Martedi, 20  Ottobre  2020  16:19:18


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


V Domenica Quaresima /A

lazzaro risurrezionePER LA CELEBRAZIONE

• La 5a domenica di Quaresima dell’anno A è un annuncio e un anticipo della Pasqua. Il tema fondamentale della liturgia odierna si riassume, infatti, in una sola parola: risurrezione.

a) Nella 1a lettura «risurrezione» è un’immagine potente a cui fa ricorso il profeta Ezechiele per ridare speranza ai suoi compatrioti sfiduciati: l’esilio è come una «morte», ma lo spirito di Dio può fare l’impossibile: «Aprirò le vostre tombe e vi risusciterò...».

b) Nel Vangelo la «risurrezione» diventa un fatto di cronaca e un segno: Gesù richiama alla vita Lazzaro, morto da quattro giorni, e proclama: «Io sono la risurrezione e la vita...».

c) La 2a lettura richiama l’evento della risurrezione di Gesù, operato da Dio Padre mediante il suo Spirito: quello stesso Spirito di Dio che «ci fa passare dalla morte alla vita» nei sacramenti – cf prefazio del giorno (Messale, p. 106) e colletta alternativa (Messale, p. 972) – e che costituisce anche per noi principio e garanzia di risurrezione al di là della morte.

• Nella preghiera eucaristica (consigliabile la III) raccomandiamo di cantare non solo il Santo (CdP nn. 313-326, 352, 356, 365), ma anche l’acclamazione dopo la consacrazione, specialmente nella prima forma: Annunciamo la tua morte, Signore (CdP nn. 327-331). Se alla fine si vuole utilizzare l’orazione sul popolo, potrebbe essere utile la n. 1 (p. 446).

 

ANTIFONA D’INIZIO

Fammi giustizia, o Dio, e difendi la mia causa

contro gente senza pietà;

salvami dall’uomo ingiusto e malvagio,

perché tu sei il mio Dio e la mia difesa. (Sal 42,1-2)

 

COLLETTA

Vieni in nostro aiuto, Padre misericordioso,

perché possiamo vivere e agire sempre in quella carità,

che spinse il tuo Figlio a dare la vita per noi.

Egli è Dio, e vive e regna con te,

nell’unità dello Spirito Santo,

per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

Oppure:

Eterno Padre, la tua gloria è l’uomo vivente;

tu che hai manifestato la tua compassione

nel pianto di Gesù per l’amico Lazzaro,

guarda oggi l’afflizione della Chiesa

che piange e prega per i suoi figli

morti a causa del peccato,

e con la forza del tuo Spirito

richiamali alla vita nuova.

Per il nostro Signore Gesù Cristo,

tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te,

nell’unità dello Spirito Santo,

per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

PRIMA LETTURA

Metterò in voi il mio spirito e rivivrete.

Dal libro del profeta Ezechiele (Ez 37,12-14)

 

Così dice il Signore Dio: Ecco, io apro i vostri sepolcri, vi risuscito dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nel paese d’Israele.

Riconoscerete che io sono il Signore, quando aprirò le vostre tombe e vi risusciterò dai vostri sepolcri, o popolo mio.

Farò entrare in voi il mio spirito e rivivrete; vi farò riposare nel vostro paese; saprete che io sono il Signore. L’ho detto e lo farò.

Parola di Dio.

 

SALMO RESPONSORIALE (Salmo 129)

Rit. Il Signore è bontà e misericordia.

Dal profondo a te grido, o Signore;

Signore, ascolta la mia voce.

Siano i tuoi orecchi attenti

alla voce della mia preghiera.

 

Se consideri le colpe, Signore,

Signore, chi potrà sussistere?

Ma presso di te è il perdono:

perciò avremo il tuo timore.

 

Io spero nel Signore,

l’anima mia spera nella sua parola.

L’anima mia attende il Signore

più che le sentinelle l’aurora.

 

Israele attenda il Signore,

perché presso il Signore è la misericordia

e grande presso di lui la redenzione.

Egli redimerà Israele da tutte le sue colpe.

 

SECONDA LETTURA

Lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani (Rm 8,8-11)

 

Fratelli, quelli che vivono secondo la carne non possono piacere a Dio.

Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene. E se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto a causa del peccato, ma lo spirito è vita a causa della giustificazione. E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi.

Parola di Dio.

 

CANTO AL VANGELO (Cf Gv 11,25.26)

Lode e onore a te, Signore Gesù!

Io sono la risurrezione e la vita, dice il Signore,

chi crede in me non morrà in eterno.

Lode e onore a te, Signore Gesù!

 

VANGELO*

Io sono la risurrezione e la vita.

* Tra parentesi [ ] la forma breve.

Dal vangelo secondo Giovanni (Gv 11,1-45)

 

In quel tempo, era malato un certo Lazzaro di Betania, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella. Maria era quella che aveva cosparso di olio profumato il Signore e gli aveva asciugato i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato. [Le sorelle mandarono dunque a dirgli: “Signore, ecco, il tuo amico è malato”.

All’udire questo, Gesù disse: “Questa malattia non è per la morte, ma per la gloria di Dio, perché per essa il Figlio di Dio venga glorificato”. Gesù voleva molto bene a Maria, a sua sorella e a Lazzaro. Quand’ebbe dunque sentito che era malato, si trattenne due giorni nel luogo dove si trovava. Poi, disse ai discepoli: “Andiamo di nuovo in Giudea!”.] I discepoli gli dissero: “Rabbì, poco fa i Giudei cercavano di lapidarti e tu ci vai di nuovo?”. Gesù rispose: “Non sono forse dodici le ore del giorno? Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo; ma se invece uno cammina di notte, inciampa, perché gli manca la luce”. Così parlò e poi soggiunse loro: “Il nostro amico Lazzaro s’è addormentato; ma io vado a svegliarlo”. Gli dissero allora i discepoli: “Signore, se si è addormentato, guarirà”. Gesù parlava della morte di lui, essi invece pensarono che si riferisse al riposo del sonno. Allora Gesù disse loro apertamente: “Lazzaro è morto e io sono contento per voi di non essere stato là, perché voi crediate. Orsù, andiamo da lui!”. Allora Tommaso, chiamato Dìdimo, disse ai condiscepoli: “Andiamo anche noi a morire con lui!”.

[Venne dunque Gesù e trovò Lazzaro che era già da quattro giorni nel sepolcro.] Betania distava da Gerusalemme meno di due miglia e molti Giudei erano venuti da Marta e Maria per consolarle per il loro fratello. [Marta dunque, come seppe che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: “Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa chiederai a Dio, egli te la concederà”. Gesù le disse: “Tuo fratello risusciterà”. Gli rispose Marta: “So che risusciterà nell’ultimo giorno”. Gesù le disse: “Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo?”. Gli rispose: “Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo”.] Dopo queste parole se ne andò a chiamare di nascosto Maria, sua sorella, dicendo: “Il Maestro è qui e ti chiama”. Quella, udito ciò, si alzò in fretta e andò da lui. Gesù non era entrato nel villaggio, ma si trovava ancora là dove Marta gli era andata incontro. Allora i Giudei che erano in casa con lei a consolarla, quando videro Maria alzarsi in fretta e uscire, la seguirono pensando: “Va al sepolcro per piangere là”. Maria, dunque, quando giunse dov’era Gesù, vistolo, si gettò ai suoi piedi dicendo: “Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!”. Gesù allora quando la vide piangere e piangere anche i Giudei che erano venuti con lei, [si commosse profondamente, si turbò e disse: “Dove l’avete posto?”. Gli dissero: “Signore, vieni a vedere!”. Gesù scoppiò in pianto. Dissero allora i Giudei: “Vedi come lo amava!”. Ma alcuni di loro dissero: “Costui che ha aperto gli occhi al cieco non poteva anche far sì che questi non morisse?”.

Intanto Gesù, ancora profondamente commosso, si recò al sepolcro; era una grotta e contro vi era posta una pietra.

Disse Gesù: “Togliete la pietra!”. Gli rispose Marta, la sorella del morto: “Signore, già manda cattivo odore, poiché è di quattro giorni”. Le disse Gesù: “Non ti ho detto che, se credi, vedrai la gloria di Dio?”. Tolsero dunque la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: “Padre, ti ringrazio che mi hai ascoltato. Io sapevo che sempre mi dài ascolto, ma l’ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato”. E detto questo, gridò a gran voce: “Lazzaro, vieni fuori!”. Il morto uscì, con i piedi e le mani avvolti in bende, e il volto coperto da un sudario. Gesù disse loro: “Scioglietelo e lasciatelo andare”.

Molti dei Giudei che eran venuti da Maria, alla vista di quel che egli aveva compiuto, credettero in lui.]

Parola del Signore.

 

ORAZIONE SULLE OFFERTE

Esaudisci, Signore, le nostre preghiere:

tu che ci hai illuminati con gli insegnamenti della fede,

trasformaci con la potenza di questo sacrificio.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

PREFAZIO

Il Signore sia con voi.

E con il tuo spirito.

In alto i nostri cuori.

Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.

È cosa buona e giusta.

 

È veramente cosa buona e giusta,

nostro dovere e fonte di salvezza,

rendere grazie sempre e in ogni luogo

a te, Signore, Padre santo,

Dio onnipotente ed eterno,

per Cristo nostro Signore.

Vero uomo come noi, egli pianse l’amico Lazzaro;

Dio e Signore della vita, lo richiamò dal sepolcro;

oggi estende a tutta l’umanità la sua misericordia,

e con i suoi sacramenti ci fa passare dalla morte alla vita.

Per mezzo di lui

ti adorano le schiere degli angeli e dei santi

e contemplano la gloria del tuo volto.

Al loro canto concedi, Signore,

che si uniscano le nostre voci nell’inno di lode:

 

Santo, Santo, Santo il Signore...

 

ANTIFONA ALLA COMUNIONE

“Chiunque vive e crede in me,

non morirà in eterno”, dice il Signore. (Gv 11,26)

 

DOPO LA COMUNIONE

Dio onnipotente, concedi a noi tuoi fedeli

di essere sempre inseriti come membra vive nel Cristo,

poiché abbiamo comunicato al suo corpo e al suo sangue.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

PER COMPRENDERE LA PAROLA

Ci avviciniamo alla Pasqua, e saranno celebrati i battesimi. Tutti i cristiani rivivranno grazie al Corpo e al Sangue di Cristo; noi tutti partecipiamo alla risurrezione di Cristo. La liturgia della 5a domenica ci parla del nostro ritorno alla vita, della nostra risurrezione in Gesù Cristo.

 

PRIMA LETTURA

È la quinta tappa della storia della salvezza riferita quest’anno: alla fine dell’esilio, il profeta annuncia che Dio ricondurrà il popolo nella sua patria e lo farà rivivere.

Leggiamo la fine della celebre profezia delle ossa inaridite. Dopo la visione c’è l’applicazione a Israele: queste ossa che, mediante lo spirito di Dio, ridiventano una folla viva, «un esercito sterminato», sono i deportati. Non deve sembrarci eccessivo che i deportati siano paragonati ai morti e il loro ritorno in patria a una risurrezione: è una realtà nota anche al nostro secolo.

Non si tratta di risurrezione (nonostante l’«aprirò le vostre tombe»). L’Israele del VI secolo a.C. non avrebbe potuto capire un simile annuncio. È un simbolo. La nuova vita è quella vissuta insieme, in Israele, nella libertà, intorno al tempio; ma oggi, illuminati dal Nuovo Testamento, vi vediamo una profezia della risurrezione dei corpi (cf Mt 27,53; Ap 7).

Si tratta ancor meno di una risurrezione individuale. La risurrezione riguarda il popolo di Dio come tale, e ciò può dare un’ampiezza ecclesiale alla nostra speranza.

Dio farà entrare in loro il suo spirito, restituirà cioè al popolo la sua fede e la sua fedeltà (cf Ger 31,31 ed Ez 36,24-28). Soltanto con la conversione interiore Dio compie in noi la sua opera di vita.

Il profeta parla a persone al colmo dello smarrimento, senza alcuna luce all’orizzonte, eppure non teme di annunziare loro avvenimenti prodigiosi. Egli non si fonda su segni umani incoraggianti, ma annuncia che Dio stesso farà ciò che sembra impossibile.

 

SALMO

Corrisponde allo stato d’animo dell’Israelita deportato. Mai come durante l’esilio egli aveva sperimentato la disperazione, il peso delle colpe che Dio gli imputava; mai aveva sperato tanto nell’aurora del Signore, segno del suo perdono. Le esperienze gloriose e le sventure di Israele restano vive nella sua tradizione. Salendo a Gerusalemme, i pii Ebrei mediteranno questi avvenimenti cantando i «Salmi delle ascensioni», di cui fa parte il Salmo 129. Utilizzato per la liturgia dei defunti, esprime la fede nella risurrezione.

 

SECONDA LETTURA

È tratta dalla lettera ai Romani. L’affermazione preliminare (v. 8) sarà meglio compresa se si rilegge la descrizione del peccato universale di cui tutti gli uomini sono prigionieri, pagani e Giudei (cc. 1, 2, 3) e le spiegazioni di Paolo sullo stato dell’uomo senza Cristo: impotente a fare il bene, a causa del peccato che abita in lui (c. 7).

A coloro che hanno la fede, Cristo comunica il suo Spirito; dal versetto 1 al 27, Paolo descrive l’attività dello Spirito in noi.

Oggi sono importanti due affermazioni:

– il nostro corpo è destinato alla morte a causa del peccato,

– ma noi risorgeremo per mezzo dello Spirito.

 

VANGELO

Giovanni suppone che siano noti i sinottici (Lc 10,38-42) e il suo racconto dell’unzione di Betania (c. 12). Quando egli mette per iscritto il suo Vangelo, l’insegnamento orale è già stato impartito.

Com’è tipico di s. Giovanni, la risurrezione di Lazzaro ha, ad un tempo, tutte le qualità di una scena vissuta, magistralmente narrata, e la profondità di un insegnamento teologico in cui ogni particolare ha un senso e tutti i personaggi recano un messaggio.

1. L’amico: L’amicizia di Gesù per Lazzaro è segnalata a più riprese (soprattutto vv. 1-6). Questo fatto ha certo un significato nello scontro di Gesù con la morte (vedi sotto «Per annunciare la Parola»).

I Vangeli non sono scritti sentimentali, non cercano il particolare commovente. Tuttavia l’affettività non è assente in Luca ed è ancor più evidente in Giovanni, specialmente qui, in tutta la scena.

2. Lo sguardo dell’uomo-Dio: Gesù ha un comportamento sconcertante: prende tempo. Poi manifesta sia la tristezza dell’uomo sconvolto che la sicurezza del profeta.

Il suo sguardo va al di là dei motivi di preoccupazione o di sicurezza. Come per il cieco nato, egli vede in questa prova un’occasione per Dio di manifestare la sua gloria (vv. 4 e 40).

Egli vi vede anche una tappa verso la sua glorificazione, che, in realtà, è la sua morte-risurrezione (cf 12,23.28.32); è consapevole che il suo gesto non gli sarà perdonato (11,53). Il dialogo con i discepoli (vv. 7-9) sottolinea la determinazione di Gesù, che camminerà fino all’ultima ora del suo giorno, perché deve portare la luce.

3. Il dialogo con Marta: È un succedersi di atti di fede e di insegnamenti che si concatenano e si richiamano reciprocamente, fino alla confessione suprema (v. 27), parallela a quella di Pietro (Mt 16,16).

Ma il racconto non è un puro insegnamento; dà molto spazio all’emozione umana, che diventa dominante nell’incontro con Maria.

4. Perché credano: Gesù vuole che si conosca la sua missione e vi si creda: i suoi apostoli (v. 15), la folla (v. 42). Il dialogo con Marta risponde alla stessa preoccupazione di portare la sua fede alla perfezione.

Ma ci sono anche coloro che, invece di credere, discuteranno o complotteranno.

xxix-domenica-t-o-aIngresso  ECCO IL MIO SERVO (Frisina) oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure RISPLENDA LA VOSTRA LUCE (C. Burgio) oppure TESTIMONI DELL’AMORE (Buttazzo – Galliano)   Atto...
xxviii-domenica-t-o-aIngresso  LA BUONA NOVELLA ( P. Décha) - RN 286 oppure VENITE A ME (Graduale simplex) – RN 384 oppure VENITE AL BANCHETTO NUZIALE (D. Ricci)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN 4 oppure KYRIE...
xxvii-domenica-t-o-aIngresso  POPOLO REGALE (L. Deiss) oppure PIETRE VIVE (Buttazzo) oppure CRISTO GESU’ SALVATORE (Trad. occitana) – RN 273 oppure TU SEI LA PIETRA (P. Ruaro)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN...
xxvi-domenica-t-o-aIngresso  FAMMI CONOSCERE (P. Ruaro) – RD pag. 212 oppure SHEMA’ ISRAEL (S. Puri) - RN pag. 111 oppure VIENI E SEGUIMI (V. Ciprì – A. Mancuso) – RD pag. 233   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN...
xxv-domenica-t-o-aIngresso  IL PIU’ GRANDE (P. Cori) oppure PASSA QUESTO MONDO (D. Machetta) – RN 300 oppure VIENI AL SIGNOR (RnS) oppure QUESTO E’ IL MIO COMANDAMENTO (M. Frisina)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON –...
xxiv-domenica-t-o-aIngresso  QUESTO E’ IL MIO COMANDAMENTO (Frisina) – RN 377 oppure MISERICORDES SICUT PATER (Inwood) – inno del Giubileo della misericordia oppure PASSA QUESTO MONDO (D. Machetta) – RN 300   Atto...
xxiii-domenica-t-o-aIngresso  SHEMA’ ISRAEL (S. Puri) - RN pag. 111 oppure FAMMI CONOSCERE (P. Ruaro) – RD pag. 211 oppure OGNI MIA PAROLA (T. Henderson) – RD pag. 214 oppure CIELO NUOVO (G. Liberto) – RN 47   Atto...
xxii-domenica-t-o-aIngresso  CHI MI SEGUIRA’ (A. Parisi) - RN 79 oppure BEATITUDINI (M. Frisina) oppure BEATITUDINI (F. Rainoldi) - RN 227 oppure SE VUOI SEGUIRE CRISTO (D. Machetta) – CdP 717   Atto penitenziale ...
xxi-domenica-t-o-aIngresso  SIGNORE DA CHI ANDREMO? (L. Impagliatelli) oppure O SIGNOR GESU’ (Taizè) oppure TU SOLO GESU’ (Inwood)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN 4 oppure KYRIE ELEISON (J....
xx-domenica-t-o-aIngresso  LA BUONA NOVELLA ( P. Décha) - RN 286 oppure POPOLI TUTTI (RNS) oppure POPOLI TUTTI BATTETE LE MANI (J. Gelineau) – RN 104 oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure POPOLO...
xvii-domenica-to-a-2020Ingresso  CHIESA DI DIO (E. Costa – Chr. Villeneuve) – RN 267 oppure RISPLENDI GERUSALEMME (Conte – Ferrante) oppure BEATO CHI CAMMINA (D. Machetta) – RN 259   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN...
xvi-domenica-t-o-aIngresso  VIENI AL SIGNOR (RnS) oppure IL GRANDE HALLEL (Frisina) oppure TU SEI SIGNORE (Fallorni)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON – RN 4 oppure KYRIE ELEISON (J. Berthier)   Gloria GLORIA...
xv-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Questa domenica (una volta tanto!) si può dire che troviamo nel Lezionario non solo le letture... ma anche l’omelia; e fatta da Gesù stesso, o perlomeno dall’evangelista Matteo. Mi riferisco al...
xiv-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Al centro della liturgia di questa domenica stanno le parole di Gesù: «Ti benedico, o Pa­dre, Signore del cielo e della terra... Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi...»...
xiii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Nelle domeniche «normali», senza tematiche particolari predefinite come nelle «fe­ste», le letture bibliche costituiscono sempre in certo modo una sorpresa. Ed è bene che sia così: che non siamo noi...
xii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Si consiglia la colletta alternativa anno A (Messale, p. 991). Nel Tempo Ordinario non è il caso di sot­tolineare troppo l’atto penitenziale. Un discorso analogo lo si può fare anche per il Gloria:...
corpus-domini-aPER LA CELEBRAZIONE La festa del «Corpus Domini», come quella della Trinità, è un’eredità medievale: fu «inventata» nel sec. XIII e rimase caratterizzata soprattutto dalla processione del SS. Sacramento, che ha...
santissima-trinita-aPER LA CELEBRAZIONE Nella tradizione liturgica della Chiesa antica non esiste una «festa della SS. Trinità». Il mistero di Dio Padre e Figlio e Spirito Santo, infatti, nel Nuovo Testamento si rivela attraverso gli...
pentecoste-aPER LA CELEBRAZIONE Per la festa di Pentecoste gli attuali libri liturgici prevedono una speciale «Messa vespertina nella vigilia», con preghiere e letture proprie (cf Messale, pp. 239-240; Lezionario domenicale e...
v-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE • La 5a domenica di Quaresima dell’anno A è un annuncio e un anticipo della Pasqua. Il tema fondamentale della liturgia odierna si riassume, infatti, in una sola parola: risurrezione. a) Nella 1a...
iv-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE Il tema di fondo della liturgia di questa domenica è costituito dalle parole di Gesù: «Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre...» (Gv 8, 12). Questo tema, però, nel...
iii-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE - La liturgia di questa domenica è tutta incentrata sulla grande pagina di Giovanni 4: l’incontro di Gesù con la Samaritana. Problema: testo completo o forma breve? Di per sé sarebbe preferibile...
ii-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE L’immagine-simbolo di questa domenica è offerta dal Vangelo con il racconto della trasfigurazione: una pagina estremamente ricca di significato, al cui centro sta la parola di Dio stesso che...
i-domenica-quaresima-aPER LA CELEBRAZIONE Nel nome della Quaresima ogni anno si dicono, si propongono, si fanno tante cose... Va tutto bene; purché non si dimentichi che la Quaresima (con tutte le iniziative ad essa connesse) ha senso...
mercoled-delle-ceneri-2020PER LA CELEBRAZIONE Nel nome della Quaresima ogni anno si dicono, si propongono, si fanno tante cose... Va tutto bene; purché non si dimentichi che la Quaresima (con tutte le iniziative ad essa connesse) ha senso...
vii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO Per questa domenica segnaliamo la colletta alternativa per l’anno A: Messale, p. 986. Per la Liturgia eucaristica, se si ritiene opportuno, oggi si potrebbe utilizzare convenien­temente...
vi-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Come è già stato ricordato, nel Tempo Ordinario non è il caso di sottolineare troppo l’atto penitenziale; basta una sola frase seguita dalle tre invocazioni. Un discorso analogo lo si può fare anche...
v-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO Nella scelta dei testi per questa domenica segnaliamo la colletta alternativa per l’anno A: Messale, p. 984. Per il prefazio suggeriamo il I tra quelli della domenica. Se lo si desi­dera,...
presentazione-del-signorePER LA CELEBRAZIONE • Quella della Presentazione del Signore è una festa piena di luce e dolcezza che viene quasi a farci percepire l’eco lontana delle feste natalizie trascorse da poco più di un mese. Per antica...
iii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno A: Messale, p. 982. Come prefazio si possono suggerire l’VIII o il IX tra quelli delle domeniche. Se lo si desi­dera, si può...
ii-domenica-t-o-aPER LA CELEBRAZIONE • Nel Tempo Ordinario non è il caso di sottolineare troppo l’atto penitenziale; basta una sola frase seguita dalle tre invocazioni (eventualmente cantate; cf CdP 215-219). Un di­scorso analogo lo si...
battesimo-del-signore-aPER LA CELEBRAZIONE Nel calendario della Chiesa questa domenica, con la memoria del battesimo di Gesù, fa da collegamento tra le feste natalizie e il «Tempo Ordinario», scandito dal normale ritmo delle assemblee...
epifania-del-signore-2019PER LA CELEBRAZIONE In Italia tutti sanno che l’Epifania è «la festa della Befana»... E con questo risulta completamente compromesso e cancellato dall’orizzonte culturale della nostra allegra società il significato...
ii-domenica-dopo-natalePER LA CELEBRAZIONE • Nella scelta delle parti eucologiche ricordiamo la colletta alternativa a p. 967 del Messale. Si ponga attenzione al modo di proclamare le letture odierne (in particolare la 2a e il Vangelo): sono...
maria-ss-ma-madre-di-dioPER LA CELEBRAZIONE Secondo il calendario liturgico, il 1 gennaio è la festa di «Maria SS. Madre di Dio». Inoltre dal 1967, per iniziativa di Paolo VI, il 1 gennaio viene celebrato a livello internazionale come...
santa-famiglia-aPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta e preparazione dei testi di preghiera si tenga presente la colletta alternativa (Messale, p. 966) e il formulario per la preghiera dei fedeli proposto a p. 17 dell’Orazionale CEI (anche...
natale-del-signore-2019PER LA CELEBRAZIONE   Dal punto di vista pastorale, la celebrazione più importante che caratterizza la festa di Natale è la Messa di mezzanotte. Ma sappiamo che non è sempre facile dare a questa celebrazione il...
iv-domenica-avvento-aPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica segnaliamo la colletta alternativa dell’anno A (Messale, p. 965). Si abbia cura di creare nell’assemblea un ambiente di effettivo raccoglimento, anche con un adeguato spazio di...
iii-domenica-avvento-aPER LA CELEBRAZIONE Come suggerimenti per la celebrazione, tenendo conto che questa è la domenica «Gaudete», che sottolinea l’attesa gioiosa, segnaliamo la colletta alternativa dell’anno A (cf Messale, p. 964). Per la...
immacolata-concezione-2019PER LA CELEBRAZIONE Per la festa dell’Immacolata invitiamo a preparare con cura tutta la celebrazione, a cominciare dall’ambiente stesso in cui si svolge (disposizione, arredi, luci, fiori...). Si ponga particolare...
i-domenica-avvento-aPER LA CELEBRAZIONE Per quanto riguarda la scelta dei testi di preghiera per questa 1a domenica di Avvento, ricordiamo la colletta alternativa per l’anno A (cf Messale, p. 962). Il prefazio è quello di Avvento I e I/A...
xxxiv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE La liturgia di quest’ultima domenica dell’anno liturgico con il titolo di “Cristo re” propone di fatto una sintesi della fede cristiana, fondata sulla persona di Gesù e sulla sua assoluta centralità...
xxxiii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta dei testi di preghiera per questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno C (Messale, p. 1012) e suggeriamo il prefazio IX della domenica (Messale, p. 343). Si può...
xxxii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Il Vangelo che si legge questa domenica ha un tema ben preciso: la fede nella risurrezione dei morti, che Gesù professa e insegna in modo esplicito. Si consiglia di usare come saluto liturgico...
xxxi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Nella preparazione della Messa di questa domenica segnaliamo anzitutto all’attenzione la 1ª lettura: è una bellissima preghiera-meditazione, da leggere con una certa delicatezza, adagio e con...
xxx-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Oggi è bene cantare il Gloria (vedi CdP nn. 220-229, ed eventualmente il n. 650). Per la colletta si potrà attingere dal formulario per l’evangelizzazione dei popoli (in particolare la prima...
xxix-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per quanto riguarda la scelta dei testi di questa domenica segnaliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 1009). Per la preghiera eucaristica consigliamo il prefazio VII o VIII della...
xxviii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE “Lodare Dio”, “rendere gloria a Dio”: sono due espressioni del Vangelo di oggi che richiamano una dimensione essenziale della fede. La Messa della domenica ne è il momento più rappresentativo:...
xxvii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Il Vangelo di questa domenica è come una provocazione rivolta a tutti quelli che andranno a Messa (compresi i preti che presiedono le celebrazioni!): “Se aveste fede quanto un granellino di...
xxvi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE La liturgia di questa domenica non presenta particolarità di rilievo. Come dire: l’importante è la “normalità” delle cose: la fraternità del trovarsi insieme, l’autenticità della preghiera, la...
xxv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo la colletta alternativa anno C (cf Messale, p. 1004). Per la preghiera eucaristica consigliamo il prefazio I della domenica oppure la preghiera eucaristica...
xxiv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Il tema centrale di questa domenica è quello del capitolo 15 del Vangelo di san Luca: le tre parabole della misericordia. Anche la colletta classica di questa domenica è in linea con il Vangelo...
xxiii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per quanto riguarda la scelta dei testi di questa domenica segnaliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 1002). Come prefazio suggeriamo il II o il IV della domenica. Sarebbe quanto...
xxii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo ancora la colletta alternativa anno C (cf Messale, p. 1001). Per la preghiera eucaristica consigliamo il prefazio III o VII della domenica. Si può...
xxi-domenica-t-o-cIngresso  APRITEMI LE PORTE DELLA GIUSTIZIA (L. Augustoni) – RN 314 oppure BEATITUDINI (F. Rainoldi) - RN 227 oppure TI SEGUIRO’ (Frisina) oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure PASSA...
xx-domenica-t-o-cIngresso  BEATITUDINI (F. Rainoldi) - RN 227 oppure TI SEGUIRO’ (Frisina)   Atto penitenziale KYRIE ELEISON (Gregoriano 1) – RN 3 oppure KYRIE ELEISON (gregoriano 2) – RN 4 oppure KYRIE ELEISON (J....
xix-domenica-t-o-cIngresso  CELESTE GERUSALEMME (tradizionale bretone) – RN 316 oppure CANTICO DEI REDENTI (A Marani) oppure OH CHE GIOIA - (Valmaggi) – RD pag. 206 oppure CIELI E TERRA NUOVA (M. Piatti) – RN...
xviii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per la preparazione della celebrazione di questa domenica ci limitiamo a segnalare la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 997) e, per la liturgia eucaristica, il prefazio III della...
xvii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Ora siamo in pieno tempo di ferie. Ma questo non significa che possiamo esimerci dalla responsabilità di una accurata preparazione delle Messe domenicali, sia in città che nei luoghi di...
xvi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE In relazione con il tema dell’ospitalità, presente nella 1ª lettura e nel Vangelo di questa domenica, nel modo di cominciare la Messa si può di realizzare una vera accoglienza gli uni con gli altri,...
xv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta dei testi di preghiera per la Messa consigliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf Messale, p. 994) e la preghiera eucaristica V/c oppure anche il prefazio “Comune VIII” (p. 375)...
xiv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE In questa domenica è senz’altro consigliabile la colletta alternativa per l’anno C (cf Messale, p. 993), che può costituire da sola un ottimo schema di fondo per l’omelia. Per la liturgia...
xiii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Le letture di questa domenica aprono diverse piste di riflessione: vocazione/seguire Cristo, tolleranza (cf 1ª lettura e Vangelo); libertà e carità, “camminare secondo lo Spirito” (cf 2ª lettura)....
ss-corpo-e-sangue-di-cristo-cPER LA CELEBRAZIONE Ricordiamoci di preparare coscienziosamente il Messale prima delle celebrazioni, scegliendo a ragion veduta i testi di preghiera. Il formulario base della Messa di oggi si trova a p. 287. Ma...
santissima-trinita-cINGRESSO TRINITA’ NOSTRA GIOIA (D. Machetta) oppure NOI CANTEREMO GLORIA A TE (Salterio Ginevrino, 1551) – RN 294 oppure TE LODIAMO TRINITA’ (Vienna, c. 1776) – CDP 733 oppure INNO ALLA TRINITA’ (M....
domenica-di-pentecoste-2019-cantiINGRESSO VENI CREATOR SPIRITUS (gregoriano) – RN 193 oppure INNO ALLO SPIRITO SANTO (G. Becchimanzi) – http://www.corogva.it/musica.htm oppure VIENI, SPIRITO DI CRISTO (G. Amadei) – CDP 570 oppure LO SPIRITO DEL...
ascensione-del-signore-cPER LA CELEBRAZIONE Dal punto di vista liturgico la festa dell’Ascensione – e lo stesso vale per la Pentecoste – va celebrata con la stessa “solennità” di Pasqua. A questo scopo è importante dedicare particolare...
vi-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE Nelle letture di questa domenica si incrociano molti temi di notevole importanza: dal rapporto cristianesimo-giudaismo (cf 1ª lettura), alla “nuova Gerusalemme” (cf 2ª lettura), alla relazione...
v-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE Le letture di questa domenica si prestano a parecchi e diversi sviluppi di riflessione, ma certo una delle parole più significative e impegnative è quella del Vangelo: “Amatevi gli uni gli...
iv-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica, oltre a ricordare il rito dell’aspersione (cf Messale, pp. 1031-1036), segnaliamo la colletta alternativa per l’anno C a p. 975 del Messale. Per la preghiera dei fedeli, cf...
iii-domenica-di-pasqua-cPER LA CELEBRAZIONE La festa di Pasqua continua: non lasciamo cadere, in queste domeniche, “l’alta tensione” della gioia e della lode a Dio! Un buon aiuto a tal fine può venire dal canto. È bene cantare il Gloria. Come...
ii-domenica-di-pasqua-c2ª DI PASQUA - Della divina Misericordia   PER LA CELEBRAZIONE • Rinnoviamo anzitutto l’invito a caratterizzare tutte le domeniche del tempo di Pasqua iniziando la Messa con il rito dell’aspersione, usando i...
pasqua-di-risurrezionePER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO • Sarebbe un’ottima cosa – in questa domenica e in tutte le domeniche seguenti del tempo di Pasqua – iniziare la Messa con il rito dell’aspersione con acqua benedetta, previsto nel...
sabato-santo-cPER LA CELEBRAZIONE • La Veglia pasquale non gode certo della stessa popolarità della Messa di mezzanotte di Natale... Ciò non toglie che questa liturgia (sul piano della fede, se non su quello della tradizione) sia...
venerdi-santo-c  PER LA CELEBRAZIONE   • Prima della celebrazione liturgica della Passione sarà bene togliere per tempo ogni elemento di addobbo o di richiamo esteriore dal luogo dove si conserva il Santissimo, in modo...
giovedi-santo-cPER LA CELEBRAZIONE Secondo l’indicazione del Messale (p. 131) “è opportuno che gli oli benedetti dal Vescovo nella Messa Crismale siano presentati e accolti dalla comunità parrocchiale”, in occasione della Messa della...
domenica-delle-palme-cPER LA CELEBRAZIONE La Domenica cosiddetta “delle Palme”, dal punto di vista liturgico e pastorale, va pensata soprattutto come “Domenica della Passione”: è questo il vero centro di attenzione a cui rapportare ogni...
v-domenica-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Il filo che lega tra di loro le tre letture della Messa di oggi è il tema della “novità”, del cambiamento, del rinnovamento. Cristo è la novità vera, assoluta e perenne, operata da Dio nella storia...
iv-domenica-quaresima-laetare-cIngresso  APRI LE TUE BRACCIA (D. Machetta) oppure PADRE PERDONA (Stefani – gregoriano) – CdP 499 oppure MISERICORDES SICUT PATER (Inwood) oppure CRISTO GESU’ SALVATORE (Trad. occitana) – RN...
iii-domenica-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno C a p. 970 del Messale. Si consiglia il prefazio di Quaresima V che sottolinea il tema dell’esodo. Nella stessa linea...
ii-domenica-di-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Per la Messa di questa domenica ricordiamo la colletta alternativa per l’anno C a p. 969 del Messale. Alla fine si può utilizzare l’orazione sul popolo n. 7 (p. 447).   Ingresso  COME...
i-domenica-quaresima-cPER LA CELEBRAZIONE Nel nome della Quaresima ogni anno si dicono, si propongono, si fanno tante cose... Va tutto bene; purché non si dimentichi che la Quaresima (con tutte le iniziative ad essa connesse) ha senso...
mercoledi-delle-ceneri-2019Ingresso  ATTENDE DOMINE (gregoriano) – RN 78 oppure DONO DI GRAZIA (S. Albisetti – M. Crüger) – RN 82 oppure PADRE PERDONA (Stefani – gregoriano) – CdP 499 oppure UN CUORE NUOVO (F. Buttazzo) – RD pag....
viii-domenica-t-o-cIngresso  E’ BELLO LODARTI (T. Henderson) oppure ALZERO’ I MIEI OCCHI (M. Frisina) – in Idem, Tu sarai profeta, Rugginenti Editore oppure CHI VIVE E CREDE IN ME (A. Martorell) – RN 317 oppure RISPLENDA LA...
vii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Per questa domenica ricordiamo la colletta alternativa anno C (Messale, p. 986). Come preghiera eucaristica si potrebbe utilizzare la V/c. Segnaliamo anche il prefazio VII tra quelli della...
vi-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Questa domenica ci troviamo a confronto con una delle pagine più “forti” del Vangelo. Non si abbia timore di leggerla con chiarezza e vigore. Segnaliamo la colletta alternativa dell’anno C (cf...
v-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Le letture odierne richiamano alcuni grandi temi della fede che hanno un preciso riscontro nel rito della Messa: mi riferisco alla “santità” di Dio, di cui parla Isaia nella 1ª lettura, e al nucleo...
iv-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Ricordiamo ancora che nel Tempo Ordinario non è il caso di sottolineare troppo l’atto penitenziale. Un discorso analogo lo si può fare anche per il Gloria: è sufficiente cantare un ritornello a...
iii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE Anche questa domenica – prendendo spunto dalla 1a lettura e dal Vangelo – richiamiamo l’attenzione sulla Liturgia della Parola. Per raccomandare anzitutto di non inflazionarla con troppe parole...
ii-domenica-t-o-cPER LA CELEBRAZIONE In questa domenica la “mensa della parola di Dio” è particolarmente ricca e abbondante: tutte e tre le letture sono molto belle e dense di significato per la vita di fede, sia sul piano personale...
battesimo-del-signore-2019PER LA CELEBRAZIONE E IL CANTO Nella prima edizione del Lezionario festivo varato dalla riforma liturgica del Vaticano II, per questa domenica la 1ª e la 2ª lettura erano state previste in modo invariabile (Is...
epifania-del-signore-2018PER LA CELEBRAZIONE In Italia tutti sanno che l’Epifania è “la festa della Befana”... E con questo risulta completamente compromesso e cancellato dall’orizzonte culturale della nostra allegra società il significato...
maria-ss-madre-di-dio-2018PER LA CELEBRAZIONE Secondo il calendario liturgico, il 1° gennaio è la festa di “Maria SS. Madre di Dio”. Inoltre, dal 1967, per iniziativa di Paolo VI, il 1° gennaio viene celebrato a livello internazionale come...
sacra-famigliaPER LA CELEBRAZIONE Nella prima edizione del Lezionario festivo varato dalla riforma liturgica del Vaticano II, per questa domenica dopo Natale la 1ª e la 2ª lettura erano state previste in modo invariabile (Sir 3 e...
natale-del-signore-2018PER LA CELEBRAZIONE Le indicazioni prendono in esame soprattutto la celebrazione “Messa della notte santa” più impegnativa e più frequentata; per le altre celebrazioni (Messa dell’aurora e del giorno) si farà...
iv-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE In generale, gli ultimi giorni prima di Natale sono sempre un po’... agitati (gli auguri, i regali, le vacanze, ecc.). Invece per vivere bene la liturgia di questa 4ª domenica di Avvento occorre un...
iii-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE Nella tradizione della liturgia romana la 3ª domenica di Avvento è sempre un invito alla gioia. Procuriamo che le Messe di questa giornata si svolgano in clima di vera fraternità e letizia, a...
ii-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE Non è facile individuare con chiarezza un preciso legame fra le letture di questa 2ª domenica di Avvento. Un motivo unitario può essere riscontrato nel primato della grazia: è Dio che prende...
immacolata-concezione-b-v-mariaPER LA CELEBRAZIONE ED IL CANTO Per la festa dell’Immacolata invitiamo a preparare con cura tutta la celebrazione, a cominciare dall’ambiente stesso in cui si svolge (disposizione, arredi, luci, fiori...). Si ponga...
i-domenica-di-avvento-cPER LA CELEBRAZIONE Nella scelta dei testi di preghiera per la Messa consigliamo la colletta alternativa anno C (cf Messale, p. 962) e il prefazio di Avvento I/a (cf Messale, p. 313). Per mettere in evidenza l’attesa...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).