La Festa dei Colori con la Caritas diocesana

colorsSabato 8 giugno 2019 si conclude il settimo anno accademico della scuola di base per l’insegnamento della lingua e cultura italiana, organizzata dall’Ufficio Caritas della Diocesi di Palestrina. In tale occasione sarà celebrata la Festa dei colori: appuntamento presso il piazzale antistante la sede del Centro diocesano per la Carità in Via della Croce a Palestrina, con inizio alle ore 10. Saranno consegnati gli attestati di livello agli studenti che avranno superato l’esame e si concluderà con un momento conviviale che consentirà ai presenti di conoscere e apprezzare l’espressione di diverse culture attraverso il cibo. L’incontro di sabato è aperto anche a coloro che per solo curiosità o per desiderio volessero partecipare; per motivi di organizzazione si richiede solo una conferma al n. 0694355934.

 

L’Holi fest, a cui questo evento si ispira, è una festa religiosa durante la quale è usanza sporcarsi con polveri colorate. Nella tradizione culturale Induista “la festa” assume il significato della vittoria del bene sul male, dell’incontro con gli altri, della voglia di giocare, ridere, dimenticare i dolori, perdonare e consolidare le relazioni.

 

Sono circa 70 le persone di diversa età ed etnia che hanno partecipato alle lezioni tenute gratuitamente presso le aule del Caffè Letterario della Diocesi prenestina da insegnanti in pensione. I corsi hanno lo scopo principale di fornire capacità comunicative che consentano agli immigrati di allacciare relazioni possibilmente anche di lavoro e, nella quotidianità, di essere in grado di colloquiare con le realtà presenti intorno a loro. Per altri la frequenza nella scuola è propedeutica alla formazione necessaria per sostenere gli esami per richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno o la cittadinanza. La scuola della Caritas di Palestrina è accreditata presso l’università per stranieri di Perugia e, avendo anche il riconoscimento di sede di esame, ogni anno sottopone a verifica gli alunni che sostengono gli esami per il rilascio del certificato europeo della lingua italiana. Tutto ciò rende il servizio che gli insegnanti, i collaboratori e responsabili prestano gratuitamente ancora più entusiasmante, restituendo ad ognuno di loro la soddisfazione di aver raggiunto importanti obiettivi donando semplicemente il proprio tempo libero. Altresì la gioia e la consapevolezza di essersi sporcati le mani dei colori delle persone che da paesi lontani sono costretti, per propria scelta o per necessità, a vivere in un territorio che, attraverso questi gesti, non vuole essere ostile a nessuno, ma che al contrario vuole fare dell’accoglienza l’elemento caratteriale più significativo. Quando solidarietà, integrazione e volontariato si incontrano, nascono semplici realtà da cui tutti abbiamo qualcosa da imparare.