’acqua con la quale saremo aspersi in ricordo del nostro Battesimo. Il Signore ci rinnovi interiormente, perché siamo sempre fedeli allo Spirito che ci è stato dato in dono.

 

Dopo una breve pausa di silenzio, prosegue:

Signore Dio nostro, sii presente in mezzo al tuo popolo, che veglia in preghiera in questa santissima notte, rievocando l’opera ammirabile della nostra creazione e l’opera ancor più ammirabile della nostra salvezza.

Degnati di benedire quest’acqua, che hai creato perché dia fertilità alla terra, freschezza a sollievo ai nostri corpi.

Di questo dono della creazione hai fatto un segno della tua bontà: attraverso l’acqua del Mar Rosso hai liberato il tuo popolo dalla schiavitù; nel deserto hai fatto scaturire una sorgente per saziare la sua sete; con l’immagine dell’acqua viva i profeti hanno preannunziato la nuova alleanza che tu intendevi offrire agli uomini; infine nell’acqua del Giordano, santificata dal Cristo, hai inaugurato il sacramento della rinascita, che segna l’inizio dell’umanità nuova libera dalla corruzione del peccato.

Ravviva in noi, Signore, nel segno di quest’acqua benedetta, il ricordo del nostro Battesimo, perché possiamo unirci all’assemblea gioiosa di tutti i fratelli, battezzati nella Pasqua di Cristo nostro Signore. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

 

RINNOVAZIONE DELLE PROMESSE BATTESIMALI

Rinnoviamo gli impegni del nostro Battesimo, stando in piedi e tenendo in mano la candela accesa in segno di piena adesione alla nostra professione di fede.

 

Fratelli carissimi, per mezzo del Battesimo siamo divenuti partecipi del mistero pasquale del Cristo, siamo stati sepolti insieme con lui nella morte, per risorgere con lui a vita nuova.

Ora, al termine del cammino penitenziale della Quaresima, rinnoviamo le promesse del nostro Battesimo, con le quali un giorno abbiamo rinunziato a satana e alle sue opere e ci siamo impegnati a servire fedelmente Dio nella santa Chiesa cattolica.

 

S Rinunziate a satana?

A Rinunzio.

S E a tutte le sue opere?

A Rinunzio.

S E a tutte le sue seduzioni?

A Rinunzio.

 

Oppure:

S Rinunziate al peccato,

per vivere nella libertà dei figli di Dio?

A Rinunzio.

S Rinunziate alle seduzioni del male,

per non lasciarvi dominare dal peccato?

A Rinunzio.

S Rinunziate a satana, origine e causa di ogni peccato?

A Rinunzio.

 

S Credete in Dio Padre onnipotente,

creatore del cielo e della terra?

A Credo.

S Credete in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, che

nacque da Maria Vergine, morì e fu sepolto, è risuscitato dai

morti e siede alla destra del Padre?

A Credo.

S Credete nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione

dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della

carne e la vita eterna?

A Credo.

S Dio onnipotente, Padre del nostro Signore Gesù Cristo, che ci

ha liberati dal peccato e ci ha fatto rinascere dall’acqua e dallo

Spirito Santo, ci custodisca con la sua grazia in Cristo Gesù nostro

Signore, per la vita eterna.

A Amen.

 

Mentre il sacerdote asperge l’assemblea con la nuova acqua benedetta, si può eseguire:

 

ASPERSIONE

ECCO L’ACQUA (A. Parisi) – RD pag. 219

oppure

ECCO L’ACQUA (G. Becchimanzi) – RD pag. 220

oppure

VIDI L’ACQUA (M. Frisina)

oppure

CANTO DELL’ACQUA (T. Henderson) 

 

IV - LITURGIA EUCARISTICA

 

PRESENTAZIONE DEI DONI

GLORIA A TE NEI SECOLI (G. Liberto)

oppure

LE TUE MANI (M. Giombini) – CDP 553

oppure

COME UN FIUME (T. Henderson)

oppure

COME IL PICCOLO SEME (L. Impagliatelli)

oppure

IO TI ESALTERO’ (Buttazzo) 

 

ORAZIONE SULLE OFFERTE

Accogli, Signore,

le preghiere e le offerte del tuo popolo,

perché questo santo mistero,

gioioso inizio della celebrazione pasquale,

ci ottenga la forza per giungere alla vita eterna.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

PREFAZIO

Cristo Agnello Pasquale

 

Il Signore sia con voi.

E con il tuo spirito.

In alto i nostri cuori.

Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.

È cosa buona e giusta.

È veramente cosa buona e giusta,

nostro dovere e fonte di salvezza,

proclamare sempre la tua gloria, o Signore,

e soprattutto esaltarti in questa notte

nella quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.

È lui il vero Agnello che ha tolto i peccati del mondo,

è lui che morendo ha distrutto la morte

e risorgendo ha ridato a noi la vita.

Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale,

l’umanità esulta su tutta la terra,

e con l’assemblea degli angeli e dei santi

canta l’inno della tua gloria:

 

SANTO

SANTO  (G. M.- Rossi) – CDP 317

oppure

SANTO  (Bonfitto) – CDP 319

oppure

SANTO  (Zappalà – Mancuso) in Psallite: http://www.psallite.net/download.php?view.386

oppure

SANCTUS (Missa VIII “de Angelis”) – RN 21

oppure

SANCTUS (J. P. Lecot)

oppure

SANTO (T. Henderson)

oppure

SANCTUS (Becchimanzi)

  

ANAMNESI

CRISTO VIVE – CDP 332

  

DOSSOLOGIA

AMEN (A. Fant) – CDP 340

AMEN (Cerino) – RN 31

AMEN (G. M. Rossi) – RN 32

  

EMBOLISMO

TUO E’ IL REGNO (Kunc) – RN 35

  

FRAZIONE DEL PANE

AGNELLO DI DIO (Malvarosa - Mobilio)

oppure

AGNELLO DI DIO (D. Stefani) – RN 38

oppure

AGNELLO DI DIO (T. Henderson)

oppure

AGNELLO DI DIO (L. Impagliatelli) – Messa di “San Pio”

 

ANTIFONA ALLA COMUNIONE

Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato:

celebriamo dunque la festa

con purezza e verità. Alleluia. (1 Cor 5,7-8)

 

Oppure:

Gesù, il crocifisso, è risorto, come aveva detto.

Alleluia. (Mt 28,5.6; cf Mc 16,6; Lc 24,6)

 

COMUNIONE

SEI TU SIGNORE IL PANE (G. Kirbye)  – RN 378

oppure

MISTERO DELLA CENA (R. L. De Pearsall) – RN 364

oppure

TU SEI LA MENTE (M. Vulpius, 1615) – RN 191

Oppure

CRISTO HA VINTO LA MORTE (F. Meneghello)

oppure

CHI CI SEPARERA’? (M. Frisina)

oppure

LA MIA PASQUA E’ IL SIGNORE (A. M. Galliano – R. Farruggio)

oppure

ALLA CENA PASQUALE (F. Palma)

oppure

FIOR DI FRUMENTO (A. Parisi) 

 

DOPO LA COMUNIONE

Infondi in noi, o Padre, lo Spirito della tua carità,

perché nutriti con i sacramenti pasquali

viviamo concordi nel vincolo del tuo amore.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Nel congedare l’assemblea, il diacono o lo stesso sacerdote dice:

La Messa è finita: andate in pace, alleluia, alleluia.

Oppure:

Andate e portate a tutti la gioia del Signore risorto. Alleluia, alleluia.

Rendiamo grazie a Dio. Alleluia, alleluia.

 

CONGEDO

REGINA COELI (Gregoriano) – RN 218

oppure

REGINA DEI CIELI (G. Durighello)

in: http://www.gianmartinodurighello.it/regina-dei-cieli-2/

oppure

CHRISTUS RESURREXIT (Taizè)

oppure

SURREXIT CHRISTUS (Taizé)

oppure

SURREXIT DOMINUS VERE (Taizé)

in: http://www.taize.fr/spip.php?page=chant&song=498&lang=it

oppure

CRISTO MIA SPERANZA E’ RISORTO (V. Giudici) in Aa. Vv. PASQUA, paoline 1997

 

PER COMPRENDERE LA PAROLA

Per questa liturgia sono obbligatorie almeno quattro letture: il passaggio del mar Rosso e un’altra lettura dell’Antico Testamento scelta fra le altre sei; la lettera di s. Paolo ai Romani; il Vangelo.

Presentiamo un’analisi di ognuna delle letture dell’Antico Testamento, in funzione del mistero pasquale.

 

Prima lettura: Genesi 1,1–2,2

Armonie fra la creazione e la salvezza: il Dio che salva è quello stesso che ha creato.

La creazione è già una vittoria sul caos informe e vuoto, come la salvezza è una vittoria sulla morte.

La creazione conferisce all’acqua un ruolo iniziale: come la salvezza per mezzo dell’acqua del battesimo. La creazione è opera della Parola onnipotente di Dio: come la salvezza è opera del Verbo di Dio incarnato e si attua nel tempo per mezzo dell’annuncio della Parola.

La creazione è ritmata dal riconoscimento della bontà dell’opera di Dio; le tappe della salvezza sono ancor più ammirevoli.

Anche la creazione materiale è opera di Dio; l’intera creazione aspetta la salvezza.

La creazione è totalmente orientata alla vita dell’uomo: come l’opera della salvezza ci fa vivere la vita di Dio. Essa dà all’uomo una missione di fecondità e di collaborazione con la creazione: come la salvezza esige la nostra collaborazione.

La creazione termina il settimo giorno con l’entrata di Dio nel riposo; la salvezza termina il settimo giorno con la risurrezione di Cristo, con la sua entrata nel riposo di Dio e terminerà per noi con l’entrata definitiva nel riposo di Dio, già indicato dalla nostra domenica.

 

Seconda lettura: Genesi 22,1-18

Armonie fra il sacrificio di Abramo e il sacrificio di Gesù.

Isacco è il figlio unico, amatissimo; Gesù è il Figlio, unico, amatissimo.

Isacco sale sul monte portando la legna per il sacrificio; Gesù sale sul Calvario portando il legno della sua croce. “Il nostro uomo vecchio è stato crocifisso con lui” (Rm 6,6).

Abramo non ha rifiutato a Dio suo figlio; Dio non ha esitato a consegnare suo Figlio.

Il sacrificio di Abramo è un sacrificio spirituale; il sacrificio di Gesù è anzitutto un sacrificio spirituale di obbedienza e di amore, ma che si attua anche in modo cruento.

Isacco non muore, Dio vuole che viva; Gesù sorge vivo dalla morte. “Se infatti siamo stati completamente uniti a lui con una morte simile alla sua, lo saremo anche con la sua risurrezione” (Rm 6,5).

Il sacrificio procura ad Abramo benedizione, discendenza, potere, prestigio universale; all’Agnello immolato: benedizione, potere, onore... Egli è il primogenito di una moltitudine.

 

Terza lettura: Esodo 14,15–15,1

Armonie fra il passaggio del mar Rosso e la salvezza nelle acque del battesimo.

I figli di Israele erano atterriti; il battesimo è ricevuto soltanto da colui che riconosce la propria debolezza e il pericolo di morte in cui si trova. “Non abbiate paura” (Vangelo).

Mosè, strumento di Dio, alza il bastone affinché l’acqua sia la salvezza di Israele; Gesù, nuovo Mosè, innalza la sua croce sul mondo, affinché l’acqua del battesimo salvi i credenti.

Dio trionfa sul faraone, sul suo esercito di carri e di guerrieri; Gesù nella debolezza della sua morte trionfa su tutte le potenze che mantengono l’uomo schiavo del peccato (cf “Perché non fossimo più schiavi del peccato”, Rm 6,6).

La colonna di nube è insieme tenebra e luce; così Gesù è luce per coloro che lo accolgono e credono in lui, tenebra per coloro che rifiutano di accoglierlo.

Le acque sommergono il faraone e il suo esercito; l’acqua del battesimo sommerge nella morte “il nostro uomo vecchio, perché fosse distrutto il corpo del peccato” (cf Rm 6,6).

 

Quarta lettura: Isaia 54,5-14

Armonia fra Gerusalemme, sposa di Jahvè, e la Chiesa, sposa di Cristo in forza della nuova Alleanza.

Gerusalemme è amata come una sposa dal suo creatore, il Dio santo, Dio di tutta la terra; e il popolo dei battezzati canta senza fine: “Santo, santo, santo il Signore, Dio dell’universo” (prefazio pasquale).

“Ti riprenderò con immenso amore”; Dio avvolge i catecumeni con tutta la sua tenerezza (liturgia del battesimo). La Chiesa già riunita dalla fede in Gesù, ma sempre dispersa e divisa dal peccato, aspetta la riunione finale.

“La mia alleanza di pace non vacillerà”; la Chiesa celebra l’alleanza nuova ed eterna, sigillata nel sangue di Cristo.

Gerusalemme è una città preziosa, adornata di ogni tipo di pietre; i credenti sono pietre vive che partecipano alla costruzione della Chiesa.

“Tutti i tuoi figli saranno discepoli del Signore”; è la fede della Chiesa alla quale i catecumeni sono stati iniziati, di cui i battezzati rinnovano la professione.

“Sarai fondata sulla giustizia. Lontana dall’oppressione, dallo spavento...”; il popolo di Dio che ha rinunciato a Satana, al peccato, a tutto ciò che porta al peccato, vive nell’attesa della piena liberazione dal peccato e dalla morte.

 

Quinta lettura: Isaia 55,1-11

Le promesse della Sapienza e il loro compimento nella Chiesa.

“Venite all’acqua”: l’acqua del battesimo disseta e fa vivere, come la sorgente sgorgata nel deserto (benedizione dell’acqua 2).

“Mangerete cose buone e gusterete cibi succulenti”: il battezzato mangia il Corpo di Cristo.

“Porgete l’orecchio e venite a me”: il catecumeno, il credente, sono attenti alla Parola di Dio, ai suoi richiami.

L’alleanza perpetua conferma la benevolenza di Dio verso Davide; la Chiesa, popolo dell’alleanza nuova ed eterna sigillata nel sangue di Cristo, può dire: “Qui c’è qualcuno più grande di Davide”.

“Accorreranno a te popoli che non ti conoscevano”: “Andate, annunziate il Vangelo a tutti i popoli e battezzateli” (citato nella benedizione dell’acqua).

“L’empio abbandoni la sua vita”: “Rinunzio a Satana, al peccato...”.

“Il nostro Dio largamente perdona”: la morte di Gesù segno della misericordia del Padre. Col sacrificio della Messa, la Chiesa è riconciliata con Dio (preghiera eucaristica II).

La Parola di Dio è feconda: la Parola annunciata nella Chiesa genera nuovi figli di Dio per mezzo della fede.

 

Sesta lettura: Baruc 3,9-15.32–4,4

Israele pieno della conoscenza di Dio. I battezzati conoscono il cammino della vita.

“Israele in esilio fu annoverato fra coloro che scendono negli inferi”: “L’uomo, fatto ad immagine di Dio, sperimentò le macchie del peccato che deformano tale immagine” (cf benedizione dell’acqua).

“Impara dov’è l’intelligenza”: Luce di Cristo! Nella notte dell’ignoranza i battezzati camminano dietro a Cristo, Luce del mondo, e imparano il cammino che li farà giungere alla festa dello splendore eterno (cf benedizione del fuoco).

“Il nostro Dio ha scrutato tutta la via della sapienza e ne ha fatto dono a Giacobbe suo servo, a Israele suo diletto”: nuovo Israele, Gesù risorto ha ricevuto da Dio tutti i segreti e li comunica a noi. “Risuscitato dai morti, fa risplendere sugli uomini la sua luce serena” (Exultet). “La Sapienza ha vissuto fra gli uomini... Quanti si attengono ad essa avranno la vita, quanti l’abbandonano moriranno”: “Anche voi consideratevi morti al peccato, ma viventi per Dio, in Cristo Gesù” (Rm 6,11).

“Non dare ad altri la tua gloria... Ritorna!”. Dio conservi nella sua famiglia lo spirito filiale, affinché viviamo totalmente al suo servizio, corpo e anima (cf professione di fede).

 

Settima lettura: Ezechiele 36,16-17a.18-28

Dio purifica il suo popolo peccatore. Il battesimo fa dei credenti un popolo nuovo.

La casa di Israele rese impuro il suo paese con la sua condotta... “Ho riversato su di loro la mia ira per il sangue sparso, per gli idoli...”; “Il santo mistero di questa notte sconfigge il male, lava le colpe, restituisce l’innocenza ai peccatori, la gioia agli afflitti” (Exultet).

“Santificherò il mio nome grande”: nella Pasqua di suo Figlio, Dio rivela la sua santità. “O immensità del tuo amore per noi! O inestimabile segno di bontà: per riscattare lo schiavo, hai sacrificato il tuo Figlio!” (Exultet).

“Le genti sapranno che io sono il Signore quando mostrerò la mia santità in voi davanti ai loro occhi”: l’invocazione di tutti i santi durante la liturgia battesimale testimonia la realizzazione di questa promessa di Dio nella Chiesa (litanie).

“Vi condurrò sul vostro suolo”: il battesimo ci prepara a entrare nella vera terra promessa, il cielo, dove Gesù è entrato e ci aspetta.

“Vi aspergerò con acqua pura”: dal costato aperto Gesù lasciò scorrere sangue ed acqua. Lo Spirito Santo ci comunichi, mediante l’acqua del battesimo, la grazia di Cristo, l’uomo vi sia lavato (benedizione dell’acqua).

“Vi darò un cuore nuovo”: i catecumeni si accostano alla fonte dove nasceranno a vita nuova (liturgia del battesimo). “Per mezzo del battesimo, siamo stati sepolti insieme a lui nella morte, perché... anche noi possiamo camminare in una vita nuova” (Rm e rinnovazione della professione di fede).

 

Epistola: Romani 6,3-11

Il battesimo ci unisce alla Pasqua di Cristo.

Alla sua morte, l’uomo, che è in noi, è stato inchiodato alla croce. Noi siamo stati messi nella tomba con lui: “Una morte simile alla sua”.

Alla sua morte al peccato: “Egli morì al peccato una volta per tutte”. “Anche voi consideratevi morti al peccato”. Questa morte al peccato è una liberazione. Colui che è morto è sciolto dal peccato. Il nostro essere di peccato è ridotto all’impotenza affinché non siamo più schiavi del peccato.

Alla sua risurrezione: “Una risurrezione simile alla sua”. Per Cristo la risurrezione è un fatto acquisito. “La morte non ha più potere su di lui... Egli vive per Dio”. La nostra risurrezione è già presente: “Consideratevi viventi per Dio, in Cristo Gesù”, ma deve ancora compiersi: la nostra risurrezione assomiglierà alla sua. Noi crediamo che vivremo ugualmente per lui.

 

Vangelo: Luca 24,1-12

Il mattino di Pasqua, i discepoli di Gesù si trovano di fronte al mistero della sua risurrezione. Sono chiamati a credere alla vita nuova del Risorto. La loro fede viene stimolata.

Il fatto della Risurrezione non ha avuto di per sé alcun testimone.

Le prime ad essere avvertite dell’avvenimento sono state le sante donne: il mattino del primo giorno della settimana si erano recate alla tomba per imbalsamare il corpo di Gesù con degli aromi. Lo cercavano quindi fra i morti, avendo dimenticato l’annuncio, fatto da Gesù, della sua risurrezione.

Il messaggio degli angeli rivolto loro è:

– una domanda, sconcertante, ma fondamentale,

– l’affermazione di Gesù vivo: “È risuscitato”,

– un richiamo alla loro memoria: “Ricordatevi”,

– una sintesi del mistero pasquale, attribuito a Gesù.

Questo messaggio non comporta, come in Marco o Matteo, un invio in missione e una promessa di incontro. Tuttavia le donne vanno subito a riferire ai Dodici ciò che hanno visto e sentito.

La prima reazione degli apostoli non è certo quella della fede: “Quelle parole parvero loro come un vaneggiamento e non credettero ad esse”. Pietro tuttavia si reca a vedere e rimane pieno di stupore di fronte alla tomba vuota.

 

ASPERSIONE

ECCO L’ACQUA (A. Parisi) – RD pag. 219

oppure

ECCO L’ACQUA (G. Becchimanzi) – RD pag. 220

oppure

VIDI L’ACQUA (M. Frisina)

oppure

CANTO DELL’ACQUA (T. Henderson)

xxix-domenica-t-o-aIngresso  ECCO IL MIO SERVO (Frisina) oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure RISPLENDA LA VOSTRA LUCE (C. Burgio) oppure TESTIMONI DELL’AMORE (Buttazzo – Galliano)   Atto...
xxviii-domenica-t-o-aIngresso  LA BUONA NOVELLA ( P. Décha) - RN 286 oppure VENITE A ME (Graduale simplex) – RN 384 oppure VENITE AL BANCHETTO NUZIALE (D. Ricci)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN 4 oppure KYRIE...
xxvii-domenica-t-o-aIngresso  POPOLO REGALE (L. Deiss) oppure PIETRE VIVE (Buttazzo) oppure CRISTO GESU’ SALVATORE (Trad. occitana) – RN 273 oppure TU SEI LA PIETRA (P. Ruaro)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN...
xxvi-domenica-t-o-aIngresso  FAMMI CONOSCERE (P. Ruaro) – RD pag. 212 oppure SHEMA’ ISRAEL (S. Puri) - RN pag. 111 oppure VIENI E SEGUIMI (V. Ciprì – A. Mancuso) – RD pag. 233   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN...
xxv-domenica-t-o-aIngresso  IL PIU’ GRANDE (P. Cori) oppure PASSA QUESTO MONDO (D. Machetta) – RN 300 oppure VIENI AL SIGNOR (RnS) oppure QUESTO E’ IL MIO COMANDAMENTO (M. Frisina)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON –...
xxiv-domenica-t-o-aIngresso  QUESTO E’ IL MIO COMANDAMENTO (Frisina) – RN 377 oppure MISERICORDES SICUT PATER (Inwood) – inno del Giubileo della misericordia oppure PASSA QUESTO MONDO (D. Machetta) – RN 300   Atto...
xxiii-domenica-t-o-aIngresso  SHEMA’ ISRAEL (S. Puri) - RN pag. 111 oppure FAMMI CONOSCERE (P. Ruaro) – RD pag. 211 oppure OGNI MIA PAROLA (T. Henderson) – RD pag. 214 oppure CIELO NUOVO (G. Liberto) – RN 47   Atto...
xxii-domenica-t-o-aIngresso  CHI MI SEGUIRA’ (A. Parisi) - RN 79 oppure BEATITUDINI (M. Frisina) oppure BEATITUDINI (F. Rainoldi) - RN 227 oppure SE VUOI SEGUIRE CRISTO (D. Machetta) – CdP 717   Atto penitenziale ...
xxi-domenica-t-o-aIngresso  SIGNORE DA CHI ANDREMO? (L. Impagliatelli) oppure O SIGNOR GESU’ (Taizè) oppure TU SOLO GESU’ (Inwood)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN 4 oppure KYRIE ELEISON (J....
xx-domenica-t-o-aIngresso  LA BUONA NOVELLA ( P. Décha) - RN 286 oppure POPOLI TUTTI (RNS) oppure POPOLI TUTTI BATTETE LE MANI (J. Gelineau) – RN 104 oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure POPOLO...
xvii-domenica-to-a-2020Ingresso  CHIESA DI DIO (E. Costa – Chr. Villeneuve) – RN 267 oppure RISPLENDI GERUSALEMME (Conte – Ferrante) oppure BEATO CHI CAMMINA (D. Machetta) – RN 259   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN...
xvi-domenica-t-o-aIngresso  VIENI AL SIGNOR (RnS) oppure IL GRANDE HALLEL (Frisina) oppure TU SEI SIGNORE (Fallorni)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN 4 oppure KYRIE ELEISON (J. Berthier)   Gloria GLORIA...
xv-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Questa domenica (una volta tanto!) si può dire che troviamo nel Lezionario non solo le letture... ma anche l’omelia; e fatta da Gesù stesso, o perlomeno dall’evangelista Matteo. Mi riferisco al...
xiv-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Al centro della liturgia di questa domenica stanno le parole di Gesù: «Ti benedico, o Pa­dre, Signore del cielo e della terra... Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi...»...
xiii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Nelle domeniche «normali», senza tematiche particolari predefinite come nelle «fe­ste», le letture bibliche costituiscono sempre in certo modo una sorpresa. Ed è bene che sia così: che non siamo noi...
xii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Si consiglia la colletta alternativa anno A (Messale, p. 991). Nel Tempo Ordinario non è il caso di sot­tolineare troppo l’atto penitenziale. Un discorso analogo lo si può fare anche per il Gloria:...
corpus-domini-aPER LA CELEBRAZIONE La festa del «Corpus Domini», come quella della Trinità, è un’eredità medievale: fu «inventata» nel sec. XIII e rimase caratterizzata soprattutto dalla processione del SS. Sacramento, che ha...
santissima-trinita-aPER LA CELEBRAZIONE Nella tradizione liturgica della Chiesa antica non esiste una «festa della SS. Trinità». Il mistero di Dio Padre e Figlio e Spirito Santo, infatti, nel Nuovo Testamento si rivela attraverso gli...
pentecoste-aPER LA CELEBRAZIONE Per la festa di Pentecoste gli attuali libri liturgici prevedono una speciale «Messa vespertina nella vigilia», con preghiere e letture proprie (cf Messale, pp. 239-240; Lezionario domenicale e...
v-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE • La 5a domenica di Quaresima dell’anno A è un annuncio e un anticipo della Pasqua. Il tema fondamentale della liturgia odierna si riassume, infatti, in una sola parola: risurrezione. a) Nella 1a...
iv-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE Il tema di fondo della liturgia di questa domenica è costituito dalle parole di Gesù: «Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre...» (Gv 8, 12). Questo tema, però, nel...
iii-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE - La liturgia di questa domenica è tutta incentrata sulla grande pagina di Giovanni 4: l’incontro di Gesù con la Samaritana. Problema: testo completo o forma breve? Di per sé sarebbe preferibile...
ii-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE L’immagine-simbolo di questa domenica è offerta dal Vangelo con il racconto della trasfigurazione: una pagina estremamente ricca di significato, al cui centro sta la parola di Dio stesso che...
i-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE Nel nome della Quaresima ogni anno si dicono, si propongono, si fanno tante cose... Va tutto bene; purché non si dimentichi che la Quaresima (con tutte le iniziative ad essa connesse) ha senso...
mercoled-delle-ceneri-2020PER LA CELEBRAZIONE Nel nome della Quaresima ogni anno si dicono, si propongono, si fanno tante cose... Va tutto bene; purché non si dimentichi che la Quaresima (con tutte le iniziative ad essa connesse) ha senso...
vii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO Per questa domenica segnaliamo la colletta alternativa per l’anno A: Messale, p. 986. Per la Liturgia eucaristica, se si ritiene opportuno, oggi si potrebbe utilizzare convenien­temente...
vi-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Come è già stato ricordato, nel Tempo Ordinario non è il caso di sottolineare troppo l’atto penitenziale; basta una sola frase seguita dalle tre invocazioni. Un discorso analogo lo si può fare anche...
v-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO Nella scelta dei testi per questa domenica segnaliamo la colletta alternativa per l’anno A: Messale, p. 984. Per il prefazio suggeriamo il I tra quelli della domenica. Se lo si desi­dera,...
presentazione-del-signorePER LA CELEBRAZIONE • Quella della Presentazione del Signore è una festa piena di luce e dolcezza che viene quasi a farci percepire l’eco lontana delle feste natalizie trascorse da poco più di un mese. Per antica...
iii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno A: Messale, p. 982. Come prefazio si possono suggerire l’VIII o il IX tra quelli delle domeniche. Se lo si desi­dera, si può...
ii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE • Nel Tempo Ordinario non è il caso di sottolineare troppo l’atto penitenziale; basta una sola frase seguita dalle tre invocazioni (eventualmente cantate; cf CdP 215-219). Un di­scorso analogo lo si...
battesimo-del-signore-aPER LA CELEBRAZIONE Nel calendario della Chiesa questa domenica, con la memoria del battesimo di Gesù, fa da collegamento tra le feste natalizie e il «Tempo Ordinario», scandito dal normale ritmo delle assemblee...
epifania-del-signore-2019PER LA CELEBRAZIONE In Italia tutti sanno che l’Epifania è «la festa della Befana»... E con questo risulta completamente compromesso e cancellato dall’orizzonte culturale della nostra allegra società il significato...
ii-domenica-dopo-natalePER LA CELEBRAZIONE • Nella scelta delle parti eucologiche ricordiamo la colletta alternativa a p. 967 del Messale. Si ponga attenzione al modo di proclamare le letture odierne (in particolare la 2a e il Vangelo): sono...
maria-ss-ma-madre-di-dioPER LA CELEBRAZIONE Secondo il calendario liturgico, il 1 gennaio è la festa di «Maria SS. Madre di Dio». Inoltre dal 1967, per iniziativa di Paolo VI, il 1 gennaio viene celebrato a livello internazionale come...
santa-famiglia-aPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta e preparazione dei testi di preghiera si tenga presente la colletta alternativa (Messale, p. 966) e il formulario per la preghiera dei fedeli proposto a p. 17 dell’Orazionale CEI (anche...
natale-del-signore-2019PER LA CELEBRAZIONE   Dal punto di vista pastorale, la celebrazione più importante che caratterizza la festa di Natale è la Messa di mezzanotte. Ma sappiamo che non è sempre facile dare a questa celebrazione il...
iv-domenica-avvento-aPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica segnaliamo la colletta alternativa dell’anno A (Messale, p. 965). Si abbia cura di creare nell’assemblea un ambiente di effettivo raccoglimento, anche con un adeguato spazio di...
iii-domenica-avvento-aPER LA CELEBRAZIONE Come suggerimenti per la celebrazione, tenendo conto che questa è la domenica «Gaudete», che sottolinea l’attesa gioiosa, segnaliamo la colletta alternativa dell’anno A (cf Messale, p. 964). Per la...
immacolata-concezione-2019PER LA CELEBRAZIONE Per la festa dell’Immacolata invitiamo a preparare con cura tutta la celebrazione, a cominciare dall’ambiente stesso in cui si svolge (disposizione, arredi, luci, fiori...). Si ponga particolare...
i-domenica-avvento-aPER LA CELEBRAZIONE Per quanto riguarda la scelta dei testi di preghiera per questa 1a domenica di Avvento, ricordiamo la colletta alternativa per l’anno A (cf Messale, p. 962). Il prefazio è quello di Avvento I e I/A...
xxxiv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE La liturgia di quest’ultima domenica dell’anno liturgico con il titolo di “Cristo re” propone di fatto una sintesi della fede cristiana, fondata sulla persona di Gesù e sulla sua assoluta centralità...
xxxiii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta dei testi di preghiera per questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno C (Messale, p. 1012) e suggeriamo il prefazio IX della domenica (Messale, p. 343). Si può...
xxxii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Il Vangelo che si legge questa domenica ha un tema ben preciso: la fede nella risurrezione dei morti, che Gesù professa e insegna in modo esplicito. Si consiglia di usare come saluto liturgico...
xxxi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Nella preparazione della Messa di questa domenica segnaliamo anzitutto all’attenzione la 1ª lettura: è una bellissima preghiera-meditazione, da leggere con una certa delicatezza, adagio e con...
xxx-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Oggi è bene cantare il Gloria (vedi CdP nn. 220-229, ed eventualmente il n. 650). Per la colletta si potrà attingere dal formulario per l’evangelizzazione dei popoli (in particolare la prima...
xxix-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per quanto riguarda la scelta dei testi di questa domenica segnaliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 1009). Per la preghiera eucaristica consigliamo il prefazio VII o VIII della...
xxviii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE “Lodare Dio”, “rendere gloria a Dio”: sono due espressioni del Vangelo di oggi che richiamano una dimensione essenziale della fede. La Messa della domenica ne è il momento più rappresentativo:...
xxvii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Il Vangelo di questa domenica è come una provocazione rivolta a tutti quelli che andranno a Messa (compresi i preti che presiedono le celebrazioni!): “Se aveste fede quanto un granellino di...
xxvi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE La liturgia di questa domenica non presenta particolarità di rilievo. Come dire: l’importante è la “normalità” delle cose: la fraternità del trovarsi insieme, l’autenticità della preghiera, la...
xxv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo la colletta alternativa anno C (cf Messale, p. 1004). Per la preghiera eucaristica consigliamo il prefazio I della domenica oppure la preghiera eucaristica...
xxiv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Il tema centrale di questa domenica è quello del capitolo 15 del Vangelo di san Luca: le tre parabole della misericordia. Anche la colletta classica di questa domenica è in linea con il Vangelo...
xxiii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per quanto riguarda la scelta dei testi di questa domenica segnaliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 1002). Come prefazio suggeriamo il II o il IV della domenica. Sarebbe quanto...
xxii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo ancora la colletta alternativa anno C (cf Messale, p. 1001). Per la preghiera eucaristica consigliamo il prefazio III o VII della domenica. Si può...
xxi-domenica-t-o-cIngresso  APRITEMI LE PORTE DELLA GIUSTIZIA (L. Augustoni) – RN 314 oppure BEATITUDINI (F. Rainoldi) - RN 227 oppure TI SEGUIRO’ (Frisina) oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure PASSA...
xx-domenica-t-o-cIngresso  BEATITUDINI (F. Rainoldi) - RN 227 oppure TI SEGUIRO’ (Frisina)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON (Gregoriano 1) – RN 3 oppure KYRIE ELEISON (gregoriano 2) – RN 4 oppure KYRIE ELEISON (J....
xix-domenica-t-o-cIngresso  CELESTE GERUSALEMME (tradizionale bretone) – RN 316 oppure CANTICO DEI REDENTI (A Marani) oppure OH CHE GIOIA - (Valmaggi) – RD pag. 206 oppure CIELI E TERRA NUOVA (M. Piatti) – RN...
xviii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per la preparazione della celebrazione di questa domenica ci limitiamo a segnalare la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 997) e, per la liturgia eucaristica, il prefazio III della...
xvii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Ora siamo in pieno tempo di ferie. Ma questo non significa che possiamo esimerci dalla responsabilità di una accurata preparazione delle Messe domenicali, sia in città che nei luoghi di...
xvi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE In relazione con il tema dell’ospitalità, presente nella 1ª lettura e nel Vangelo di questa domenica, nel modo di cominciare la Messa si può di realizzare una vera accoglienza gli uni con gli altri,...
xv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta dei testi di preghiera per la Messa consigliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 994) e la preghiera eucaristica V/c oppure anche il prefazio “Comune VIII” (p. 375)...
xiv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE In questa domenica è senz’altro consigliabile la colletta alternativa per l’anno C (cf Messale, p. 993), che può costituire da sola un ottimo schema di fondo per l’omelia. Per la liturgia...
xiii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Le letture di questa domenica aprono diverse piste di riflessione: vocazione/seguire Cristo, tolleranza (cf 1ª lettura e Vangelo); libertà e carità, “camminare secondo lo Spirito” (cf 2ª lettura)....
ss-corpo-e-sangue-di-cristo-cPER LA CELEBRAZIONE Ricordiamoci di preparare coscienziosamente il Messale prima delle celebrazioni, scegliendo a ragion veduta i testi di preghiera. Il formulario base della Messa di oggi si trova a p. 287. Ma...
santissima-trinita-cINGRESSO TRINITA’ NOSTRA GIOIA (D. Machetta) oppure NOI CANTEREMO GLORIA A TE (Salterio Ginevrino, 1551) – RN 294 oppure TE LODIAMO TRINITA’ (Vienna, c. 1776) – CDP 733 oppure INNO ALLA TRINITA’ (M....
domenica-di-pentecoste-2019-cantiINGRESSO VENI CREATOR SPIRITUS (gregoriano) – RN 193 oppure INNO ALLO SPIRITO SANTO (G. Becchimanzi) – http://www.corogva.it/musica.htm oppure VIENI, SPIRITO DI CRISTO (G. Amadei) – CDP 570 oppure LO SPIRITO DEL...
ascensione-del-signore-cPER LA CELEBRAZIONE Dal punto di vista liturgico la festa dell’Ascensione – e lo stesso vale per la Pentecoste – va celebrata con la stessa “solennità” di Pasqua. A questo scopo è importante dedicare particolare...
vi-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE Nelle letture di questa domenica si incrociano molti temi di notevole importanza: dal rapporto cristianesimo-giudaismo (cf 1ª lettura), alla “nuova Gerusalemme” (cf 2ª lettura), alla relazione...
v-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE Le letture di questa domenica si prestano a parecchi e diversi sviluppi di riflessione, ma certo una delle parole più significative e impegnative è quella del Vangelo: “Amatevi gli uni gli...
iv-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica, oltre a ricordare il rito dell’aspersione (cf Messale, pp. 1031-1036), segnaliamo la colletta alternativa per l’anno C a p. 975 del Messale. Per la preghiera dei fedeli, cf...
iii-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE La festa di Pasqua continua: non lasciamo cadere, in queste domeniche, “l’alta tensione” della gioia e della lode a Dio! Un buon aiuto a tal fine può venire dal canto. È bene cantare il Gloria. Come...
ii-domenica-di-pasqua-c2ª DI PASQUA - Della divina Misericordia   PER LA CELEBRAZIONE • Rinnoviamo anzitutto l’invito a caratterizzare tutte le domeniche del tempo di Pasqua iniziando la Messa con il rito dell’aspersione, usando i...
pasqua-di-risurrezionePER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO • Sarebbe un’ottima cosa – in questa domenica e in tutte le domeniche seguenti del tempo di Pasqua – iniziare la Messa con il rito dell’aspersione con acqua benedetta, previsto nel...
sabato-santo-cPER LA CELEBRAZIONE • La Veglia pasquale non gode certo della stessa popolarità della Messa di mezzanotte di Natale... Ciò non toglie che questa liturgia (sul piano della fede, se non su quello della tradizione) sia...
venerdi-santo-c  PER LA CELEBRAZIONE   • Prima della celebrazione liturgica della Passione sarà bene togliere per tempo ogni elemento di addobbo o di richiamo esteriore dal luogo dove si conserva il Santissimo, in modo...
giovedi-santo-cPER LA CELEBRAZIONE Secondo l’indicazione del Messale (p. 131) “è opportuno che gli oli benedetti dal Vescovo nella Messa Crismale siano presentati e accolti dalla comunità parrocchiale”, in occasione della Messa della...
domenica-delle-palme-cPER LA CELEBRAZIONE La Domenica cosiddetta “delle Palme”, dal punto di vista liturgico e pastorale, va pensata soprattutto come “Domenica della Passione”: è questo il vero centro di attenzione a cui rapportare ogni...
v-domenica-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Il filo che lega tra di loro le tre letture della Messa di oggi è il tema della “novità”, del cambiamento, del rinnovamento. Cristo è la novità vera, assoluta e perenne, operata da Dio nella storia...
iv-domenica-quaresima-laetare-cIngresso  APRI LE TUE BRACCIA (D. Machetta) oppure PADRE PERDONA (Stefani – gregoriano) – CdP 499 oppure MISERICORDES SICUT PATER (Inwood) oppure CRISTO GESU’ SALVATORE (Trad. occitana) – RN...
iii-domenica-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno C a p. 970 del Messale. Si consiglia il prefazio di Quaresima V che sottolinea il tema dell’esodo. Nella stessa linea...
ii-domenica-di-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno C a p. 969 del Messale. Alla fine si può utilizzare l’orazione sul popolo n. 7 (p. 447).   Ingresso  COME...
i-domenica-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Nel nome della Quaresima ogni anno si dicono, si propongono, si fanno tante cose... Va tutto bene; purché non si dimentichi che la Quaresima (con tutte le iniziative ad essa connesse) ha senso...
mercoledi-delle-ceneri-2019Ingresso  ATTENDE DOMINE (gregoriano) – RN 78 oppure DONO DI GRAZIA (S. Albisetti – M. Crüger) – RN 82 oppure PADRE PERDONA (Stefani – gregoriano) – CdP 499 oppure UN CUORE NUOVO (F. Buttazzo) – RD pag....
viii-domenica-t-o-cIngresso  E’ BELLO LODARTI (T. Henderson) oppure ALZERO’ I MIEI OCCHI (M. Frisina) – in Idem, Tu sarai profeta, Rugginenti Editore oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure RISPLENDA LA...
vii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica ricordiamo la colletta alternativa anno C (Messale, p. 986). Come preghiera eucaristica si potrebbe utilizzare la V/c. Segnaliamo anche il prefazio VII tra quelli della...
vi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Questa domenica ci troviamo a confronto con una delle pagine più “forti” del Vangelo. Non si abbia timore di leggerla con chiarezza e vigore. Segnaliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf...
v-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Le letture odierne richiamano alcuni grandi temi della fede che hanno un preciso riscontro nel rito della Messa: mi riferisco alla “santità” di Dio, di cui parla Isaia nella 1ª lettura, e al nucleo...
iv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Ricordiamo ancora che nel Tempo Ordinario non è il caso di sottolineare troppo l’atto penitenziale. Un discorso analogo lo si può fare anche per il Gloria: è sufficiente cantare un ritornello a...
iii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Anche questa domenica – prendendo spunto dalla 1a lettura e dal Vangelo – richiamiamo l’attenzione sulla Liturgia della Parola. Per raccomandare anzitutto di non inflazionarla con troppe parole...
ii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE In questa domenica la “mensa della parola di Dio” è particolarmente ricca e abbondante: tutte e tre le letture sono molto belle e dense di significato per la vita di fede, sia sul piano personale...
battesimo-del-signore-2019PER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO Nella prima edizione del Lezionario festivo varato dalla riforma liturgica del Vaticano II, per questa domenica la 1ª e la 2ª lettura erano state previste in modo invariabile (Is...
epifania-del-signore-2018PER LA CELEBRAZIONE In Italia tutti sanno che l’Epifania è “la festa della Befana”... E con questo risulta completamente compromesso e cancellato dall’orizzonte culturale della nostra allegra società il significato...
maria-ss-madre-di-dio-2018PER LA CELEBRAZIONE Secondo il calendario liturgico, il 1° gennaio è la festa di “Maria SS. Madre di Dio”. Inoltre, dal 1967, per iniziativa di Paolo VI, il 1° gennaio viene celebrato a livello internazionale come...
sacra-famigliaPER LA CELEBRAZIONE Nella prima edizione del Lezionario festivo varato dalla riforma liturgica del Vaticano II, per questa domenica dopo Natale la 1ª e la 2ª lettura erano state previste in modo invariabile (Sir 3 e...
natale-del-signore-2018PER LA CELEBRAZIONE Le indicazioni prendono in esame soprattutto la celebrazione “Messa della notte santa” più impegnativa e più frequentata; per le altre celebrazioni (Messa dell’aurora e del giorno) si farà...
iv-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE In generale, gli ultimi giorni prima di Natale sono sempre un po’... agitati (gli auguri, i regali, le vacanze, ecc.). Invece per vivere bene la liturgia di questa 4ª domenica di Avvento occorre un...
iii-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE Nella tradizione della liturgia romana la 3ª domenica di Avvento è sempre un invito alla gioia. Procuriamo che le Messe di questa giornata si svolgano in clima di vera fraternità e letizia, a...
ii-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE Non è facile individuare con chiarezza un preciso legame fra le letture di questa 2ª domenica di Avvento. Un motivo unitario può essere riscontrato nel primato della grazia: è Dio che prende...
immacolata-concezione-b-v-mariaPER LA CELEBRAZIONE ED IL CANTO Per la festa dell’Immacolata invitiamo a preparare con cura tutta la celebrazione, a cominciare dall’ambiente stesso in cui si svolge (disposizione, arredi, luci, fiori...). Si ponga...
i-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta dei testi di preghiera per la Messa consigliamo la colletta alternativa anno C (cf Messale, p. 962) e il prefazio di Avvento I/a (cf Messale, p. 313). Per mettere in evidenza l’attesa...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).