Lunedi, 06  Aprile  2020  22:53:40


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanaAccount Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


header-vescovo

Andarono e trovarono Maria (Lc 2, 16-21)

3Gettiamo ancora il nostro sguardo sul presepio. Il centro è sempre Gesù, e la nostra attenzione a Lui oggi è mediata da Maria, la madre. E’ con lei che vogliono solidarizzare i pastori, gente semplice, che conosce il bisogno di una donna che ha appena partorito e le portano senza indugio, dice il vangelo, con un moto spontaneo del cuore, con l’immediatezza di chi vive nella precarietà e ha come unica soddisfazione la solidarietà, il conforto della loro presenza. I pastori erano gente disprezzata, poco di buono, randagia, gente che vive di rimedi, che regola il suo orario sulle abitudini degli animali. Ma è sempre fatta di persone che hanno un cuore e una dignità, una coscienza e una sensibilità. I verbi che usa il vangelo sono una traccia di cammino anche per noi. Andarono senza indugio: non si fermano sul verbo venire che indica sempre che sono gli altri che devono girare attorno a noi. Noi siamo il perno, noi siamo quelli da riverire, noi quelli che non si spostano di un’unghia per nessuno, noi quelli che devono essere serviti, noi quelli che sanno tirare le file per far girare gli altri nella nostra orbita. Noi la chiesa stiamo troppo comodi in attesa che la gente venga, noi i responsabili del bene comune che forse scambiamo l’autorità per un potere, mentre deve essere un servizio sempre. E il servizio ha come primo moto spontaneo il decentrarsi verso chi ha bisogno. Videro, udirono e riferirono; hanno aperto gli occhi su quel bambino, hanno scritto nella loro mente i fatti, non si sono fermati alle loro fantasie, non sono stati comodi a costruirsi un virtuale asettico, lontano dalla vita, ma hanno fatto esperienza, hanno partecipato alla gioia e alla dolcezza della famiglia di Gesù. Hanno aperto gli orecchi, hanno ascoltato la parola fatta carne, hanno messo attenzione all’invito degli angeli e al loro canto del gloria. E non hanno tenuto per sé quel che hanno provato. Lo hanno portato subito agli altri. Hanno creato subito quel tam tam che crea comunione tra la gente attorno ai fatti della vita, alle notizie belle. La comunicazione della gioia della scoperta ha cambiato la loro vita sociale, hanno cambiato la noia della quotidianità in stupore. Hanno saputo dire alla gente che si doveva aprire il cuore alla novità assoluta della nascita di Gesù. Avessimo noi ancora oggi la capacità di sconfiggere la noia, per esempio la noia del nostro mondo giovanile, che viene riempito sempre di dati inutili, per aiutarli a trovare nella propria umanità le risorse più belle per dare slancio alla loro vita, la consapevolezza della grandezza di ogni persona, della bellezza dell’amore, della semplicità delle cose che Dio ci ha dato! Glorificando e lodando Dio. Dio va lodato e ringraziato sempre. La nostra vita ha bisogno di gesti gratuiti, di sbilanciarsi per la riconoscenza, di riconoscere che siamo creature e che non tutto deve essere calcolo, commercio, tornaconto. Lodare Dio è ritrovare il nostro posto nella creazione, è uscire dalla nostra sicumera per sentirci figli amati da Dio.

E noi ci avviamo a chiudere il 2014, un anno che è stato pieno di difficoltà e di fatiche. Ciascuno avrà un momento per pensare a dove sta andando la sua vita,  per fare un bilancio, per rendersi conto di tanti doni, di tutte le persone che la condividono con lui, per ricucire torti, per ritornare saggiamente indietro da vie sbagliate che ha preso. E’ stato un altro anno di una crisi da cui facciamo fatica a uscire e da cui non usciremo facilmente anche l’anno prossimo. Dobbiamo convivere con questa crisi; quasi mi viene da ringraziare Dio perché ce l’ha data. Eravamo troppo faciloni, vivevamo al di sopra delle nostre possibilità e lo stato allargava a dismisura il debito fino a diventare 10 volte il PIL del mondo e ci drogava. E oggi l’unica possibilità o fantasia che si ha è che questo enorme debito si paga solo a colpi di tasse. Lavoravamo spesso come automi in attesa della paga, delle ferie, degli incentivi. Ci dicevano: tu compera senza pagare niente, lo farai dopo. Ci siamo trovati debiti e non c’era più quello che avevamo comperato. Tutti ci dicevano che il centro della vita è ciascuno di noi. La parola più usata era io, io, io. Siamo diventati tutti individui e non più persone. Non è solo io il pronome che possiamo usare; i pronomi che abbiamo imparato a scuola sono almeno sei: io, tu, egli, noi, voi, essi. Ci sono almeno sei modi di coniugare la nostra vita; noi siamo un io, se siamo un tu per la moglie, il marito, il figlio, il padre, la madre. L’altro è un egli, gli altri sono un essi con cui dobbiamo rapportarci. Nessuno è una prigione per l’altro, ma se noi siamo autocentrati e ci guardiamo solo allo specchio, gli altri diventano una prigione a cominciare dalla famiglia messa assieme o tenuta assieme per qualche convenienza e non per amore. Papa Francesco ci dice che siamo ancora capaci di rendere schiave le persone. Ci hanno abituato a consumare per produrre, a produrre per vendere e comperare, ma la terra non è infinita. Ci hanno garantito risposta a tutti i problemi compresa la salute, la vita, il benessere, ma abbiamo visto che non c’è risposta a tutto. Ci si può mettere attorno al tavolo anche in famiglia e dialogare tra tutti per come affrontare questi giorni tristi, ma decisivi per cambiare stile, per essere meno tesi al possesso, agli euro e più alla comunicazione, alla solidarietà, all’amicizia, all’amore, alla semplicità, alla stessa povertà portata con dignità, di cui non ci dobbiamo mai vergognare. Si può superare la teoria del lamento e tentare quella della responsabilità? Ci hanno derubato. Che facciamo per non farci più derubare? Rubiamo noi a chi ci fa un lavoro? Paghiamo in nero? Continuiamo a farci le canne per dimenticare? E’ vero che stiamo solo cercando un lavoro, non chiediamo la luna. Il lavoro però è anche impegno creativo di tutti. Nessuno più lavorerà con la testa nel sacco. La vita cristiana dovrebbe averci allenato a dare dignità al lavoro, a farlo diventare una collaborazione col Creatore, a metterci dentro l’anima.

La notte di S. Silvestro non è baldoria per dimenticare, ma festa per ringraziare e forza per cambiare. E’ diventare più vecchi di un anno, è celebrare con un rito il tempo che passa, ma seminare ancora e sempre nuova speranza.

 

+ Domenico Sigalini

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).