Giovedi, 16  Luglio  2020  15:47:20


calendario I nostri contatti La pagina Facebook diocesanainstagram Account Twitteril Canale Youtubeil Canale Telegram


Osare la pace: una giornata che ha 50 anni

colomba

Quest’anno è stata proprio la cinquantesima volta che il Papa invia a tutti gli uomini di buona volontà e in particolare alle comunità cristiane una lettera per il primo dell’anno, dichiarato dal beato papa Paolo VI, giornata della pace. Sarà utile fare uno studio comparativo di questi 50 anni, che hanno visto la chiesa continuamente proporsi la tematica, approfondirla, facendola diventare spazio formativo sulla pace e preghiera a Dio, diffondendola a livello mondiale.

Per quel che riesco a ricordare, anche pensando solo alle chiese che sono in Italia, la giornata ha sempre segnato un cammino molto interessante e impegnato.

Si è iniziato a proporre una marcia della pace nella notte di fine d’anno, senza intenti partitici o di manifestazione di forza, ma sempre con grande attenzione al territorio, alle grosse sfide interne alla nostra vita pubblica e spesso al panorama internazionale. Ricordo che all’inizio, come sempre avviene nella chiesa, i primi a rispondere concretamente sono stati movimenti agili e interdiocesani.

Penso a «Pax Christi» che non ha mai risparmiato energie e riflessioni attente e concrete. Ricordo per esempio una marcia della pace fatta a Brescia con la presenza vivace del vescovo di Ivrea mons. Bettazzi per sensibilizzare il territorio alla necessità di convertire le industrie di armi, caratteristiche del luogo, in industrie di pace. Non furono solo slogan, ma anche riflessioni specializzate di tipo economico.

Alcune persone maturarono una attenzione particolare alla pace, tanto che alcuni anni dopo, divenne il responsabile di Pax Christi un prete bresciano, don Fabio Corazzina, abitante a Castenedolo (BS), in cui c’era una famigerata fabbrica di mine anti uomo, messe al bando internazionale, anche se, purtroppo, sempre troppo tardi.

Lo scrittore di preziosi libri sulla pace e la non violenza, Anselmo Palini, nacque in quest contesto reso esplicito e fortificato anche da quella giornata della pace. Ne ricordo un’altra fatta a Torino, dove sorgeva l’arsenale della pace con la bella figura di Ernesto Olivero, che ha trasformato un luogo di armi e di stoccaggio bellico in una residenza di relazioni costanti e di vite dedicate alla pace non solo contro la guerra, ma anche contro ogni violenza.

Un’altra importante marcia di fine anno fu fatta a Lecce, nel profondo Sud, rievocando anche la preziosa immagine di un uomo di pace, don Tonino Bello, che fu vescovo in Puglia e che fu antesignano di un viaggio di Papa san Giovanni Paolo II nei luoghi della guer- ra dei Balcani. Va messa in evidenza la costante attenzione dell’Azione cattolica a livello nazionale che ha costituito un forum e un centro studi di diritto internazionale per la pace e ha sempre coinvolto, nella proposta all’Italia del discorso annuale del papa, le Congregazioni romane interessate all’argomento. Infine, è di questi ultimi decenni la presa in carico della giornata da parte della Caritas nazionale e dell’ Azione cattolica nazionale. Ci sono altre marce per la pace in Italia (vedi quella di Assisi), in cui tanti convergono ed ègiusto che si moltiplichino. E’ giusto però che la Chiesa, proprio per quel Principe della Pa- ce che è Gesù, si sporga e prenda posizione nelle coscienze, nelle vite delle persone e delle istituzioni delle sfide che la pace sempre di nuovo ci impone.

Oggi la sfida si chiama “terza guerra mondiale a pezzi” come dice papa Francesco ed è stato notevole che abbia legato la giornata mondiale di quest’anno alla “non violenza”. E’ un termine che non sempre è stato ben accolto nella esperienza cristiana, dandone spesso una interpretazione faziosa o ideologica o addirittura quasi a suo modo violenta. Giustamente il papa dice: «la non violenza potrà assumere un significato più ampio e nuovo: non solo aspirazione, afflato, rifiuto morale della violenza, delle barriere, degli impulsi distruttivi, ma anche metodo politico realistico, aperto alla speranza. Si tratta di un metodo politico fondato sul primato del diritto. Se il diritto e l’uguale dignità di ogni essere umano sono salvaguardati senza discriminazioni e distinzioni, di conseguenza la non violenza intesa come metodo politico può costituire una via realistica per superare i conflitti armati. In questa prospettiva, è importante che si riconosca sempre più non il diritto della forza, ma la forza del diritto.» Molti gruppi non violenti non hanno sempre visto bene la chiesa. Spero che con questa solenne presa di posizione ci si possa collegare ancora di più e lavorare assieme proprio in pace tra noi e ancora più forti per la pace

 

+ Domenico Sigalini

 

Lazio Sette

08-01-2017

 

 

 

video-gallery

 

fotogallery

Messa ammissione diaconi

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca -Per saperne di piu'- . Cliccando su "Approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Questo sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazionie servizi online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da questo sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono frammenti di testo che permettono al server web di memorizzare sul client tramite il browser informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo i cookie si distinguono in diverse categorie:

Cookie strettamente necessari.

Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di navigazione (chiuso il browser vengono cancellati)

Cookie di analisi e prestazioni.

Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione.

Si tratta di cookie utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.


Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato ("proprietari"), sia da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Questo sito non fa uso di cookie persistenti, è possibile però che durante la navigazione su questo sito si possa interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

 

Come Gestire i Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Occorre tenere presente che la disabilitazione totale dei cookie può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

Di seguito è possibile accedere alle guide per la gestione dei cookie sui diversi browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

E' possibile inoltre avvalersi di strumenti online come http://www.youronlinechoices.com/ che permette di gestire le preferenze di tracciamento per la maggior parte degli strumenti pubblicitari abilitando o disabilitando eventuali cookie in modo selettivo

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)

Il pulsante ?Mi Piace? e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)

Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)

Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Privay Policy

Statistica

 

google-analytics

Google-analytics.com è un software di statistica utilizzato da questa Applicazione per analizzare i dati in maniera diretta e senza l?ausilio di terzi
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

 

Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne

Widget Video Youtube (Google)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all?interno delle proprie pagine.
Dati Raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA
Privay Policy

 

Titolare del Trattamento dei Dati

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Il "titolare" del loro trattamento è la Curia della Diocesi Suburbicaria di Palestrina che ha sede in Piazza G. Pantanelli 8, 00036 Palestrina (RM).