Domenica, 26  Gennaio  2020  18:54:12


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanaAccount Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


La GMG 2016 di Cracovia è terminata e rilanciata la prossima a Panama, nell’America Centrale-Sud per il 2019

I nostri ragazzi hanno dormito al campo chiamato Campus Misericordiae, noi vescovi, un po’ vecchietti, dopo la veglia (e ore di attesa prima di ripartire) siamo dovuti rientrare agli alloggi e la mattina presto alle 5.30 siamo di nuovo partiti per il Campus e qui dopo tutte le perquisizioni a uno a uno, abbiamo aspettato il papa che è arrivato poco prima delle 10. Queste le informazioni tecniche. La realtà più belle che tutti: giovani, preti e suore, animatori e vescovi abbiamo vissuto sono state la veglia di ieri sera e la celebrazione eucaristica di stamane. La veglia al fresco e la messa al sole cocente di Cracovia. Il tempo per la prima volta è stato bello, ma al rientro del pomeriggio di domenica una lavata con tuoni e fulmini, ogni due ore. Il papa è stato il vero conduttore dopo lo Spirito Santo e la grande misericordia di Dio Padre nel figlio suo Gesù Cristo.
La veglia, come sempre molto suggestiva e con proposta da parte di tre giovani di esperienze tragiche, commoventi e decisive, cui il papa stesso ha sempre fatto riferimento nel suo parlare chiamando i ragazzi per nome, e drammatizzazioni di situazioni giovanili diffuse in tutto il mondo: noia, droga, disimpegno, servizio generoso, solitudini, emarginazioni, incapacità di uscire dal proprio loculo virtuale..
Papa Francesco con il suo linguaggio concreto, giovanile, incisivo, affettuoso, ma fermo in pratica ha detto ai giovani che non devono mai adagiarsi sul divano (giovani-divano), ma devono agire sempre per mantenersi liberi, veri, creativi nel pensare e nell’agire e capaci di lasciare la loro impronta nel mondo che abitano. Dice oggi sull’Avvenire Mimmo Muolo che questa GMG sarà ricordata con una sua cifra interpretativa, quella della misericordia. “Misericordia come antidoto ai conflitti, guerreggiati o interiori che siano.
Misericordia come medicina per curare l’indifferenza di chi guarda gli eventi solo attraverso uno schermo (tivù, telefonino, computer).
Misericordia per costruire ponti e abbattere muri.”
Papa Francesco ci ha preso per mano: giovani e vescovi, preti e animatori, padri e figli e ci ha fatto scuola. Qualcuno ancora dice che i giovani si fanno le loro feste fuori dai problemi della vita. Papa Francesco ci ha condotti a vedere lo scenario del mondo secondo la prospettiva di un Dio «che ci insegna a incontrarlo nell’affamato, nell’assetato, nel nudo, nel malato, nell’amico che è finito male, nel detenuto, nel profugo e nel migrante, nel vicino che è solo». E i giovani alle domande insistite di papa Francesco hanno risposto dei si prolungati, da tutte le parti del Campus Misericordiae che, a diversità da altre gmg attorniava il palco, anche senza vederlo direttamente se non nei megaschermi.
La messa del mattino con un papa sempre molto serio e consapevole del gesto liturgico (era così anche san Giovanni Paolo II) il papa commentando il brano di vangelo che parla di Zaccheo che vuol vedere Gesù e sale sull’albero, diceva ai giovani: rischiate, una vita senza rischi non è degna di essere vissuta, Gesù si da a vedere se rischiate di salire a cercarlo. Vi chiama e vi dice che vuole stare a casa di ciascuno: di te, di me di ogni vostro amico. E se viene a casa vostra viene da tutti coloro che con voi hanno relazioni; in esse annunciate la gioia che avete provato e che provate a stare con Gesù.
Immancabili i riferimenti a san Giovanni Paolo II da parte dell’arcivescovo di Cracovia, già suo segretario e ora suo successore nella cattedra di Cracovia, a santa Faustina, che con san Giovanni Paolo II da Cracovia ha diffuso, fatto risaltare in tutto il mondo la concretezza e la grazia della Misericordia di Dio. Un ritornello sempre cantato sia la sera che al mattino era “Signore mi affido a te”. A mezzogiorno il papa annuncia la prossima GMG mondiale a Panama,
Commenta l’amico Piero Schiavazzi nell’Huffington post:
“Topos e logos, location e mission, geografia e calligrafia combaciano nel magistero di Bergoglio, che a sorpresa promuove l’istmo panamense, centro e periferia insieme, incrocio tra il Nord e il Sud, tra l’Est e l’Ovest. Versione geopolitica dell’evangelica cruna dell’ago: e del passaggio, problematico, che al momento non si può dare per scontato, tra un nuovo mondo e la fine del mondo”.
Papa Francesco ci benedice e comincia la lenta, complicata e paziente evacuazione, nella massima sicurezza, ma sempre sotto un sole cocente.
Avremo modo di sottolineare altri elementi. Ora mi basta essere grato a tutti i preti e gli animatori che hanno accompagnato i ragazzi, alle due monache, ad alcuni genitori o fratelli e sorelle maggiori, a tutti i giovani, ai ragazzi e ragazze stesse che sono stati il cuore della giornata.

 

+ Domenico vescovo
Cracovia, sera del 31 luglio GMG 2016



 

 

 

Da Cracovia con i nostri giovani

 

diario-gmg-sigalini-2016Oggi 30 luglio ci stiamo preparando al momento culminante della GMG 2016. L’incontro gioioso col papa di giovedì, la sua riflessione sofferta e intensa di ieri alla Via Crucis, dopo che aveva visitato i lager di Auschwitz e Birkenau ci hanno preparato alla festa finale che è sempre sabato sera con la veglia di preghiera e domenica con il centro di ogni GMG che è la santa messa. Dire che i ragazzi, i giovani, gli accompagnatori sono entusiasti è dir poco. Ieri sera mi sono fatto il giro del centro di Cracovia in cerca dei concerti dei the Sun e di Suor Cristina, si toccava con mano la gioia, l’allegria, la fede professata senza vergogna, l’amicizia, il desiderio di esprimersi con libertà, la voglia di sentirsi parte di un  grande progetto di umanità, di civiltà, di mondo, come papa Francesco spesso carica i giovani . Ogni gruppo ha i suoi accompagnatori, preti o suore o coppie di genitori. Abbiamo fatto tre giornate di catechesi, dislocati ovunque. I nostri giovani sono distribuiti in tante parti e qualche momento assieme anche se faticoso lo abbiamo fatto. Il gruppo organizzato dalla diocesi si trova a 75 Km da Cracovia e il percorso per giungervi in treno è impossibile, più di tre ore in vagoni superaffollati e al rallentatore. Ci siamo messi una mano al portafoglio e abbiamo affidato il trasporto a bus che ci permettono di essere in città in un’ora e mezza. Ogni giorno ci bagna la pioggia, ma siamo ben attrezzati; solo oggi c’è bel tempo tutto il giorno e la veglia sarà uno dei punti culminanti.
Per i giovani sentirsi dire da papa Francesco, dal card. Bagnasco  che sono la risposta con la loro vita, la loro presenza qui, la loro gioia, il loro servizio alle crudeltà del mondo, agli attentati, alla terza guerra mondiale a pezzi li carica, forse superficialmente, ma li rende consapevoli delle proprie responsabilità e della propria vocazione  da cristiani nel mondo di oggi.

 


Le parole serie e coinvolgenti di papa Francesco ieri sera li ha colpiti per la gravità e la responsabilità da assumersi come cristiani, della serie: se non siete accoglienti non ditevi cristiani, se non siete capaci di vedere il volto di Cristo in chi soffre oggi: emarginati, esiliati, richiedenti asilo, immigrati, gente che muore annegata, bambini soli, non ditevi cristiani.
Noi educatori siamo contenti di essere qui con loro e di fare questi cammini, talora snervanti, ma sempre a conclusione inaspettata e coinvolgente.
Stanotte e domani sarà il sigillo al nostro impegno e una apertura al nostro quotidiano che ci aspetta nelle nostre contrade.

 

+ Domenico, vescovo  

 

 

 

 

 

 

video-gallery

 

fotogallery

Assemblea Catechisti 2020

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).