Pellegrinaggio diocesano dei fanciulli e dei Ministranti alla Madonna del Buon Consiglio

Pellegrinaggio Fanciulli 2019Quest’anno il pellegrinaggio diocesano di tutti i fanciulli della catechesi di iniziazione cristiana in cammino verso la Prima Eucaristia, quindi da 6 a 11 anni, e dei Ministranti, insieme al Vescovo Mauro, si svolgerà sabato 4 maggio. Come è nostra abitudine da alcuni anni accompagniamo i fanciulli al Santuario della Madonna del Buon Consiglio di Genazzano per vivere insieme a loro un momento di gioia nella fede ed affidarli al cuore materno di Maria. Staremo insieme dalle 9,00 alle 12,30. Invitiamo a partecipare anche le famiglie dei fanciulli in modo che sia una giornata in cui possiamo vivere l’iniziazione cristiana come un cammino che coinvolge tutta la comunità.

 

Il pellegrinaggio si svolgerà secondo questo programma:

Ore 9,00: ritrovo e accoglienza a Genazzano a Piazza della Repubblica.

Ore 9,45: Inizio del pellegrinaggio verso il Santuario della Madre del Buon Consiglio scandito da 5 stazioni.

Ore 11,00: Celebrazione eucaristica presieduta dal nostro Vescovo Sua Ecc.za Mons. Mauro Parmeggiani.

Ore 12,30: Conclusione con l “Atto di affidamento dei fanciulli a Maria”.

 

Samuele era un giovane insicuro, ma il Signore comunicava con lui. Grazie al consiglio di un adulto, aprì il suo cuore per ascoltare la chiamata di Dio: «Parla Signore, perché il tuo servo ti ascolta» (1 Sam 3,9.10). Per questo è stato un grande profeta che è intervenuto in momenti importanti per la sua patria.

 

Papa Francesco, Esortazione apostolica post-sinodale “Christus vivit”, n.8.

 

pdfDOWNLOAD

-> Locandina dell'evento
-> Lettera ai Catechisti
-Libretto liturgico del pellegrinaggio

 

Dalla “Gaudete et exsultate” di Papa Francesco

La tua missione in Cristo

21. Il disegno del Padre è Cristo, e noi in Lui. In definitiva, è Cristo che ama in noi, perché «la santità non è altro che la carità pienamente vissuta». Pertanto, «la misura della santità è data dalla statura che Cristo raggiunge in noi, da quanto, con la forza dello Spirito Santo, modelliamo tutta la nostra vita sulla sua». Così, ciascun santo è un messaggio che lo Spirito Santo trae dalla ricchezza di Gesù Cristo e dona al suo popolo.

22. Per riconoscere quale sia quella parola che il Signore vuole dire mediante un santo, non conviene soffermarsi sui particolari, perché lì possono esserci anche errori e cadute. Non tutto quello che dice un santo è pienamente fedele al Vangelo, non tutto quello che fa è autentico e perfetto. Ciò che bisogna contemplare è l’insieme della sua vita, il suo intero cammino di santificazione, quella figura che riflette qualcosa di Gesù Cristo e che emerge quando si riesce a comporre il senso della totalità della sua persona.