Lunedi, 21  Settembre  2020  15:01:13


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Manda il tuo Spirito Signore a rinnovare la terra!

pentecoste2014

Don Cyriaque Niyongabo

Questa invocazione sale al Signore dalle labbra della Chiesa ovunque ci si riunisce per pregare oggi. Il primo messaggio dunque viene dalla stessa invocazione. È per fare le cose nuove, una terra nuova perché rinnovata dall’azione dello Spirito che imploriamo. Accanto a questa invocazione, ve ne un'altra intensa e vibrante, che la liturgia rivolge allo Spirito santo in questo giorno di Pentecoste: “Vieni, santo Spirito”. Celebriamo questa festa della Pentecoste durante questo anno santo del Giubileo della misericordia. Il sentimento più grande da percepire e infondere deve essere quello della tenerezza. Se lo Spirito ci sorprende con una piccola Pentecoste interiore, siamo pronti a gioire di tutta la tenerezza della paternità di Dio perché, come figli, ci sentiamo accolti, perdonati, custoditi dentro un amore che non potrà mai mancare e godiamo delle grande tenerezza di Dio.
La chiesa dunque chiede ciò che già sa doversi compiere, perché lo Spirito Santo ha questa missione di rendere nuove le cose. Un cuore grande, cuore aperto alla maniera di Dio potrà poi trasmettere questa freschezza delle cose nuove. Come non commuoversi davanti all’affermazione: “li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio”? I convenuti alla grande festa della terra rinnovata sentono un nuovo “magnificat” cantato in lingue! La grande novità dello Spirito è stata la riconciliazione tra i popoli. Dalla Torre di Babele, l’umanità ormai con il linguaggio confuso, è tornata a capirsi, ognuno sentendo l’altro parlare la propria lingua come narrano gli atti degli apostoli. L’uomo è destinato ad avere una nuova grande famiglia. Lo Spirito Santo l’ha fatto uscire dall’egoismo e dall’orgoglio primitivi in cui voleva chiudersi facendosi un nome sulla terra. La chiusura degli inizi diventa una grande apertura all’umanità intera come lo fa vedere l’elenco dei popoli nominati.
Lo Spirito di Dio lava, purifica, sana, piega, scalda, drizza, come confessa ancora la chiesa nella preghiera della sequenza della celebrazione odierna. Il brano della preghiera sacerdotale di Gesù che proclamiamo ci insegna che lo Spirito Paraclito inviato dal Padre nel nome di Gesù, insegna ogni cosa e ricorda ciò che Gesù ha detto a noi! Ecco allora come la festa odierna diventa una contemplazione dell’azione dello Spirito Santo a favore di noi uomini e della nostra salvezza.
Tutte queste considerazione che emergono dalla Scrittura proclamata ruotano intorno ad un messaggio di immensa tenerezza: lo Spirito ci rende figli e ci fa chiamare Dio come un figlio chiama il suo papà.
Invocare dunque dicendo: “Vieni santo Spirito” diventa per i figli di Dio nella chiesa una necessità, un punto di partenza per ogni santa iniziativa. Certamente anche i discepoli avevano sulle labbra queste parole mentre in silenzio attendevano l’avverarsi dell’evento promesso, il miracolo del vento e del fuoco, il disserrarsi di tutte le chiusure e l’esperienza di una straordinaria libertà. Anche noi abbiamo bisogno dello Spirito, perché senza lo Spirito non sapremmo neppure godere della presenza di Cristo e del Padre. Senza di lui il nostro Dio sarebbe un Dio freddo e distante, da temere più che da amare, da rispettare più che da invocare.
Se è vero che lo Spirito santo dischiude la mente e il cuore alla comprensione delle cose di Dio, vorremmo che anzitutto ci parlasse di se stesso, ci rivelasse cioè qualcosa del suo divino segreto.

Mi preme però fare una considerazione per un aspetto della nostra vita cristiana. Lo Spirito Santo è il protagonista nascosto di tutte le nostre azioni liturgiche e sacramentarie. Lo viviamo in un modo eccellente soprattutto in questo periodo in cui tanti dei nostri ragazzi stanno ricevendo la santa Cresima. Vivono la loro pentecoste e noi siamo testimoni.

Si rinnova allora nella vita dei preadolescenti, nel momento in cui la loro età comincia a salire e diventa irta di problemi, l’evento della Pentecoste, l’effusione straordinaria dello Spirito. La cresima dovrebbe segnare il “rimanere sempre” dello Spirito nella loro fragile adolescenza: per una presenza più partecipe nella comunità cristiana, per una testimonianza più coraggiosa negli ambienti di vita. E invece, dopo il pranzo della cresima, ha inizio per molti il tempo della lunga orfananza. Invochiamo dunque nella preghiera odierna questa presenza divina dicendo ancora: “Vieni Santo spirito”! Imploriamo affinché lo Spirito stia con tutti i ragazzi e gli adolescenti ormai orfani in casa, perché i loro genitori sono latitanti, non rispondono alla loro missione. Alcuni hanno dimenticato la propria cresima: la loro Pentecoste. E così i figli sono soli. L’unità creata dalla discesa dello Spirito faccia che nessun figlio rimanga più solo nella salita verso le vette della vita. Così nessun sacerdote e nessun educatore sarà triste a causa di quella cresima che segna un giorno di nascita di tanti orfani.
Il rendercene finalmente conto significa restituire oggi alla nostra Pentecoste la sua verità.
La verità dello Spirito: misterioso cuore del mondo, vento sugli abissi, fuoco del roveto. Nella festa di Pentecoste, Dio esce da se stesso, diventa effusione ardente di vita, di un amore cercatore che preme, dilaga, e che un giorno si è aperta la strada verso il nostro cuore.
Così concludiamo ancora chiedendo al Signore che dà vita e gli diciamo: “Vieni santo Spirito!”. Vieni come fuoco d’amore, come vento di libertà, come parola di comunione libera e amante, capace di suscitare ascolto e stupore annunciando a tutti che Cristo è il Signore, “il Vivente” (Ap 1, 18).

Don Cyriaque Niyongabo

 

 

 

video-gallery

 

fotogallery

ordinazione Josè Manuel Tabilo Carrasco

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).