Lunedi, 18  Gennaio  2021  11:42:17


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Insieme anche sul web

 

Vescovo Mauro Parmeggiani

Santi Protomartiri Prenestini - Palestrina

madonnagrazieCONTATTI
Vicaria
: Sesta, già Palestrina
Indirizzo: Via Madona delle Grazie 2 – 00036 Palestrina (Rm)
Tel.: 347 96 65 114

 

SACERDOTI
Parroco: Don Giovanni Luzi

 

ORARIO DELLE SANTE MESSE


PERIODO INVERNALE

Giorni festivi:  10.30

Giorni pre-festivi: 18.00
Giorni feriali: 18.00

 

PERIODO ESTIVO

Giorni festivi:  10.30

Giorni pre-festivi:  19.00
Giorni feriali:  19.00

 

Chiesa di Sant'Antonio in Quadrelle

Giorni festivi:  9.15

 
Chiesa di S. Maria del Piscarello

Giorni festivi:  11.45

 

DOVE SIAMO

 

CENNI STORICI
Eretta il 22 settembre 1985 da mons. Renato Spallanzani, vescovo diocesano, e riconosciuta civilmente il 15 novembre 1986 con decreto del Ministero dell’Interno, ha come sede la chiesa di Santa Maria delle Grazie, della cui fondazione non si ha memoria, ma certamente è molto antica. Il 9 ottobre 1573 fu concessa ai padri Carmelitani di Sant’Antonio dal Card. Giulio della Rovere. Secondo Cecconi, l’erezione della chiesa è legata a singolari prodigi: “ Vi era, per quanto narrasi, in Palestrina una povera e innocente fanciulla, che nel giorno mendicando per la città il vitto ritiratasi la sera in campagna fra una siepe di spine. La seguì più volte un giovinastro, il quale, avendo osservato che appena ivi giungeva quella divota verginella, le apriva il roveto prodigiosamente la strada, ne sparse la fama per la città; e ne venne che la donzella sopra di ciò interrogata, disse con innocente semplicità ch’era ivi una benigna Signora col Figliuolino nel seno, da cui era caritativamente accolta dentro una piccola Cona. Propalatasi questa novella corsero molti per naturale curiosità a tagliare quello spinaio; e vi trovarono un’immagine di Maria col Divin Verbo sulle braccia. Non può spiegarsi quale fu allora la moltitudine del popolo che vi concorse; e quali, e quanti furono i benefizi, che si degnò di profondere pietosamente Iddio verso gli adoratori di quella sacra effige. […] In gratitudine di così singolari prodigi vi fu in breve tempo eretta una Chiesa.”. Oltre all’altare maggiore, la chiesa era ornata da altri due altari, non più esistenti, eretti nel 1605 da padre Sebastiano Fantoni quando provvide a ingrandire anche la chiesa, dedicati a Sant’Anatolia Vergine e Martire e alla Madonna del Carmine. Il tempio fu meta di pellegrinaggi degli abitanti di Palestrina e dei paesi vicini. Gravemente danneggiato dagli ultimi eventi bellici, il sacro edificio fu riparato da padre Mariano Zaralli, il quale, in seguito ne promosse e realizzò, con il contributo statale, il totale restauro e la realizzazione, in facciata, di un mosaico raffigurante la Beata Vergine. Nel settembre 1988, il parroco, Don Augusto Iacobini, fece realizzare una vetrata raffigurante il martire Sant’Agapito con ai lati i Santi Martiri Anastasio e Porfirio. Annessi alla chiesa la sagrestia e la casa parrocchiale ricavata nei locali abitati dall’eremita.

Eretta il 22 settembre 1985 da mons. Renato Spallanzani, vescovo diocesano, e riconosciuta civilmente il 15 novembre 1986 con decreto del Ministero dell’Interno, ha come sede la chiesa di Santa Maria delle Grazie, della cui fondazione non si ha memoria, ma certamente è molto antica. Il 9 ottobre 1573 fu concessa ai padri Carmelitani di Sant’Antonio dal Card. Giulio della Rovere. Secondo Cecconi, l’erezione della chiesa è legata a singolari prodigi: “ Vi era, per quanto narrasi, in Palestrina una povera e innocente fanciulla, che nel giorno mendicando per la città il vitto ritiratasi la sera in campagna fra una siepe di spine. La seguì più volte un giovinastro, il quale, avendo osservato che appena ivi giungeva quella divota verginella, le apriva il roveto prodigiosamente la strada, ne sparse la fama per la città; e ne venne che la donzella sopra di ciò interrogata, disse con innocente semplicità ch’era ivi una benigna Signora col Figliuolino nel seno, da cui era caritativamente accolta dentro una piccola Cona. Propalatasi questa novella corsero molti per naturale curiosità a tagliare quello spinaio; e vi trovarono un’immagine di Maria col Divin Verbo sulle braccia. Non può spiegarsi quale fu allora la moltitudine del popolo che vi concorse; e quali, e quanti furono i benefizi, che si degnò di profondere pietosamente Iddio verso gli adoratori di quella sacra effige. […] In gratitudine di così singolari prodigi vi fu in breve tempo eretta una Chiesa.”. Oltre all’altare maggiore, la chiesa era ornata da altri due altari, non più esistenti, eretti nel 1605 da padre Sebastiano Fantoni quando provvide a ingrandire anche la chiesa, dedicati a Sant’Anatolia Vergine e Martire e alla Madonna del Carmine. Il tempio fu meta di pellegrinaggi degli abitanti di Palestrina e dei paesi vicini. Gravemente danneggiato dagli ultimi eventi bellici, il sacro edificio fu riparato da padre Mariano Zaralli, il quale, in seguito ne promosse e realizzò, con il contributo statale, il totale restauro e la realizzazione, in facciata, di un mosaico raffigurante la Beata Vergine. Nel settembre 1988, il parroco, Don Augusto Iacobini, fece realizzare una vetrata raffigurante il martire Sant’Agapito con ai lati i Santi Martiri Anastasio e Porfirio. Annessi alla chiesa la sagrestia e la casa parrocchiale ricavata nei locali abitati dall’eremita.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).