Venerdi, 27  Novembre  2020  14:21:40


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


catechesi banner

La Chiesa: luogo della vita e della fede

lectio-magistralis-marzoChiesa che dici di te stessa? hai un centro di tutto il tuo essere?

1. La Chiesa è il luogo della contemplazione di Gesù.

 

Occorre uno spazio in cui un giovane, un ragazzo, un adulto possa dire a qualcuno: voglio avere vita piena, voglio una vita alla grande, non mi interessano le mezze misure, non mi adatto al galateo con cui mi state ingessando la vita. Vivo una vita sola e la voglio vivere al massimo. Non mi dire che bisogna tenere i piedi per terra, che devo cominciare a mettere la testa a posto, che è finito il  tempo delle pazzie. Non voglio limiti, non m’interessa se è una vita spericolata o piena di guai, io voglio vivere una vita piena. 

Ebbene, Gesù lo guardò, ma lui ha abbassato subito lo sguardo; gli stava leggendo dentro un cuore distribuito a brandelli sulle ricchezze che possedeva.

E Gesù allora gli spara una raffica di verbi: Va’, vendi, regala, vieni e seguimi. 

La chiesa, e lo deve essere ogni sua concreta espressione fino alla comunità più semplice e territoriali come la parrocchia,  è lo spazio di questa continua provocazione. Lavora per togliere le fasce dal cuore e far risplendere il volto di Gesù. Lo fa con tanta umiltà, non certo dall’alto di una testimonianza pulita, ben riuscita, ma nel mezzo delle incapacità e fatiche nel credere e nell’affidare a Dio la vita. Se non mette gli uomini di fronte alla raffica di verbi di Gesù non è la chiesa,  ma solo un Mc Donald di oggetti o vaghe emozioni religiose. Ai giovani, agli uomini e alle donne del nostro tempo non propone solo quello che sa vivere, ma anche i sogni e la nostalgia di quello che si vorrebbe essere e che assieme a tutti si tenta di realizzare. 

La chiesa è il luogo in cui la vita cristiana  va proposta per bontà e tenerezza e non per merito. La fede deve dare gusto al vivere. In una società del merito, Cristo è la chiave di volta del sentirsi figli di Dio e del vivere da fratelli. E’ insomma il richiamo a dare alla fede la caratteristica della contemplazione. Siamo chiamati ad offrire il gusto della vita con la stessa forza e impegno con cui proponiamo l’amore tra i fratelli. Questo esige di vivere al cospetto di Gesù, prima di inventare regole. 

Gesù non è un talismano o qualcuno che dobbiamo mettere sulla bilancia per vedere che vantaggi mi possono venire dalla fede in lui, dalle preghiere, dalla vita cristiana.

Qualche sparata giornalistica supportata da ricerche ancor più serie ci avverte che la preghiera fa bene al cuore, che se vai a messa tutte le domeniche abbassi la percentuale di morte per infarto, che chi segue un codice morale ha più salute. Abbiamo proprio ridotto la fede in Gesù alla pubblicità di un prodotto: ti allunga la vita.

Ma Gesù è bello perché è lui, è affascinante perché è lui. Non è un talismano portafortuna, non è una vetrina da rompere in caso di incendio o di pericolo, non è strumentale a nessuna nostra piccola o grande pretesa. Si può star bene anche senza andare a messa alla domenica, si può essere buoni anche senza essere cristiani, si può campare fino a cent’anni senza pregare, si può vivere di ingiustizia tutta la vita e farla franca.

Ma la bellezza di Gesù è un’altra cosa, il suo amore è al di sopra di ogni immaginazione, la gioia che dà non è paragonabile a nessuna cosa al mondo, la sua Parola è una spada che penetra in profondità, la sua vita è pienezza, i suoi sogni sono l’eternità, il suo sguardo è forza, i suoi sentimenti una compagnia, il suo volto è uno squarcio di cielo, le sue mani sono sostegno.

 

Dove si può fare questa esperienza di Gesù?

Il giorno del Signore: un regalo che Dio ha fatto all’umanità.

Se c’è un elemento evidentissimo oggi che permette a tutti gli italiani una visibilità della Chiesa e di ogni sua concretizzazione in comunità cristiana è la domenica. Ma, se guardiamo a come i cristiani vivono la domenica, a quanti partecipano all’Eucaristia, come viene rispettato il riposo festivo, come la gente partecipa alla vita della comunità, siamo avvolti da un mare di problemi e di osservazioni che possono apparire sfiduciate e dare l’idea che siamo al declino: perdita di significato, irrilevanza, routine, strumentalizzazione, ritualità ingessata, complessità sociale, mancanza di partecipazione alla messa soprattutto di alcune categorie di persone. Si potrebbe continuare e non ci si deve chiudere gli occhi di fronte alle difficoltà. Spesso siamo tentati di correre a mettere delle pezze alle incongruenze dei cristiani, a ricompattare chi ci sta (siamo il 10 %? non è poco), a raccogliere firme per inoltrare sacrosante rivendicazioni nei confronti della società. La parrocchia invece, senza fare lo struzzo, che si nasconde la realtà, e senza sdegnare anche richieste pubbliche di rispetto del proprio modo di vivere deve decidere di partire dal centro, dalle “grandi cose” che Dio ha fatto per il suo popolo e da qui illuminare tutta una creatività pastorale e culturale che può aiutare ogni singolo cristiano, l’intera comunità cristiana e la società civile a ripensare la bellezza del giorno del Signore e il grande regalo che Dio con esso ci ha fatto. Si tratta insomma non tanto di difendere un precetto, quanto di gioire di un tesoro, accoglierlo nella sua novità perenne, farlo diventare per i cristiani un fatto determinante, capace di risignificare la vita credente, e fare di tutto per condividerlo.  

Quel primo giorno dopo il sabato, Dio Padre ci ha regalato risorto Gesù il crocifisso, morto e sepolto. Questa è per noi la domenica; è il giorno del Signore, il giorno in cui Dio fa festa al Figlio che risorge e gli dona una umanità rinnovata, è il suo santuario collocato nel tempo. Per questo la domenica non è assimilabile ai giorni sacri delle altre religioni.

Non è una nostalgia, non è un ricordo, non è una commemorazione, perché nel giorno del Signore c’è una esperienza in cui possiamo incontrare già oggi il Risorto: l’Eucaristia. In essa il rapporto tra la resurrezione e il tempo si illumina e la nostra comunità umana si trasforma. Rivivendo i suoi gesti semplici, che ci ha comandato di fare in sua memoria, moriamo e risorgiamo con Lui. Come il pane e il vino diventano il corpo e il  sangue del crocifisso e risorto, così la nostra comunità diventa comunione e corpo di Lui e scandisce di domenica in domenica il ritmo dei giorni fino all’incontro definitivo con Lui. Chi si nutre di Cristo nell’Eucaristia non deve attendere l’al di là per avere vita eterna, ma la possiede già. Dio non ci fa degli inetti, non ci rende impotenti o autosufficienti, ma ci dà il potere di meravigliarci, di stupirci, di dire: sono contento che tu mi hai pensato. E’ il tempo della sinergia. Dio non ci violenta, ma in noi deve scattare l’innamoramento. Il Padre ci mette nella possibilità di dire: io ti amo. Il risorto nel suo giorno non resta inattivo. A noi spetta di consentire a Dio che si infiltri tra le pieghe delle nostre resistenze. La domenica è il suo giorno ed è Lui stesso che la riempie e la salva:  siamo forse noi che non ne siamo convinti. 

 

Come è fatta questa chiesa? Da chi è composta?

2. La Chiesa è popolo sacerdotale, profetico e regale

Oggi nella chiesa in generale la gente pensa così: qui c’è un prete che ha un sacco di cose da fare, deve convertire la gente, deve tenere i ragazzi, deve seguire gli anziani… Poverino! Diamogli una mano altrimenti come fa? Lui ha il peso di tutta la comunità credente, è lui che si scalda per tenere gli uomini un po’ più vicini a Dio, come fa da solo? Si è addossato una bella responsabilità. Il vescovo ha speso tante energie per farlo studiare in seminario, ma ha fatto un bel investimento, questo è l’unico modo per garantire che la Chiesa continui in futuro. E’ il prete che deve annunciare Gesù Cristo e i laici, se si lasciano convincere, possono ascoltarlo e aiutarlo. Ma la religione cristiana è roba da preti. Sembra quasi che Gesù sia morto per i preti e i laici per questo aiutino Gesù a tenerli in piedi. 

Proviamo invece a invertire. Gesù è venuto al mondo per salvarci tutti, è morto perché ogni persona possa essere felice, perché ogni persona sia salva, faccia della sua vita un capolavoro di bontà, di generosità, di vita bella, perché i giovani si prendano in mano la vita e cambino il mondo in un regno di giustizia e di pace. I laici sono il centro dell’amore di Gesù e questo è qualcosa di bello per tutti gli uomini. Sono loro che dicono: questa proposta di Gesù ci interessa. E’ bellissimo vivere con il vangelo. Dobbiamo farlo arrivare a tutti, mettiamoci assieme, leggiamo il vangelo, costruiamo famiglie dedicate a diffondere la sua Parola. Facciamo splendere il vangelo nel lavoro, nello studio, negli affari, nelle nostre relazioni. Dio vuole che il nuovo culto sia la nostra vita, i nostri affetti, il nostro amore, il nostro lavoro…. Il Tempio non c’è più. 

Questo avevano capito gli apostoli. Non erano più andati al tempio a chiedere ai sacerdoti se gli ammazzavano un vitello da offrire a Dio, sapevano che Dio s’aspettava da loro solo comunione di vita e  solidarietà coi fratelli.

Ma come faranno questi uomini a vivere così, quando io non ci sarò più? Si è domandato Gesù. Invento qualcuno che li aiuti al posto mio, che faccia il pastore come l’ho fatto io, che li aiuti ad essere docili allo Spirito… invento i preti. Quindi allora sono i preti al servizio dei laici, non viceversa. I laici hanno un sacerdozio comune, vero, reale, i preti invece hanno un sacerdozio ontologicamente diverso da quello laicale, ma sacramentale, al posto cioè di Gesù. 

La Chiesa allora è una comunità di battezzati che si fanno aiutare dal prete a vivere la comunione e la missione, la bellezza della vita cristiana e la testimonianza. Gli adulti e i giovani stessi sono i responsabili che la chiesa sia per i giovani, non i preti. I giovani devono tenere aperto un oratorio, non i preti; i giovani devono fare associazione, non i preti; i giovani devono dialogare o stanare da tutte le discoteche possibili i loro coetanei, non i preti; i giovani e gli adulti, i ragazzi e le ragazze devono rendere bella la domenica, non i preti; i laici devono darsi da fare per formare i cristiani, non solo i preti (cfr. Azione Cattolica e le varie associazioni); la famiglia educa i figli alla fede, non i preti. 

 

Papa Francesco quando parla di operatori pastorali mette assieme: vescovi, laici, frati, suore, genitori, famiglie, preti e ci sferza tutti così.

 Lui utilizza un altro modo di parlare, altri termini: uscite, andate, non state al balcone, ma buttatevi per strada. Se vi incidentate è sempre meglio della noia che è una malattia mortale.

Preferisco stare dalla parte della configurazione di un membro della chiesa piuttosto che presentare eventuali luoghi e metodi o immagini da dare a questo: Uscite

 

Chi è il cristiano della chiesa di papa Francesco, che fede devono avere?

I cristiani che fanno parte della chiesa sono giovani e adulti che credono e sperano in modo nuovo

La maggioranza dei cristiani è fatta da laici  e laiche che non devono essere collocati dentro una logica strumentale ai bisogni della chiesa, di una parrocchia o di una associazione, ma persone che sono provocate a verificare di continuo la qualità della propria esperienza di fede e la capacità di vivere la speranza cristiana nella loro vita.. E’ importante l’efficienza nell’assolvimento delle eventuali funzioni che vengono richieste, ma occorre prima che si facciano carico della loro stessa fatica di credere e della rigenerazione della loro fede, del deficit di speranza che provano in se stessi e delle piccole speranze che ogni giorno Dio regala alle loro vite e al tessuto delle loro relazioni: ciascuno per primo infatti ha bisogno di una cura nuova per la sua fede, di mettersi davanti al mistero del Signore Risorto e al Vangelo in modo nuovo, ritrovando il sapore della fede e delle parole con cui la si esprime. E di conseguenza farsi carico della non–fede di tanti amici, dell’esplicito rifiuto della fede, della loro disperazione, ma anche della fatica di credere, delle domande che molti rivolgono alla fede e alla vita. E’ come se Dio ci dicesse di vivere la nostra esperienza di fede nel deserto. Non siamo nel mondo come talebani o gente che fa proselitismo. Il deserto ti spoglia, ti riduce all’essenziale ti priva del guardaroba, ti toglie di dosso gli abiti che fino ad oggi hai considerato come assoluti, la nostra identità va ben oltre i paludamenti liturgici o le medaglie di riconoscimento. Siamo nel mondo come nel deserto

In questa prospettiva allora essere testimoni di fede e speranza in Gesù Risorto non è qualcosa di più o di diverso da fare; non sono in primo luogo nuove iniziative o nuove strategie, ma un modo nuovo di credere e di  sperare: 

una fede in uscita è qualitativamente diversa da quella destinata a rimanere nel chiuso della  vita, quella che serve a togliere le nostre ansie, a risolvere le nostre paure e dubbi personali

una fede cin uscita non sopporta compiacimenti narcisistici, ma ha al proprio interno, come tratto costitutivo, di essere luce e sale per tutti; riscopre di non poter vivere senza una compagnia

una fede in uscita deve vigilare sul proprio carattere gratuito: “avete ricevuto gratuitamente, date gratuitamente…” Dobbiamo condividere per gratuità, vigilando sul rischio che la missione si trasformi in quell’esperienza mondana di portare gli altri dalla propria parte, di convincerli per rendere più forte il proprio punto di vista…; non è aumentando il numero dei battezzati o delle persone interessate alla nostra proposta che aumenta la verità di quello in cui crediamo. Siamo disposti a rimanere soli per essere fedeli, soli anche con un Dio che si nasconde; invece siamo soli spesso perché siamo chiusi, ci guardiamo addosso, seppelliamo la fede come il talento della parabola

una speranza e una fede in uscita si pensano sempre in relazione: all’altro, oltre che a Dio. Dunque una fede che fa i conti con le domande; con i bisogni, con i dubbi… dei fratelli. Per farsi comunicabile, conosce la fatica della ricerca di pensieri, di categorie culturali, di parole… adatti a creare la relazione; per rendersi comunicabile, si mette in relazione con le domande; e nel rispondere alle domande, si ridefinisce. La fede cresce con chi la interroga; cresce con chi la condivide; si fa più ricca con chi la pensa; si fa via via più capace di dire il cuore di Dio a un’umanità che si lascia illuminare dal Vangelo e di offrirgli una attesa certa, una speranza appunto. 

Una fede in uscita  fa nascere una speranza  che cambia la vita. O la vita diventa diversa o la speranza è un vago ottimismo. Questo ci può mettere in contrasto con il classico buonismo che ci accomuna tutti e che non ci permette di essere cristiani fino in fondo, di inscrivere nelle relazioni quotidiane un riferimento ai valori cristiani e ai simboli che li esprimono. 

una fede in uscita ha il coraggio di proporre una vita nuova bella, felice, che si sperimenta in prima persona. Per questo occorre guardare dentro le proprie sicurezze di una vita da cristiani, smontarne le certezze non guadagnate nella sincerità di una adesione vera, ridirle per chiunque ci sta attorno con il suo linguaggio e rendergliele sperimentabili in relazioni di comunione e solidarietà esistenziale

una fede in uscita ha il coraggio di programmare l’addestramento alla solitudine. Ognuno realizza la sua testimonianza in un contesto  in cui spesso le persone non hanno una visione cristiana della vita; rispetto a tali persone ci si può sentire in alcuni momenti vicini, in altri lontani ed anche molto soli. Questa solitudine, però, può permettere di guardare più profondamente dentro di sè e di vedere che c’è un tesoro nella vita di ciascuno che non è disponibile nè agli attacchi nè ai conflitti, ma è appunto dentro e costituisce il segreto dell'esistenza,  un tesoro che è presente nella profondità nella nostra vita e che è il mistero della comunione con il Signore. L’ateo e il credente non sono antagonisti: in ogni credente c’è un residuo di dubbio, di non credenza e in tanti atei sinceri il desiderio e la nostalgia di una fede, di una casa come la chiesa.

 

Laici e adulti maturi nella loro vocazione e nella consapevolezza di essa; laici capaci di spendere la maturità della loro fede nei loro normali ambienti di vita e dunque voce della loro comunità dove la comunità con le sue strutture non può giungere. Certo se la parrocchia, nella persona del parroco, si sente missionaria solo delle attività che riesce a tenere sotto il suo stretto controllo, allora questa missionarietà dei laici la farà sentire impotente e inefficace. 

Ma se una comunità ha imparato a credere che ciò che si realizza non è solo quello che passa attraverso la strutturazione delle proprie attività, ma attraverso la maturità della fede dei propri figli, attraverso la loro capacità di condividere il cammino di vita e le inquietudini delle persone di oggi, attraverso la capacità di parole semplici e quotidiane pronunciate davanti alle situazioni e agli interrogativi della vita, attraverso l’esercizio della speranza cristiana nelle disperazioni quotidiane… allora questa comunità ha enormemente ampliato le sue possibilità missionarie, le ha moltiplicate. Molti dei nostri fedeli  fanno parte della comunità senza saperlo o senza volerlo. Se vengono aiutati dalla forza di fratelli che sanno camminare a fianco si aprono alla fede e alla speranza. La fede e la speranza  non sono dei contenuti, delle verità statiche ma sono uno sguardo sulla vita, una dimensione interiore di certezza di sentirsi nelle braccia di Dio sempre. 

Questa è la forza di una Chiesa in uscita. Una diocesi, una chiesa, una parrocchia che affida il suo essere missionaria alla maturità di fede dei suoi laici, adulti, giovani e ragazzi, è una comunità che allarga indefinitamente le proprie potenzialità missionarie: è un comunità che può raggiungere le famiglie; gli ambienti di lavoro; gli spazi della cultura, della vita amministrativa, della scuola, del tempo libero, della stessa trasgressione e sballo. Sono questi laici che costruiscono momenti di unità in cui è possibile raccontare la bellezza e la fatica di questa testimonianza solitaria e dispersa nel mondo (anche i discepoli, dopo essere stati inviati, tornano e raccontano a Gesù che cosa hanno fatto, che cosa è accaduto, com’è andata la missione…); il ritrovarsi attorno all’Eucaristia domenicale come attorno al cuore del proprio essere Chiesa, alla sorgente della propria speranza è un fatto di popolo, non può essere barattabile con coreografie di chierici. E questo ovviamente chiede di verificare la qualità delle celebrazioni della domenica.

 

Un nuovo ruolo della famiglia

Dal punto di vista delle riflessione teorica è da molto tempo che si orienta la riflessione sulla centralità della famiglia nella vita di una comunità cristiana e sulla necessità che sia aiutata ad essere soggetto di vita cristiana e perno della stessa comunità. Si tratta di centralità e compiti non funzionali alla carenza del prete, ma ontologicamente motivati per lo stesso ministero che scaturisce dal matrimonio e dal compito fondamentale dell’educazione in continuazione con la generazione di nuove vite, ma la prassi stenta a trovare modelli di coinvolgimento che non siano ancora solo sostitutivi di una carenza di preti. Forse oggi anche nella nostra diocesi a cominciare dall’aver anticipato il percorso di un cammino incontro a Gesù al primo anno della scuola primaria è l’esperienza ecclesiale fondante che permette di fare un salto di qualità e di sperimentare la centralità della famiglia nella vita della comunità cristiana. Si riconsegna alla famiglia il diritto dovere dell’educazione dei figli anche alla fede, che, forse per comodità, sicuramente per l’ideologia sociologica imperante, le si era sottratto per affidarlo alla parrocchia, ai catechisti, in una sorta di concezione scolastica tardo statalista dell’iniziazione cristiana. Questo esige una diversa impostazione e accentuazione della catechesi per gli adulti, sicuramente una capacità degli adulti e delle famiglie di decidere responsabilmente come approfondire la vita cristiana, sperimentando comunione ancora più intensa attorno all’Eucaristia. Se al centro si pone la famiglia è difficile che si creino ghettizzazioni o frantumazioni della vita della comunità cristiana. Il Consiglio pastorale diventa a questo punto determinante per creare spazi di scambio, di progettualità, di qualificazione, alla ricerca di nuove rappresentanze di gruppi di famiglie, di quartieri, di agglomerati abitativi omogenei, di aggregazioni di famiglie che vivono legami territoriali decisivi.

 

Questa è la chiesa del Nuovo Testamento. I nostri laici sono così nella parrocchia? Si fanno aiutare dal prete a diventare santi, a fare bella la loro comunità o non gliene importa più di tanto? Ci costringono a confessarli, a tenere le braccia sempre aperte nella preghiera mentre loro camminano per il mondo o li abbiamo costretti a starci addosso per turare tutti i buchi dell’organizzazione o a consolarci con dolcetti e pizzette perché temono che senza di loro noi rischiamo la anoressia?  

Vedete come il primo uscire è da noi stessi, da una corazza dura che ci siamo creati anche dentro al chiesa.

 

E’ possibile ancora una comunità ampia che investe nel dare a tutti la possibilità di vivere il vangelo?

Si hanno grosse difficoltà a trovare cristiani disposti a dedicarsi alla comunità, mentre molti sarebbero più disponibili  invece a crearsi una propria comunità che salva loro e quelli del  gruppo o della stessa categoria. E’ utile domandarsi se esistono ancora dei laici “dedicati alla comunità” di tutti, alla semplice esperienza di popolo di Dio, che accomuna ogni categoria di persone, ogni appartenenza forte o debole, ogni condizione sociale e culturale oppure se la comunità cristiana è solo la somma di piccole comunità elitarie. Si sta forse abbandonando un” welfare state” per la chiesa perché troppo oneroso in termini di santità per la vita del cristiano. 

L’unico welfare state della pastorale è la missione. Facciamo l’esempio del mondo giovanile: L’obiettivo di una comunità che crede nel futuro è di sbilanciarsi verso le giovani generazioni e costruire con la loro creatività e corresponsabilità comunità solidali di valori, aspirazioni, sogni, progetti di vita. La stessa esperienza di fede non può essere disponibile per il mondo giovanile solo entro riserve confessionali, ma deve diventare fruibile nei percorsi della vita quotidiana, culturale, artistica, poetica, musicale, letteraria, amicale, produttiva. Questo chiama in causa una figura di laico credente che si spende nel mondo e vi sprigiona la sua santità. Quale è lo spazio garantito a tutti, legato al territorio, al luogo in cui vivi, ti sposti, lavori o studi, che permette a tutti di incontrare l’esperienza della fede, senza costringere e limitare di conseguenza ad appartenenze elitarie? La parrocchia. Chi la tiene aperta così?

 

4. Essere Chiesa promotrice di vocazioni

La chiesa non è riserva esclusiva di alcuni, né una monade chiusa e autoreferenziale e neanche una semplice ripartizione geografica; è una cellula viva caratterizzata da due riferimenti imprescindibili: la Chiesa diocesana e il territorio in cui vive. E’ chiamata per sua natura a mettersi in dialogo con tutte le energie evangelizzatrici presenti nel contesto. Le aggregazioni ecclesiali non possono sentirsi solo ospiti né tanto meno devono essere sopportate, ma vanno accolte e insieme messe in condizione di condividere il progetto pastorale della parrocchia. 

Dicono i nostri vescovi:

Un ulteriore livello di integrazione riguarda i movimenti e le nuove realtà ecclesiali, che hanno un ruolo particolare nella sfida ai fenomeni di scristianizzazione e nella risposta alle domande di religiosità, incontrando quindi, nell’ottica della missione, la parrocchia. La loro natura li colloca a livello diocesano, ma questo non li rende alternativi alle parrocchie. Sta al vescovo sollecitare la loro convergenza nel cammino pastorale diocesano e al parroco favorirne la presenza nel tessuto comunitario, della cui comunione è responsabile, senza appartenenze privilegiate e senza esclusioni. In questo contesto il Vescovo non ha solo un compito di coordinamento e integrazione, ma di vera guida della pastorale d’insieme, chiamando tutti a vivere la comunione diocesana e chiedendo a ciascuno di riconoscere la propria parrocchia come presenza concreta e visibile della Chiesa particolare in quel luogo. La diocesi e la parrocchia favoriranno da parte loro l’ospitalità verso le varie aggregazioni, assicurando la formazione cristiana di tutti e garantendo a ciascuna aggregazione un adeguato cammino formativo rispettoso del proprio carisma. Il discernimento lo fa il vescovo, dentro consultazioni e sinodalità, non il parroco o i singoli fedeli.

Il rapporto più tradizionale della parrocchia con le diverse associazioni ecclesiali va rinnovato, riconoscendo ad esse spazio per l’agire apostolico e sostegno per il cammino formativo, sollecitando forme opportune di collaborazione. Va ribadito che l’Azione Cattolica non è un’aggregazione tra le altre ma, per la sua dedizione stabile alla Chiesa diocesana e per la sua collocazione all’interno della parrocchia, deve essere attivamente promossa in ogni parrocchia. Da essa è lecito attendersi che continui ad essere quella scuola di santità laicale che ha sempre garantito presenze qualificate di laici per il mondo e per la Chiesa.

Il parroco è il primo collaboratore del vescovo e suo rappresentante nella parrocchia. Non può condizionarne la vita pastorale con l’eventuale appartenenza a un movimento. Anima e presiede il consiglio pastorale come luogo di discernimento, progettazione e verifica della vita della comunità ed è responsabile primo della comunione. 

 

 

L’immagine di Chiesa di papa Francesco

 

La Chiesa che papa Francesco sogna deve essere si può riassumere in una specie di decalogo

 

  1. 1. una Chiesa gioiosa a motivo del suo Signore, crocifisso e risorto. La gioia è caratteristica propria dei cristiani ed è indispensabile perché l’annuncio sia attraente e credibile
  2. 2. una Chiesa missionaria, a totale servizio dell’evangelizzazione fino agli estremi confini della terra, decisa a raggiungere gli uomini nelle periferie geografiche ed esistenziali, dove è attesa con ansia una parola di speranza e di salvezza
  3. 3. una Chiesa che non si mondanizza, perché pone al centro non se stessa, le sue iniziative, le sue opere, il suo interesse, ma unicamente la gloria di Dio
  4. 4. una Chiesa luogo della misericordia divina, che sa parlare al cuore delle persone, si china a curare le loro ferite, non si stanca di cercare chi è lontano e disorientato
  5. 5. una Chiesa audace, che riceve dallo Spirito di Dio il coraggio di spendersi per il Vangelo senza cedere a compromessi e senza lasciarsi vincere dalla paura
  6. 6. una Chiesa povera per i poveri; sono i poveri i destinatari privilegiati dell’amore di Dio e dell’annuncio del Vangelo e sono essi in grado di aiutare la Chiesa ad essere sempre più/ conforme e fedele al suo Signore e Maestro
  7. 7. una Chiesa che vuole e che sa stare vicina alla gente. Il papa riconosce il valore e l’attualità della parrocchia, purché “realmente stia in contatto con le famiglie e con la vita del popolo; comunità di comunità, santuario dove gli assetati vanno a bere per continuare a camminare, e centro di costante invio missionario
  8. 8. una Chiesa unita, fraterna, costantemente impegnata nel ricercare e realizzare l’unità tra tutti i suoi membri, con gli altri cristiani e, in cerchi concentrici, con tutti gli uomini 
  9. 9. una Chiesa a servizio del bene comune e della pace, perché sia dato a tutti accesso ai beni materiali e spirituali per una vita umana dignitosa, che non emargini e non escluda nessuno
  10. 10. una Chiesa vigilante, che “non si lascia rubare né la speranza, né il Vangelo, né l’ideale dell’amore fraterno, né la forza missionaria”.

 

+ Domenico Sigalini

 

 

 

vangelo-in-famiglia-del-1-novembre-2020L'Ufficio Catechistico delle Diocesi di Tivoli e di Palestrina in collaborazione con il Laboratorio Teatrale "L'Officina dei Talenti" della Diocesi di Tivoli, propongono i sussidi per i catechisti per aiutare ragazzi e famiglie a vivere la Solennità di Tutti i Santi (Anno A) - 1 novembre 2020.   DOWNLOAD -> Vangelo in famiglia 1 novembre 2020           VIDEO
incontri-formativi-online-per-catechistiL’Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Tivoli e l’Ufficio Catechistico di Tivoli e Palestrina hanno organizzato due incontri di formazione rivolti ai catechisti ed educatori per prepararsi ad accompagnare le famiglie e i ragazzi anche in estate nella crescita della fede. Si svolgeranno in modalità webinar, ossia in Videoconferenza, e precisamente nei giorni di lunedì 8 e lunedì 15 di giugno alle ore 21,00. Prima di partecipare occorre scaricare l’applicazione della Piattaforma Google Meet. Si può fare con qualsiasi dispositivo elettronico...
dicasaincasa-per-raccontare-l-amore-di-dioL'Azione Cattolica della Diocesi di Tivoli, in collaborazione con gli Uffici Catechistici delle diocesi di Tivoli e di Palestrina, propone un percorso, giorno dopo giorno, del Grest da fare in casa. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sul sito: https://www.activoli.it/dicasaincasa/             VIDEO DI PRESENTAZIONE  
la-promessa-di-gesu-preghiera-catechesi-caritaGli Uffici Catechistici della Diocesi di Tivoli e di Palestrina in collaborazione con la Caritas propongono i sussidi per svolgere la Preghiera sul Vangelo della Sesta Domenica di Pasqua 17 maggio 2020.     DOWNLOAD -> Vangelo in famiglia 17 maggio 2020                               VIDEO
triduo-pasquale-2020-schemi-preparati-da-ufficio-liturgico-diocesanoPubblichiamo gli schemi preparati dall'ufficio liturgico per celebrare il Triduo pasquale nelle parrocchie delle diocesi di Palestrina e di Tivoli, dove, come per la Domenica delle palme, si celebrerà a porte chiuse. Essi tengono conto delle disposizioni della Chiesa universale, Italiana e diocesana e faciliteranno i sacerdoti nel celebrare dignitosamente il cuore dell'anno liturgico.   DOWNLOAD -> Schemi per Triduo Pasquale
schede-per-vivere-il-triduo-pasquale-in-famigliaGli uffici Catechistici della Diocesi di Palestrina e di Tivoli propongono il materiale per svolgere l’incontro settimanale di catechesi sul Vangelo del Triduo Pasquale in sinergia tra famiglie e catechisti.   DOWNLOAD -> Scheda per il Triduo Pasquale -> Catechesi restando a casa
scheda-per-vivere-la-domenica-delle-palme-in-famigliaGli uffici Catechistici della Diocesi di Palestrina e di Tivoli propongono il materiale per svolgere l’incontro settimanale di catechesi sul Vangelo della domenica in sinergia tra famiglie e catechisti.   DOWNLOAD -> Scheda per la Domenica delle Palme -> Catechesi restando a casa
proposta-per-prepararsi-a-vivere-la-domenica-delle-palme Quest’anno a causa dell’emergenza covid-19, non sarà possibile partecipare alle celebrazioni previste per la settimana santa, pertanto vorremo lanciare una iniziativa per la Domenica delle Palme. Non potendo ricevere il tradizionale ramoscello di ulivo benedetto, si propone di farlo disegnare ai bambini, ed esporlo dalle proprie abitazioni domenica delle palme 5 aprile 2020.    DOWNLOAD -> Proposta per la Domenica delle Palme -> Catechesi restando a casa
scheda-per-vivere-in-famiglia-la-v-domenica-di-quaresimaProponiamo il materiale per svolgere l’incontro settimanale di catechesi sul Vangelo della domenica in sinergia tra famiglie e catechisti.   DOWNLOAD -> Scheda per la V Domenica di Quaresima -> Catechesi restando a casa
catechesi-restando-a-casaMATERIALI UTILI Si propongono per questo tempo particolare alcuni materiali utili per la preghiera e per la catechesi a casa contando sulla vicinanza morale e spirituale dei catechisti disponibili ad accompagnare a distanza ma concretamente le famiglie.   SCHEDE PER LA DOMENICA -> Vangelo in famiglia 26 Aprile 2020 -> Vangelo in famiglia 19 Aprile 2020-> Scheda per il Triduo Pasquale -> Scheda per la Domenica delle Palme-> Scheda per la V Domenica di Quaresima -> Scheda per la IV Domenica...
ritiro-spirituale-dei-catechisti-e-degli-accompagnatori-dei-genitoriIl giorno 8 marzo 2020 dalle ore 15,00 alle 19,00 si svolgerà il Ritiro spirituale di Quaresima dei catechisti e degli accompagnatori dei genitori guidato dal Vescovo Mauro. L’appuntamento è alle ore 15,00 presso il Centro di Spiritualità Nostra Signore del Cuore di Gesù a San Bartolomeo di Cave in Via Cesiano, 20.   DOWNLOAD -> Locandina    
assemblea-diocesana-dei-catechisti-2020La nostra Chiesa Diocesana si prepara a vivere un momento bello di incontro e di riflessione. I catechisti e gli accompagnatori dei genitori di Tivoli e di Palestrina che, con impegno e generosità, vivono il servizio della catechesi e l’accompagnamento dei genitori nella riscoperta della loro missione educativa, sono invitati all’Assemblea annuale, Domenica 19 gennaio 2020 presso il Santuario Nostra Signora di Fatima, in San Vittorino Romano.“Voi pietre vive” per essere Chiesa attraente, questo il tema del pomeriggio. A proporre...
vivere-in-casa-la-novena-in-preparazione-al-nataleLa casa è luogo importante per educare! La casa è il luogo dove vivere le esperienze educative più significative: è il luogo della quotidianità e dell’intimità. Essenziale è fare insieme, cioè coinvolgersi concretamente e direttamente nelle esperienze educative, che permettono al bambino di condividere con le figure più importanti, il papà e la mamma, momenti ed esperienze che rimarranno impresse nel suo cuore. Importanti, per la vita del bambino, sono i rituali: momenti vissuti con lo stesso ritmo: stesso tempo,...
animare-la-speranza-disturbi-dello-spettro-autisticoSabato 16 novembre 2019 dalle ore 10,00 alle ore 12,00 presso la Parrocchia di Gesù Redentore di Palestrina si svolgerà un incontro formativo per i catechisti e per tutte le persone interessate alla dimensione di vita della “Sindrome dello Spettro Autistico”.   DOWNLOAD -> Locandina -> Lettera ai parroci e ai catechisti sulla finalità dell’incontro.
discepoli-testimoni-corso-di-formazione-per-catechistiL’ufficio catechistico diocesano propone per i catechisti il Corso di formazione intitolato «Discepoli-testimoni» curato e attuato dall’equipe diocesana catechistica che verrà nella parrocchia a richiesta del parroco e dei catechisti. Il corso ha la finalità principale di sostenere il Mandato di ogni catechista offrendo alcuni elementi essenziali per la comunicazione della fede ed ha una struttura flessibile, di modo che ogni parrocchia possa scegliere il modulo o i moduli che ritiene più rispondenti alle proprie esigenze...
cammino-di-accompagnamento-degli-adulti-alla-cresimaCOME PIETRE VIVE, FORMATE IL TEMPIO DELLO SPIRITO SANTO (1 Pt 2,5).   Il giorno 30 marzo 2020 alle ore 20,30 presso il Caffè letterario in Via Della Vittoria, 21 a Palestrina inizierà il percorso per la Celebrazione della Cresima nella Basilica Cattedrale di Sant’Agapito del 22 Maggio 2020. Il cammino di catechesi intende aiutare gli adulti che desiderano celebrare questo Sacramento a riscoprire o rafforzare il senso della fede per la propria vita personale e a sentirsi chiamati ad essere nella Chiesa «pietre vive» e non solo...
eletti-e-pellegriniIl giorno 26 ottobre 2019 presso la parrocchia di Gesù Redentore a Palestrina si svolgerà una Giornata di riflessione biblico-pastorale sulla Prima lettera di Pietro secondo questo programma:   9,30: Arrivi e accoglienza 10,00: Preghiera iniziale. Presentazione della giornata e modalità di lavoro 10,30: Conosciamo la Prima lettera di Pietro. Introduzione alla lettera. 11,15: Laboratori in...
pellegrinaggio-diocesano-dei-fanciulli-e-dei-ministranti-alla-madonna-del-buon-consiglioQuest’anno il pellegrinaggio diocesano di tutti i fanciulli della catechesi di iniziazione cristiana in cammino verso la Prima Eucaristia, quindi da 6 a 11 anni, e dei Ministranti, insieme al Vescovo Mauro, si svolgerà sabato 4 maggio. Come è nostra abitudine da alcuni anni accompagniamo i fanciulli al Santuario della Madonna del Buon Consiglio di Genazzano per vivere insieme a loro un momento di gioia nella fede ed affidarli al cuore materno di Maria. Staremo insieme dalle 9,00 alle 12,30. Invitiamo a partecipare anche le famiglie...
af-fidarsi-con-coraggio-pellegrinaggio-ragazzi-in-cammino-verso-la-cresimaIl giorno 30 marzo 2019 si svolgerà il Pellegrinaggio diocesano dei ragazzi in cammino verso la Cresima all’Abbazia delle Tre Fontane, luogo del martiro di San Paolo, e alla Basilica di San Paolo fuori Le Mura, dove San Paolo è sepolto. Il tema della giornata è Af-fidarsi, con coraggio. All’interno del pellegrinaggio si celebrerà il Rito della Consegna del Simbolo apostolico ai cresimandi, presieduto dal vescovo diocesano Sua Ecc.za Mons. Mauro Parmeggiani.   DOWNLOAD -> Locandina -> Finalità e Programma -> Libretto...
ritiro-spiriturale-di-quaresima-per-operatori-pastoraliDomenica 17 marzo 2019 dalle ore 15,00 alle ore 19,00 a  Cave (loc. San Bartolomeo)presso il Centro di Spiritualità “Nostra Signora del Cuore di Gesù” (Via Cesiano, 20) si svolgerà il Ritiro Spirituale nel tempo quaresimale per tutti gli Operatori Pastorali, alla presenza del Vescovo Mauro Parmeggiani. Dopo una meditazione proposta dal Vescovo, ci sarà un prolungato momento di adorazione eucaristica.   DOWNLOAD -> Lettera di Invito e programma dettagliato -> Locandina-> Libretto Liturgico
quello-che-non-ho-mai-detto-io-il-mio-autismo-e-cio-in-cui-credo-catechesi-inclusivaSabato 23 Marzo 2019 dalle ore 17:30 alle ore 19:30 si svolgerà presso la Parrocchia di San Giuseppe in Piazza Giulio Cesare a San Cesareo un incontro formativo sulla catechesi inclusiva. Dopo l’incontro formativo tenutosi a Novembre, centrato sulla sensibilizzazione all’inclusività delle persone con disabilità, desideriamo ora approfondire il percorso lasciandoci interpellare dai ragazzi con la “Sindrome dello Spettro Autistico”. E’ un tema che ci potrebbe spaventare dato che non conosciamo la realtà del fenomeno. Per questo, prima di...
incontri-di-formazione-per-catechistiL’equipe dell’ufficio catechistico diocesano ha approntato un percorso di formazione per i catechisti da svolgersi nelle singole parrocchie o nelle Vicarie. Per venire incontro alle diverse esigenze formative è stato suddiviso in moduli: si possono scegliere uno o più moduli e per ogni modulo da 1 a 3 incontri. Il percorso intero ha la durata di due anni.   Per avere consapevolezza del percorso cliccare nel link sottostante, e contattare Gabriele Lunghini per informazioni e iscrizioni.   DONWLOAD -> Depliant Percorso...
cresima-adulti-del-24-maggio-2019In quest’anno pastorale è stato predisposto un altro percorso di preparazione alla CRESIMA DEGLI ADULTI che verrà celebrata dal Vescovo Sua Ecc.za Mons. Parmeggiani il giorno 24 maggio 2019 alle ore 19,00 nella Basilica Cattedrale di Sant’Agapito. Le iscrizioni entro l’8 aprile 2019 sono da comunicare a Gabriele Lunghini al numero privato 3295651404 o al numero della Curia 06 9534428 oppure all’indirizzo e-mail: catechesi@diocesipalestrina.it   DOWNLOAD -> Scarica il Depliant che illustra il percorso e presenta il calendario...
catechesi-e-disabilita-un-percorso-inclusivoIl 24 Novembre 2018 dalle ore 16 alle ore 18 presso il Santuario della Madonna di Colle di Maggio in via San Martino Annunziata ad Olevano romano si svolgerà un incontro formativo nell'ambito della riflessione sull'iniziazione cristiana con le persone con disabilità. Dopo gli approfondimenti degli anni precedenti su questi temi e in sinergia con il cammino pastorale annuale sul tema dell’ascolto, desideriamo convergere in tale percorso attraverso un incontro formativo. Tale iniziativa ci permette di continuare il cammino coinvolgendo...
ottobre-biblico-2018-l-ascolto-e-la-porta-d-accessoPer quest’anno pastorale il settore dell’apostolato biblico (SAB) propone un percorso di formazione per catechisti e operatori pastorali sull’approfondimento della Parola di Dio nella vita personale e nella catechesi sul tema L’ascolto è la porta di accesso. “Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese”. Gli incontri saranno guidati da Tomassi Nazzareno con l’equipe del SAB diocesano. L’obiettivo del percorso: promuovere una lettura attenta di alcuni testi del libro dell’Apocalisse come approfondimento del tema pastorale...
assemblea-diocesana-dei-catechisti-e-mandatoIl giorno 5 ottobre 2018 dalle 18 alle 21 presso la parrocchia di “Gesù Redentore” di Palestrina in  via della Sterpara, s.n.c. si svolgerà l’assemblea annuale dei catechisti presieduta dall’amministratore apostolico Sua Ecc.za Mons. Mauro Parmeggiani, all’interno della quale verrà celebrato il mandato ai catechisti. L’assemblea sarà articolata in tre momenti: Ascolto della Parola di Dio; Ascolto fraterno: dialogo; Ascolto e missione: il mandato ai catechisti.   DOWNLOAD-> Locandina -> Libretto della...
laboratorio-sul-discernimento-per-educatori-catechisti-e-animatoriDalla sinergia tra Scuola teologica, uffici diocesani di Catechesi, pastorale della famiglia, pastorale giovanile e vocazionale nasce l'idea di un laboratorio di discernimento, per educatori, catechisti e animatori.L'appuntamento è per lunedì 4 giugno, alle ore 18, presso la sede della Scuola di teologia, a Cave, parrocchia di San Carlo, per un incontro a cui parteciperanno anche gli autori dei due volumi "Giovani,fede e vocazione" e "Un viaggio chiamato vita ...la tua". Una nuova tappa che si aggiunge al cammino in preparazione al...
percorso-di-fede-nell-inclusivitaSubito dopo il convegno nazionale dei direttori e collaboratori degli uffici catechistici diocesani, si è tenuto presso la Domus Pacis ad Assisi, dal 27 al 28 aprile, il seminario nazionale del settore per la catechesi delle persone disabili, dal tema "Iniziazione Cristiana: un percorso inclusivo".  Padre Giulio Michelino (biblista) ha aperto il seminario nel pomeriggio del 27 con il tema, sulla base di Evangeli Gaudium (53), su Come passare dall'esclusione all'inclusione e quali sono i presupposti teologici per arrivare...
pellegrinaggio-dei-fanciulli-alla-madonna-del-buon-consiglio-di-genazzanoQuest’anno il pellegrinaggio diocesano di tutti i fanciulli della catechesi di iniziazione cristiana fino al quinto anno della Scuola primaria, quindi da 6 a 11 anni, si svolgerà il 21 aprile. Come è nostra abitudine da alcuni anni accompagniamo i fanciulli al Santuario della Madonna del Buon Consiglio di Genazzano. Staremo insieme dalle 9,00 alle 12,30 con la guida dell’Amministratore apostolico Sua Ecc.za Mons. Mauro Parmeggiani.   Il tema del pellegrinaggio ha una forte impronta vocazionale e missionaria ed è racchiuso nella...
attra-verso-la-disabilitaSabato 17 marzo 2018 dalle ore 16,00 alle ore 19,00 presso la sede dell’Unitalsi in Via Della Vittoria, 15 a Palestrina si svolgerà il primo incontro formativo sul tema dell’Iniziazione cristiana delle persone con disabilità.   Il modulo, che prevede tre incontri, si prefigge di individuare delle risposte concrete alle diverse situazioni che si presentano nelle parrocchie nell’ambito dell’Iniziazione cristiana, connessa alla preparazione ai sacramenti della prima Eucaristia e della Confermazione, dei ragazzi che presentano delle...
ritiro-quaresimale-per-operatori-pastoraliIl prossimo18 febbraio 2018 a San Bartolomeo di Cave presso il Centro di Spiritualità “Nostra Signora del Cuore di Gesù” (Via Cesiano, 20, dalle ore 15,00 alle 19,00) si svolgerà il Ritiro Spirituale Quaresimale per tutti gli Operatori Pastorali. Saremo guidati nella preghiera e nella riflessione dall’Amministratore Diocesano Sua Ecc.za Mons. Mauro Parmeggiani.   “Ancora una volta ci viene incontro la Pasqua del Signore! Per prepararci ad essa la Provvidenza di Dio ci offre ogni anno la Quaresima, «segno sacramentale della...
5a-marcia-per-la-vita “Il Vangelo della vita, gioia per il mondo” questo il tema della 40ª Giornata nazionale per la vita che si celebra domenica 4 febbraio. L’ ufficio famiglia della diocesi in collaborazione con ufficio catechistico ed Azione cattolica ha organizzato per il 4 febbraio 2018 una marcia, alla sua V edizione; a questo evento si preparano insieme agli adulti anche  i ragazzi con i loro catechisti.   Il corteo, cui prenderà parte anche monsignor Parmeggiani, prenderà le mosse alle 11,15 da Piazza Italia (parcheggio Conad), a...
dedicato-a-te-pellegrinaggio-dei-cresimandi-e-dei-neo-cresimati-alla-cattedrale-di-sant-agapitoSabato 16 dicembre 2017 alle ore 18,00 nella Basilica Cattedrale di Sant’Agapito di Palestrina, a conclusione del triennio di preparazione, celebreremo solennemente il  900° anniversario della Dedicazione della Chiesa Madre della nostra Diocesi. Come catechisti ci siamo preparati in modo particolare a questo evento, in quest’anno 2017, accompagnando i ragazzi di tutte le parrocchie a celebrare il Sacramento della Cresima nella Cattedrale. Per confermare e rinvigorire ancora una volta anzitutto noi, in prima persona, il nostro legame...
ottobre-biblico“Rivelazione, fede e vita nel Vangelo di Giovanni”. Gli incontri saranno guidati da Tomassi Nazzareno coadiuvato dall’equipe del Settore dell’apostolato biblico diocesano (SAB). Per quest’anno pastorale si propone un percorso di formazione per catechisti e operatori pastorali sull’approfondimento della Parola di Dio nella vita personale e nella catechesi.  Gli obiettivi del percorso sono quelli di promuovere una lettura narrativa di alcuni testi del Vangelo di Giovanni e di analizzare alcuni esempi di narrazione biblica nei...
assemblea-diocesana-dei-catechistiAssemblea di tutti i catechisti della Diocesi presieduta da Sua Ecc.za Mons. Mauro Parmeggiani in Cattedrale il giorno 22 settembre 2017 alle ore 18,00.   Quest’anno la ripresa delle attività catechistiche parrocchiali sarà preparata da un momento diocesano particolarmente significativo. Ci riuniremo in assemblea plenaria, vale a dire di tutti i catechisti della Diocesi insieme ai presbiteri, per la prima volta con l’Amministratore apostolico Sua Ecc.za Mons. Mauro Parmeggiani, il quale presiederà l’incontro e ci...
verso-mariaVERSO MARIA PER METTERE DIO AL PRIMO POSTO. Pellegrinaggio dei fanciulli dell’iniziazione cristiana alla Madonna del Buon Consiglio di Genazzano: 24 giugno 2017 dalle 9,00 alle 12,30. Quest’anno il pellegrinaggio diocesano di tutti i bambini della catechesi di iniziazione cristiana fino al quinto anno della Scuola primaria (diciamo per semplificare: i bambini di tutti gli anni della Comunione) si svolgerà il 24 giugno. Come l’anno scorso andremo a Genazzano dalla Madonna del Buon Consiglio e staremo insieme dalle 9,00 alle 12,30. Oggi,...
ritiro-di-quaresima-degli-operatori-pastorali-2017La parabola del ricco epulone e del povero Lazzaro (Lc 16,19-31) per una Quaresima aperta all’altro e di risveglio della vita e della fede.     Premessa Mettiamoci di fronte alla costante che ci deve accompagnare durante l’esperienza quaresimale:  La passione e morte di Gesù: tempo del dolore e della tentazione, della fedeltà oltre ogni ragione plausibile, causa e forza del nostro risveglio.   Nella vita c'è spesso il tempo della prova, del dolore. I credenti sanno che occorre sempre ricominciate da capo,...
la-chiesa-luogo-della-vita-e-della-fedeChiesa che dici di te stessa? hai un centro di tutto il tuo essere? 1. La Chiesa è il luogo della contemplazione di Gesù.   Occorre uno spazio in cui un giovane, un ragazzo, un adulto possa dire a qualcuno: voglio avere vita piena, voglio una vita alla grande, non mi interessano le mezze misure, non mi adatto al galateo con cui mi state ingessando la vita. Vivo una vita sola e la voglio vivere al massimo. Non mi dire che bisogna tenere i piedi per terra, che devo cominciare a mettere la testa a posto, che è finito il  tempo...
annunciare-la-parola-che-ci-plasmaSettore del Servizio per l’apostolato biblico.    Riprendono gli incontri di lettura narrativa della Sacra Scrittura nei giorni di sabato 4, 11 e 18 marzo 2017 dalle ore 16,00 alle ore 18,00 presso il “Caffè Letterario Punto a Capo” Viale della Vittoria, 17 a Palestrina.   A seguito di una diffusa richiesta, l’equipe del Settore per l’apostolato biblico, guidata da Nazzareno Tomassi, ha pensato di proporre una seconda serie di incontri sulla lettura narrativa della Sacra Scrittura. Questa volta i laboratori saranno...
lettera-del-vescovo-ai-cresimandi-2017“Con il sacramento della Confermazione i battezzati proseguono il cammino dell'iniziazione cristiana. In forza di questo sacramento, essi ricevono l'effusione dello Spirito Santo, che nel giorno di Pentecoste fu mandato dal Signore risorto sugli Apostoli” (cfr. Rituale della Confermazione n. 1). Nella Lettera ai cresimandi, di seguito riportata, il Vescovo esprime il desiderio di poter celebrare il Sacramento della Cresima per tutte le parrocchie, nella Cattedrale di S. Agapito, proprio per dare risalto al IX centenario della...
la-sacra-scritturaIncontri di formazione per catechisti e operatori pastorali La Sacra Scrittura, anima e “libro” della catechesi, Settore del Servizio per l’apostolato biblico.  Referente Tomassi Nazzareno Temi proposti:  Lettura narrativa della Bibbia e catechesi:  fondamenti biblici e metodologici.  Prospettive pastorali. Esperienza di lettura narrativa di testi biblici.  Esempi di narrazione nei catechismi.   Giorni: sabato  15 ottobre, 22 ottobre, 5 novembre 2016 Ore 16,00 - 18,00 Presso “ Punto e a...
lectio-magistralisIl Vescovo Sua Eccellenza Monsignor Domenico Sigalini interverrà alla Scuola diocesana di formazione teologica “Santi Porfirio e Anastasio” sul tema La Chiesa ringiovanisce  I doni gerarchici e i doni carismatici nella Chiesa. LUNEDÌ17 ottobre 2016 ore 18,00 Presso la Parrocchia di “S. Bartolomeo e Santissima Trinità” di S. Bartolomeo di Cave, Via della Selce, S. Bartolomeo di Cave.         Visualizza la locandina              
educare-alla-vitaConvegno catechistico diocesano Sabato 3 settembre dalle 14 alle 20 presso l’Auditorium «Pierluigi » di Palestrina, i catechisti della diocesi si riuniranno a convegno per pregare e lavorare insieme sul tema del rinnovamento della catechesi. È specifico di un «Convegno ecclesiale » essere non solo un evento che raduna persone per discutere su un argomento scelto, bensì, oltre a questo, un evento che esprime in tutte le sue fasi la corresponsabilità dei convocati come realizzazione della fraternità cristiana.Questo convegno in...
verso-il-convegno-catechistico-diocesano“Usciamo, usciamo ad offrire a tutti la vita di Gesù Cristo”(Evangelii Gaudium, 49)   Nel pomeriggio di sabato 3 settembre 2016 a partire dalle 14,00 fino alla celebrazione della S. Messa presieduta dal nostro Vescovo alle ore 19,00, si svolgerà a Palestrina presso l’Auditorium “Pierluigi” in Via delle Monache, 2 un Convegno catechistico diocesano sul rinnovamento dell’Iniziazione cristiana. L’evento è un motivo di gioia, perché questo convegno diocesano rappresenta un’occasione preziosa per ribadire l’importanza della...
terzo-incontro-formativo-per-la-catechesi-dei-disabiliIl giorno 29 aprile 2016 alle ore 19, dopo i primi due incontri formativi vissuti ad Olevano e a Gallicano, ci ritroviamo per il terzo presso la parrocchia della Sacra Famiglia di Palestrina. "La Misericordia, il Giubileo e le persone disabili" sarà il tema che vogliamo analizzare, utilizzando anche il documento "Predicate il Vangelo ad ogni creatura" dell’Ufficio catechistico di Torino che è stato già inviato via mail ad ogni catechista e che durante i nostri incontri sarà disponibile in forma cartacea. Intanto credo possa essere utile...
lectio-magistralis-2016Lunedì 14 marzo 2016, ore 18,00 in Curia."Sposarsi oggi in Chiesa. Aspetti pastorali e giuridici del matrimonio cristiano". Il vescovo Sua Ecc.za Mons. Sigalini Domenico interverrà alla Scuola diocesana di formazione teologica "Santi Porfirio e Anastasio" per una lectio magistralis sul tema della scelta di sposarsi in Chiesa.Tutti i fedeli sono invitati a partecipare, in modo particolare gli operatori pastorali.E' possibile parcheggiare nel cortile della Curia.   Visualizza e scarica la...
avviso-per-tutti-i-catechisti-della-diocesi-di-palestrinaIl giorno 26 febbraio alle ore 19,00 ci ritroviamo per il secondo incontro formativo di quest'anno, presso la parrocchia di Sant'Andrea Apostolo di Gallicano. "La famiglia con persone disabili e la comunità ecclesiale" sarà il tema che vogliamo analizzare, utilizzando anche il documento "Predicate il Vangelo ad ogni creatura". Intanto credo che possa essere utile condividere queste brevi riflessioni. "Al sacerdote, all'intera comunità cristiana le famiglie delle persone disabili non chiedono soluzioni e risposte alle domande e ai...
camminare-nella-misericordiaVademecum per la preparazione al Giubileo dei Catechisti del 25 settembre 2016 L'Ufficio Catechistico Nazionale della CEI, insieme con il corrispondente organismo francese, vuole proporre questo sintetico dossier per accompagnare i catechisti nella riscoperta del significato della Misericordia e perché possano viverla sempre più nella loro azione pastorale parrocchiale e diocesana.Il dossier è diviso in tre parti: la prima, richiamandosi al Magistero e alla tradizione della Chiesa, riprende gli aspetti teologici fondamentali della...
laboratorio-bartimeoAppuntamento a giovedì 26 novembre alle ore 20, presso la parrocchia San Rocco in Olevano Romano. "L'accoglienza dei disabili dentro la comunità parrocchiale" il titolo del nuovo incontro del modulo formativo per la catechesi delle persone disabili.   Visualizza e scarica la LOCANDINA    
lectio-magistralis-del-vescovoScuola formazione teologica di base Lunedì 12 ottobre 2015 alle ore 18, presso la Curia Diocesana di Palestrina, monsignor Sigalini Domenico terrà una lectio magistralis alla Scuola diocesana di formazione teologica «Santi Porfirio e Anastasio» sull'Enciclica «Laudato si» di Papa Francesco. Tutti i fedeli sono invitati a partecipare, in modo particolare gli operatori pastorali.    
catechisti-con-il-vescovo-per-il-convegno-diocesanoIl giorno 28 settembre alle ore 21,00 i catechisti si ritrovano insieme al Vescovo in Cattedrale per iniziare l'anno pastorale catechistico, che quest'anno in particolare sarà attraversato dalla grazia del Giubileo della misericordia. Quest'anno il tradizionale incontro coincide con l'inizio del Convegno diocesano e avrà come tema questo: "Uomo e donna raccontati da Dio". Al termine della serata verrà presentato il programma catechistico annuale con le iniziative formative per i catechisti e i meeting proposti per i ragazzi della...
lectio-magistralis-lettera-pastoraleScuola di formazione teologica “Santi Porfirio e Anastasio” presentazione della Lettera pastorale “La Chiesa prenestina ai tempi di Papa Francesco”- Lunedì 13 aprile 2015 ore 18,00- Sala dei Cardinali della Curia Diocesana. Come rispondere ai nuovi segni dei tempi: crisi della società, dell’economia, della democrazia, dell’umanesimo e di una religione omologata al mondo e a bassa intensità? Sono queste le questioni che vengono affrontate in chiave di evangelizzazione dal nostro Vescovo nella terza lettera pastorale “La Chiesa prenestina...
bartimeo-marzo-2015Modulo formativo invernale per la catechesi delle persone disabili: 1 e 8 marzo 2015 presso la Parrocchia di S. Maria di Cave dalle 15,00 alle 18,00. Cari amici e fratelli catechisti,abbiamo preso degli impegni e gradualmente cerchiamo di viverli. La Locandina che vi presentiamo ci proietta con slancio e con gioia ai prossimi appuntamenti a Cave per i giorni 1 e 8 marzo p.v. Avremo tante ricchezze da scambiarci per crescere, avremo delle testimonianze significative e c'è solo da partecipare, noi vi aspettiamo.   Suor...
ritiro-spirituale-di-quaresima-di-tutti-gli-operatori-pastorali-2"La migliore motivazione per decidersi a comunicare il Vangelo è contemplarlo con amore, è sostare sulle sue pagine e leggerlo con il cuore. Se lo accostiamo in questo modo, la sua bellezza ci stupisce, torna ogni volta ad affascinarci. Perciò è urgente ricuperare uno spirito contemplativo, che ci permetta di riscoprire ogni giorno che siamo depositari di un bene che umanizza, che aiuta a condurre una vita nuova. Non c'è niente di me¬glio da trasmettere agli altri". Papa Francesco, Evangelii Gaudium, 264.   Domenica 22 febbraio...
lectio-magistralis-del-vescovo-sul-tema-paolo-vi-presenta-cristo-ai-giovaniIn occasione della Beatificazione di Paolo VI il Vescovo, Sua Ecc.za Mons. Sigalini Domenico, ha tenuto il giorno 17 ottobre 2014 una Lectio magistralis alla Scuola di Formazione Teologica della Diocesi di Palestrina "SS. Porfirio e Anastasio" dal titolo: Paolo VI presenta Cristo ai giovani. Mettiamo a disposizione il testo dell'intervento del Vescovo.   Scarica qui.        
lectio-magistralis-del-vescovo-2Ufficio catechisticoIn occasione della Beatificazione di Paolo VI, il Vescovo, Sua Ecc.za Mons. Sigalini Domenico, terrà una Lectio magistralis ,alla Scuola di Formazione Teologica della Diocesi di Palestrina "SS. Porfirio e Anastasio" dal titolo: Paolo VI presenta Cristo ai giovani. L'incontro,venerdì 17 alle ore 18.00 in Curia, a cui tutti sono invitati, particolarmente i catechisti e gli operatori pastorali, riveste un'importanza particolare per il tema e il momento storico ecclesiale della Beatificazione di Paolo VI.   Scarica...
incontriamo-gesu-e-partiamo-dalla-sacra-scrittura-2Ufficio Catechistico Diocesano Incontrando i catechisti della Diocesi il 1 ottobre in Cattedrale in occasione dell'inizio dell'anno catechistico, il Vescovo ha pronunciato un discorso sull'identità e la missione del catechista alla luce del Documento dei Vescovi "Incontriamo Gesù" sugli orientamenti per l'annuncio e la catechesi in Italia. Siamo a poco tempo dalla settimana biblica che come diocesi abbiamo vissuto e almeno proposto con molta decisione ...Scarica il testo     
incontriamo-gesuConferenza Episcopale Italiana- "INCONTRIAMO GESU'"- Orientamenti per l'annuncio e la catechesi in Italia, testo fondamentale per l'evangelizzazione e per la catechesi che accompagnerà il cammino di tutti gli operatori pastorali nei prossimi anni. 29/06/2014   Scarica il testo      
iscrizione-cresimandi-adultiDi seguito la possibilità di scaricare:   -il modulo per l'iscrizione dei cresimandi adulti da trasmettere all'ufficio catechistico entro il 15 settembre 2014. -Scarica il MODULO-   -l'itinerario catechistico per la celebrazione del Sacramento della Confermazione il 16 Dicembre 2014 nella Basilica Cattedrale alle ore 17:30. -Scarica l'ITINERARIO-                        
laboratorio-bartimeo-maggioGiovedì 8 maggio 2014 alle ore 20,30 presso la Parrocchia di S. Giuseppe di S. Cesareo si svolgerà l'ultimo incontro annuale del corso formativo per la catechesi alle persone con disabilità, organizzato dall'Azione Cattolica Diocesana in collaborazione con l'Ufficio Catechistico Diocesano.Guidati dalle Assistenti alla comunicazione Ricciardi Laura e Conti Diletta approfondiremo il tema della sordità e cercheremo di avvicinarci al Linguaggio italiano dei segni in vista di un approccio comunicativo adeguato con i...
nomina-dei-referenti-dei-settori-della-catechesiIl 25 aprile 2014, giorno della Festività della Beata Vergine Maria Madre del Buon Consiglio di Genazzano, il Vescovo Diocesano Sua Ecc.za Mons. Sigalini Domenico ha nominato i referenti dei settori della catechesi che operano all'interno dell'Ufficio Catechistico Diocesano.   Tomassi Nazzareno, referente del Settore per l'apostolato biblico.Diacono Carletti Giancarlo, referente del Settore del servizio per il catecumenato degli adulti.Suor Calandrello Angela Lucia, referente del Settore per la catechesi delle persone...
i-catechisti-della-diocesi-in-ritiro-spirituale-con-il-vescovo-domenico-per-l-inizio-della-quaresima-domenica-9-marzo-2014"Non stanchiamoci di fare il bene" (Gal 6,9)I catechisti della Diocesi in ritiro spirituale con il Vescovo Domenico per l'inizio della Quaresima- DOMENICA 9 MARZO 2014- Papa Francesco, il 29 settembre 2013, nell'Omelia della S. Messa in occasione del pellegrinaggio alla Tomba di S. Pietro di tutti i catechisti del mondo ha detto: "Il catechista è un cristiano che porta in sé la memoria di Dio, si lascia guidare dalla memoria di Dio in tutta la sua vita, e la sa risvegliare nel cuore degli altri". Sono parole che ci richiamano il punto...
ritiro-di-avvento-per-tutti-i-catechistiQuest'anno il ritiro di Avvento per tutti i catechisti della Diocesi si svolgerà Domenica 1 Dicembre 2013 presso la "Casa Ragazzi di S. Antonio".   Istituto Padri Rogazionisti (vicino alla Stazione di Zagarolo: Via Prenestina Nuova, 46) dalle ore 15,00 alle ore 18,30.Saremo guidati nella preghiera e nella meditazione dal Vicario generale Mons. Gabrielli Felicetto.    
laboratorio-bartimeo-l-attenzione-e-la-catechesi-alle-persone-disabili-2I giorni 8 e 9 ottobre prosegue il corso di formazione per la catechesi alle persone diversamente abili, a cui sono invitati i catechisti, gli educatori e animatori e gli operatori pastorali. Il progetto, frutto della collaborazione tra l'Ufficio Catechistico Diocesano e l'Azione Cattolica Diocesana, si pone l'obiettivo di creare una mentalità inclusiva da cui possa nascere un'operatività coerente. Il percorso ha come titolo: "Laboratorio Bartimeo" ed ha un'articolazione particolare pensata appositamente per venire incontro alle esigenze...
lectio-vescovo-settembre-2In occasione dell'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di Formazione Teologica di base, il Vescovo S.E. Mons. Domenico Sigalini terrà il giorno 30 settembre 2013 alle ore 18,00 nella Sala Polivalente della Curia una lectio magistralis sul tema "Giornata Mondiale della Gioventù 2013: non lasciatevi rubare la speranza".   Si tratta di un incontro rivolto a tutti, operatori pastorali e giovani, che avranno la possibilità di considerare approfonditamente un punto rilevante del programma pastorale diocesano riguardante...
incontro-catechisti-2Il giorno sabato 5 ottobre 2013 alle ore 21,00 nella Basilica Cattedrale di S. Agapito il Vescovo, S.E. Mons. Domenico Sigalini, incontra tutti i catechisti della Diocesi per riflettere sul tema: "Essere catechisti: una vocazione e una missione nuova" . L'incontro rappresenta il terzo momento del Convegno pastorale diocesano di inizio d'anno e si rivolge specificamente ai catechisti con l'intento di fare sentire loro la preghiera, il sostegno e l'incoraggiamento di tutta la...
pellegrinaggio-dei-catechisti-dal-santo-padre-francescoGRANDE EVENTO NELL'ANNO DELLA FEDEGIORNATA DEI CATECHISTI PELLEGRINAGGIO DEI CATECHISTI   Promosso dal Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione Roma, 28-29 settembre 2013   Si tratta di un evento unico che investe in prima persona i catechisti offrendo loro la possibilità di rinnovare la propria professione di fede sulla tomba di Pietro e di stringersi con la preghiera e l'affetto intorno al Vescovo di Roma, papa Francesco.Il programma dell'evento si snoda attorno a due punti fondamentali: il pellegrinaggio...

uffcatechistico

 

SEDI E CONTATTI

 

Sede Diocesana:
c/o Curia Vescovile, Piazza G. Pantanelli 8, Palestrina


Direttore

Dott. Gabriele Lunghini


Contattaci su: 
Mail: catechesi@diocesipalestrina.it

Tel: 069534428

Cel: 329 5651404


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).