Mercoledi, 29  Gennaio  2020  09:41:36


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanaAccount Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Lavoro

policoroSTARE DENTRO ALLA STORIA CON AMORE E CON LA FANTASIA DELLA MISERICORDIA

 

Il 2016, al netto dell’effimera euforia natalizia, ha messo al centro dell’agenda pubblica il tema del lavoro. I 1.666 licenziati di Almaviva, l’avvio da parte di Alitalia di un piano “lacrime e sangue” che potrebbe portare al taglio di 1.500 lavoratori in esubero.  A questi fatti si aggiungono i dati, non certo confortanti di un Report curato dal Ministero del Lavoro, Istat, Inps, Inail che ci dice che il lavoro è aumentato ma non certo per i giovani (in tre mesi gli under 35 sono diminuiti di 55 mila unità).  E poi torna prepotentemente sulla scena sociale una categoria che speravamo relegata agli anni del dopoguerra: la povertà. Sono infatti, secondo l’Istat, 1 milione e 582 mila famiglie in stato di povertà assoluta, per un totale di 4,6 milioni di persone (il 7,6% della popolazione e il 6,1% delle famiglie). Anche qui i più penalizzati sono i giovani: sono il 9,9% i giovani indigenti tra i 18 e 34 anni, mentre gli over 64 sono il 4,1%. Anche qui la causa della “povertà giovanile” risiede nel lavoro ovvero nella sua mancanza.

Abbiamo passato buona parte del 2016 a parlare, ma più spesso a gridarci addosso, di revisione costituzionale, proprio di quella Carta che al primo articolo recita “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro….”, abbiamo visto un Parlamento che in un batter d’occhio ha reperito 20 mld per salvare le banche, ma che, ad esempio, sul Reddito di inclusione (REI) vi è una legge delega approvata dalla Camera ma che giace al Senato. Il REI è un sostegno al reddito e l’Italia è l’unico tra i paesi europei a non avere una misura universale di sostegno al reddito.  E’ quindi necessario che si avviino politiche attive per il lavoro non solo a livello macro ma anche a livello di territori. Due realtà sociali nel territorio prenestino in quest’ultimo anno stanno intraprendendo un cammino, certo non facile, nel difficile territorio del sociale e del lavoro: una in ambito ecclesiale con il rilancio del Progetto Policoro diocesano, a fianco del quale l’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Palestrina intende svolgere una funzione propositiva e di stimolo, e l’altro in ambito laicale con l’avvio dell’Associazione WorkAbile che un gruppo di giovani pieni di slancio sociale sta portando avanti (l’Associazione è stata presentata a Palazzo Rospigliosi di Zagarolo e al Caffè Letterario di Palestrina).

Il progetto Policoro è una sfida che la disoccupazione giovanile pone alla Chiesa con la precisa volontà di individuare delle risposte all’interrogativo esistenziale di tanti giovani che rischiano di passare dalla disoccupazione dal lavoro alla disoccupazione della vita. La risposta che è stata individuata è quella di lavorare insieme per evangelizzare, educare, esprimere impresa. Operativamente il Progetto Policoro si avvale dello strumento del “microcredito sociale” che permette a “giovani imprenditori” di avviare attività fornendo quella base economica altrimenti non reperibile sul mercato del credito ordinario. Per informazioni si può inviare una e mail a: psl@diocesipalestrina.it

L’Associazione WorkAbile è un’associazione di promozione sociale, senza scopo di lucro che si propone di educare e far crescere i cittadini anche in particolare situazione di disagio sociale e/o disabilità al tema del lavoro. Tra i suoi compiti l’associazione si propone di sensibilizzare alle tematiche del lavoro, organizzare percorsi di avvicinamento al lavoro, di sostegno nei rapporti tra il cittadino e i servizi, di diffondere una cultura in tema di inclusione sociale. A chi fosse interessato i contatti sono: cell. 3299622752, e mail: workabile@gmail.com, FB: Workabile.  

Due realtà del territorio prenestino che cercano di sopperire alla mancanza di politiche sociali attive, qualcosa forse si riuscirà a fare con il dialogo scuola-lavoro,  e che vedono purtroppo crescere fenomeni di disagio sociale accompagnato sempre più spesso dal fenomeno della “dispersione scolastica” che in Italia è ancora a livello critico, dato nazionale 2014 al 15%, il Lazio al 17% (con i maschi al 13,6% e le femmine al 10,2%), quando l’UE si è posto come obiettivo 2020 il 10%. Il Rapporto sul Benessere Equo e Solidale in Italia  (Istat 2015) evidenzia, inoltre, come la povertà minorile si sia aggravata non solo per quanto riguarda il livello di istruzione, di formazione e di competenze acquisite dai giovani, ma anche nel decisivo campo delle reti sociali, con il peggioramento dei livelli di partecipazione civica, politica e sociale dei giovanissimi (14-19 anni).

Sul problema della dispersione scolastica è stato inoltre avviato il “Fondo per il Contrasto della Povertà Educativa Minorile”(Legge 28 dicembre 2015 n. 208 articolo 1, comma 392) a cui si può accedere attraverso dei bandi pubblici a cui la Pastorale Sociale e Lavoro e il Progetto Policoro stanno fornendo supporto progettuale.

Per noi anche questa è Chiesa che poi ritroviamo nelle parole di Francesco nell’omelia al Te Deum 2016:

“Abbiamo creato una cultura che, da una parte, idolatra la giovinezza cercando di renderla eterna, ma, paradossalmente abbiamo condannato i nostri giovani a non avere uno spazio di reale inserimento, perché lentamente li abbiamo emarginati dalla vita pubblica obbligandoli a emigrare o a mendicare occupazioni che non esistono o che non permettono loro di proiettarsi in un domani….Ci aspettiamo da loro che siano fermento di futuro, ma li discriminiamo e li “condanniamo” a bussare a porte che per lo più rimangono chiuse……Se vogliamo puntare a un futuro che sia degno di loro, potremo raggiungerlo solo scommettendo su una vera inclusione: quella che dà il lavoro dignitoso, libero, partecipativo, solidale”

Don Mario Operti,  insieme a mons. Domenico Sigalini, Vescovo di Palestrina, hanno posto le basi per l’avvio del Progetto Policoro nel 1995 volendo dare concretezza a quello “stare dentro la storia con amore” convinti che l’Italia “non crescerà, se non insieme”. Dobbiamo quindi tutti, politica, Chiesa, cittadini, impegnarci per individuare quelle risposte che il mondo giovanile ci pone e che nel recente referendum hanno probabilmente voluto esprimere con quel NO, che più che un critica distruttiva voleva essere una richiesta di aiuto a cui tutta la società non deve e non può sfuggire. Perché come ci ricorda Papa Francesco in “Misericordia et Misera”: 18. E’ il momento di dare spazio alla fantasia della misericordia per dare vita a tante nuove opere, frutto della grazia. La Chiesa ha bisogno di raccontare oggi quei “molti altri segni” che Gesù ha compiuto e che “non sono stati scritti” (Gv 20,30), affinché siano espressione eloquente della fecondità dell’amore di Cristo e della comunità che vive in lui.

 

Roberto Papa Palestrina, 1 gennaio 2017

Direttore della Pastorale Sociale e Lavoro

Diocesi di Palestrina

 

 

 

video-gallery

 

fotogallery

Assemblea Catechisti 2020

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).