Lunedi, 18  Gennaio  2021  12:13:15


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Insieme anche sul web

 

Vescovo Mauro Parmeggiani

Basilica Cattedrale Sant'Agapito Martire - Palestrina

cattedrale 2019CONTATTI
Vicaria
: Sesta, già Palestrina
Indirizzo: Corso Pierluigi, snc – 00036 Palestrina (Rm)

Tel./Fax: 06 95 38 192

Facebook: https://www.facebook.com/ParrocchiaSantAgapitoMartire

 

SACERDOTI
Parroco: Don Ludovico Borzi

 

Sacerdoti domiciliati nell'ambito della parrocchia:

Mons. Vito Cinti

Mons. Antonio Maria Sbardella

Don Rodolfo Baldazzi

Don Jorge Ortiz

 

Diaconi in servizio: Claudio Mattogno

 

ORARIO DELLE SANTE MESSE


PERIODO INVERNALE

Giorni festivi:  8.00 - 10.00 - 12.00 - 18.00

Giorni pre-festivi: 18.00
Giorni feriali: 8.00 - 10.00 - 18.00

 

PERIODO ESTIVO

Giorni festivi:  7.30 - 10.00 - 12.00 - 19.00

Giorni pre-festivi:  19.00
Giorni feriali:  8.00 - 10.00 - 19.00

 

Chiesa di S. Girolamo

Giorni festivi:  8.30

Giorni feriali:  8.00

 

DOVE SIAMO

 

CENNI STORICI

La Cattedrale dedicata a Sant’Agapito, martire a 15 anni sotto l’imperatore Aureliano (probabilmente nel 274 d. C.), è sorta su un edificio romano di cui si vedono alcune strutture nella cripta, nello scavo, visibile nella piazza, e nella facciata. La forma primitiva era rettangolare, in opera quadrata con massi tufacei, e risalente al VI sec. a.c., comprendeva in pratica l’area racchiusa entro i cinque pilastri dell’attuale navata centrale. La trasformazione in tempio cristiano è di epoca incerta, ma senza dubbio fu realizzata dopo la pace di Costantino e comunque non oltre la fine del V secolo. Leone III restaurò la basilica e nell’anno 898 le reliquie di S. Agapito vi furono traslate dal sepolcro della basilica di Quadrelle, luogo dove avvenne il martirio del Santo. La sua forma si conservò inalterata fino al principio del sec. XII, quando la chiesa fu ampliata dal vescovo prenestino Conone in forme romaniche. La parete di fondo che collegava le ultime due colonne, fu abbattuta e sul prolungamento, ricavato da una parte dell’area sacra del santuario della Fortuna furono eretti l’abside, il presbiterio e l’altare maggiore. Furono aperti nelle pareti laterali grandi archi ed erette le navate laterali, e sotto l’abside una cripta. Di questo periodo si conservano la facciata a timpano e il massiccio campanile posto al suo fianco, con robuste trifore agli ultimi due piani (la parte superiore, con la cuspide, fu rifatta nel sec. XV). Il Duomo sopravvisse alla distruzione che Palestrina subì per ordine di Bonifacio VIII nel 1298, ma fu devastato, nel marzo-aprile 1437 sotto il pontificato di Eugenio IV, dal suo commissario militare cardinal Giovanni Vitelleschi. Il portale di bronzo e gli stipiti marmorei dell’ingresso principale furono sottratti e portati a Corneto (oggi Tarquinia) città natale del Vitelleschi. L’attuale portale marmoreo è del sec. XV, con stemmi delle famiglie Della Rovere e Colonna: i due battenti di bronzo attuali, realizzati dall’architetto De Angelis con la collaborazione dell’architetto Elena Mennini nel 2009, sostituiscono il portale in bronzo e rame sbalzato opera di Nicola Russo (1967). La Cattedrale fu riattivata e riaperta ai tempi di Niccolò V, come si rileva dall’iscrizione sepolcrale della nobile giovinetta romana Francesca Della Valle, la lapide è murata presso la porta laterale della navata destra. Subito dopo l’edificio fu abbellito, anche se non si hanno notizie precise di questi lavori. La basilica ebbe successivi rimaneggiamenti, aggiunte, restauri, tra cui quelli eseguiti nel 1706 dal Card. spagnolo Ludovico Emanuele Portocarrero, spagnolo, com’è ricordato dalle grandi epigrafi situate ai due lati dell’ingresso principale. Nel corso di questi interventi furono anche sostituite le volte delle antiche incavallature di legno nelle navate laterali ed eretti due piccoli altari che attualmente fanno parte del presbiterio. Nel 1865 si progettò, dietro impulso del card. Luigi Amat, l’aspetto attuale del Duomo. La realizzazione fu tuttavia iniziata nel 1882 e proseguita fino al 1917 con l’assistenza e il disegno di Costantino Sneider, architetto dei Sacri Palazzi Apostolici. Le linee architettoniche e le membrature dell’abside e del presbiterio in stucco, sono opera dell’architetto Augusto Bonanni. La cerimonia dell’inaugurazione della rinnovata cattedrale fu presieduta da uno dei promotori dell’intervento, il Card. Vincenzo Vannutelli, il 16 dicembre 1917. Nel 1957, le lesioni provocate dal tempo e accentuate dagli eventi bellici della seconda guerra mondiale, consigliarono all’architetto Furio Fasolo la demolizione dell’avancorpo che nascondeva l’antica facciata che fu restaurata con integrazioni e consolidamenti per rendere leggibile le tracce dell’antica meridiana posta nella zona superiore della parete. L’avancorpo comprendeva la loggia delle benedizioni e il portico costruiti nel 1839 dal Card. Carlo Maria Pedicini, in seguito a quest’intervento è tornato visibile il timpano romanico con un’edicola retta da due colonnine marmoree. Gli ultimi interventi degni di nota, sono stati eseguiti per iniziativa del vescovo monsignor Pietro Severi ed hanno interessato la ristrutturazione del presbiterio e dell’altare maggiore per adeguarli alle vigenti norme liturgiche e per portare alla luce la cripta. Inoltre la Cattedrale è stata dotata di un moderno organo a canne in sostituzione del preesistente, risalente ai primi anni del 1700. La parete esterna di sinistra in peperino rosso scuro tra due pilastri in muratura è di recente costruzione e fu edificata per la collocazione della statua Regina Pacis di Francesco Coccia (1957). A seguito dei lavori di demolizione dell’avancorpo è riapparsa la parte inferiore del campanile rivelando l’origine della struttura medievale (XII secolo). La parte superiore, demolita nel 1437, fu ricostruita nel XV secolo, probabilmente ai tempi del cardinale Girolamo Bassi Della Rovere e contemporaneamente vi fu aggiunta l’alta cuspide piramidale successivamente restaurata nel 1535. Riguardo all’epoca del primo nucleo si può confermare l’osservazione fatta da Orazio Marucchi, il quale riferisce della visita pastorale del cardinal Bernardino Spada che nel 1659 indica di antichissima struttura la torre campanaria. Oggi si presenta con quattro ordini separati da semplici cornici in travertino. I due ordini superiori mostrano trifore con archetti tondi che poggiano su colonnine di marmo; all’interno nell’ultimo ripiano, sono alloggiate quattro campane: due maggiori e due minori. Il campanile è stato in parte consolidato nel 1977, quindi pulito e monitorato nel 1994 a cura del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali. L’interno della chiesa si presenta ricco di luce con forme architettoniche adornate e arricchite con decorazioni in oro e marmi pregiati. I grossi pilastri in opera quadrata separano e scandiscono lo spazio che divide le tre navate. Il soffitto a cassettoni con rosoni dorati copre l’intera navata centrale, il pavimento è in lastroni di marmo bianco di Carrara e di bardiglio cappella, disposti a mo’ di scacchiera. Nella seconda cappella a sinistra, sull’altare con paliotto cosmatesco, spicca una tela di Girolamo Siciolante raffigurante la crocifissione e ai lati della croce la Madonna, S. Lorenzo e i due committenti Giulio Cesare Colonna e sua madre Elena Della Rovere. In fondo alla navata sinistra, il Martirio di S. Agapito di Carlo Saraceni, e di fronte, una tela di Andrea Camassei, pure raffigurante S. Agapito. In fondo alla navata centrale, addossato all’ultimo pilastro destro, è il pulpito marmoreo, con un Crocifisso bronzeo di Francesco Coccia. Nell’abside, dove è collocato il coro ligneo del 1650, vi sono affreschi di Domenico Bruschi (fra cui Martirio e Gloria di S. Agapito). Sugli altari minori, ai due lati del presbiterio, sono due tele ovali di Giovanni Odazzi, raffiguranti S. Ildefonso e l'Estasi di S. Teresa. Nel primo altare nella navata di destra, Transito di S. Giuseppe (1888), di Achille Guerra. Ai lati dell’altare maggiore sono gli ingressi alla cripta (accessibile a richiesta), ove sono visibili una parte della gradinata dello Iunonarium, colonne e capitelli, il basolato di un’antica strada, iscrizioni e tracce di affreschi del sec. XII. Nello scavo lungo il fianco destro del Duomo, sono visibili i resti della gradinata di raccordo tra il piano del supposto Iunonarium e il sottostante lastricato.

 

NOTIZIE DALLA PARROCCHIA...

 

palestrina-immacolata-concezione-della-beata-vergine-mariaGiovedì alle 20.30 in Cattedrale si terrà una veglia di preghiera cittadina in preparazione alla solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, in occasione dei 190 anni delle apparizioni della Madonna...
cattedrale-corpus-domini-2020In occasione della Solennità del Ss.mo Corpo e Sangue di Cristo il Vescovo Mauro Parmeggiani alle 10 celebrerà la Messa in Cattedrale. Alle 11 seguirà un momento di Adorazione e poi la Benedizione eucaristica sul...
veglia-cittadina-in-onore-di-maria-ss-ma-immacolataLa Comunità Ecclesiale della Città di Palestrina, per il secondo anno consecutivo in occasione della Solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria,  giovedì 5 Dicembre alle ore 21:00 organizza la...
sant-agapito-prenestino-tra-storia-e-culturaIn occasione dei festeggiamenti in onore di sant'Agapito martire sono in programma tre appuntamenti di approfondimento sulla figura ed il culto del santo patrono prenestino. Il primo, domenica 11 agosto, dopo la Messa...
festivita-di-sant-agapito-martireLa città di Palestrina, insieme a tutta la diocesi, si appresta a celebrare il 18 agosto la solennità del santo patrono Agapito.Di seguito gli appuntamenti programmati dal parroco don Ludovico Borzi e dalla comunità...
solennita-del-ss-mo-corpo-e-sangue-di-cristo-celebrazione-cittadinaDomenica, 23 giugno, solennità del Corpus Domini, alle 8,30 in Cattedrale S.E. Monsignor Mauro Parmeggiani celebrerà la Santa Messa solenne.Al termine della Celebrazione eucaristica il Vescovo guiderà la solenne...
meditare-sulle-note-dell-abate-krugLunedì 15 aprile, alle 18.30, presso la Cattedrale di Sant’Agapito martire a Palestrina, la pianista Silvia Vaglica eseguirà al pianoforte i brani dell’abate benedettino Bonifacio Maria Krug (1838–1909) nell’ambito del...
8.00 - 10.00 - 12.00 - 18.00

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).