Domenica, 06  Dicembre  2020  02:09:38


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


header-vescovo

Messa crismale 2015

13911903084 f27cc520aa kprimo anno della celebrazione del IX centenario della dedicazione della cattedrale.

Siamo tutti convocati, battezzati e presbiteri a celebrare il dono del sacerdozio che Dio ci ha fatto nella persona, vita, passione, morte e risurrezione di Gesù. Qualcosa di grande ci accomuna come popolo santo di Dio: ha fatto di noi un regno, sacerdoti per il suo Dio e Padre. Siamo sacerdoti, re e profeti della nuova alleanza stabilita non nel sangue di capri e tori, ma nel sangue di Cristo, nostro Salvatore. Non è un mistero che si risolve e compie in un culto separato dalla vita, ma che diventa necessariamente: portare il lieto annuncio ai miseri, fasciare le piaghe dei cuori spezzati, proclamare la libertà degli schiavi, la scarcerazione dei prigionieri, la consolazione degli afflitti e promulgare l'anno di grazia del Signore, un giubileo speciale, dedicato alla misericordia di Dio che papa Francesco inaugurerà prima della fine dell'anno.
Tutto il popolo è sacerdotale, ma noi siamo i ministri al servizio di questo sacerdozio comune dei fedeli, siamo chiamati in un ordine ontologicamente diverso a prodigarci per la santificazione di ogni cristiano. Non dobbiamo solo essere riparatori di case sbrecciate, di vite consumate, di esistenze buttate, ma collaboratori di Dio nel portare a santità ogni persona nella gioia del vangelo.
I tempi in cui viviamo sono sempre una sfida nuova per questo nostro compito e a noi tocca essere fedeli al mandato, generosi nell'attuarlo e creativi nell'interpretarlo, con una supplica quotidiana per ottenere l'aiuto dello Spirito Santo. Ci siamo detti nei nostri incontri formativi che oggi la ricerca di religiosità è in aumento. La nostra gente ce lo fa capire quando abbiamo tempo di ascoltarla. Sembra che di questi tempi il sentimento religioso occupi maggiormente la nostra cultura. Purtroppo lo usano i violenti a servizio dei poteri occulti e forti, per seminare odio tra le religioni e provocare dedizioni irrazionali alla loro causa. Stanno trasformando la loro sete di potere in lotta tra le religioni; fanno martiri in ogni appartenenza religiosa per imporre il loro mondo di interessi senza scrupolo. Il resto del nostro mondo non ha le mani pulite in questi massacri e martìri.
La vita delle nostra gente conosce sì stupore, meraviglia, desiderio di ritorno, blanda partecipazione, ma dentro la suadente tentazione di adattare la fede a religione e per di più a bassa intensità. Siamo disposti a credere, a tornare in chiesa se quello che dite, che proponete, che predicate ci accontenta; se abbassate le vostre richieste almeno al buon senso, a quello che dicono tutti, se accettate meno rilevanza pubblica, se vi mettete in angolo e vi fate definire come qualsiasi altra associazione. La chiesa tende ad essere trattata come una onlus: stesse leggi, stesso riconoscimento, stessa rilevanza. Non si tratta solo di economia, ma di concezione della vita di fede. Voi cristiani siete come un club tra i tanti e noi cristiani ci stiamo alla grande a farci rinchiudere in qualche cerchio dorato. Fortuna che papa Francesco non accetta di essere messo all'angolo, anzi ci stimola sempre ad uscire, ad accogliere, a portare la gioia del vangelo a tutti.
In questa grande sfida le nostre comunità parrocchiali giocano un ruolo determinante se sono disposte a:
• non ritenersi autosufficienti Nessuno basta a se stesso. La nostra gente è felice quando ci vede collaborare e lo constato di persona. Sto abitando da dodici mesi nei nostri paesi e nelle nostre città. Non vengo solo a celebrare con le chiese piene per la parata, ma sto con voi anche senza bagno di folla, come sono le nostre parrocchie nella quotidianità, nelle case piene di dolore che, in certe famiglie, sembra più una condanna infinita che una prova temporanea, nella assenza quasi generalizzata di giovani che facciano della fede il centro della loro vita.
• se voi presbiteri sapete di far parte di un presbiterio e assieme collaborate tra voi e con me, vescovo, sempre indegno, come dico convinto nella messa, ma sempre successore degli apostoli e principio impreteribile di unità. Il Signore vi chiede la pazienza di accettarmi, anche se pieno di difetti. Se ci sappiamo incontrare, se riusciamo ancora a crescere assieme, se ci interroghiamo assieme sulla nostra stessa fede, prima ancora che sul lavoro pastorale. La gente ha bisogno di preti che credono in Dio, che si affidano a Lui, che condividono con i confratelli e col vescovo la loro passione annunciatrice della gioia del vangelo
• se il nostro popolo non chiede sconti alla urgenza di una conversione della vita, al cambiamento degli stili di esistenza, a un diverso rapporto genitori- figli rispetto alla fede. I giovani vedono la fede dei genitori spesso come una maschera di perbenismo
• se la nostra gente non è costretta a un facile consumismo religioso, perché non è aiutata a farsi corresponsabile nell'annuncio della fede, nella conduzione della stessa parrocchia, nella sua vocazione laicale, che è chiamata ad essere corresponsabile del vangelo e della vita ecclesiale. Siamo tutti sacerdoti
• se sappiamo uscire nelle periferie sia fisiche che spirituali delle nostre parrocchie. Nessun prete più si illude che la sua gente sia tutta attorno alla chiesa, magari collocata in un luogo difficilmente praticabile, sia per la dispersione delle abitazioni, sia per l'indifferenza dei più alla vita cristiana.
• se riusciamo a fare della Parola di Dio meditata quotidianamente la nostra luce e la nostra forza, se facciamo diventare il vangelo il fulcro delle nostre giornate
• se la preghiera che ci alimenta sono le celebrazioni che dobbiamo fare per dovere con i nostri fedeli, ma anche momenti prolungati e personali nel silenzio della nostra vita donata.
Vi consegno stamane una sorta di lettera pastorale in occasione della celebrazione del nono centenario della dedicazione della nostra cattedrale. Si intitola: la chiesa prenestina ai tempi di papa Francesco", si ispira alla Evangelii gaudium. È fatta in collaborazione anche con laici e riassume tante considerazioni che ci siamo fatti in questi ultimi tempi, tenta di orientare la nostra comunità diocesana sugli insegnamenti di papa Francesco, si pone in una aggiornata lettura dei segni dei tempi, per definire il nostro compito di chiesa e di cittadini, in questa lunga crisi economica che porta ancora tante sofferenze a noi, che spesso non riusciamo a rispondere ai bisogni dei poveri, e alla nostra gente.
Torneremo stasera nelle nostre chiese parrocchiali e celebreremo la cena del Signore, il dono di sé anticipato nel Corpo e Sangue suo e dato a tutti per cibo, forza, compagnia, linfa vitale, laveremo i piedi ai nostri fedeli per dire di nuovo che siamo al loro servizio. Stiamo benedicendo le case e purificando le nostre e le loro vite con il sacramento della confessione. Tutto ci porti con gioia alla Pasqua di Gesù e di ogni uomo di buona volontà.

 

+ Domenico Sigalini, vescovo

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).